siria

In Siria la guerra è iniziata nel marzo 2011, quando migliaia di siriani cominciarono a protestare contro il regime autoritario di Bashar al Assad, chiedendo più diritti e più democrazia. Nel corso del tempo la guerra in Siria si è piano piano trasformata in qualcosa di diverso: dalla parte del regime sono intervenuti Russia, Iran e molte milizie sciite straniere, mentre tra i ribelli hanno cominciato a combattere anche diversi gruppi jihadisti.

Tutta la situazione in Siria è stata complicata dal ruolo sempre più importante assunto sia dall’ISIS che dai curdi, questi ultimi appoggiati dagli Stati Uniti.

Oggi, dopo la vittoria di Assad nell’importante battaglia di Aleppo, la sopravvivenza del regime siriano di Damasco non è più in discussione, ma la pace in Siria sembra essere una prospettiva ancora molto lontana.

L'ISIS sta tornando

L’ISIS sta tornando

Senza più il territorio del Califfato, ma con attacchi, estorsioni e rapimenti ripetuti sia in Siria che in Iraq

Nessuno vuole prendersi Jack Letts

Nessuno vuole prendersi Jack Letts

È un ragazzo anglo-canadese accusato di aver combattuto per l'ISIS, che però si dice innocente: oggi è prigioniero in Iraq, il Regno Unito gli ha tolto la cittadinanza, il Canada vuole lasciarlo lì

Assad vuole riprendersi tutta la Siria

Assad vuole riprendersi tutta la Siria

Si sapeva da tempo, ma ora il presidente siriano è passato all'azione ordinando un'offensiva militare contro Idlib, l'unica provincia ancora sotto il controllo dei ribelli

Il fotografo italiano Gabriele Micalizzi è stato ferito in Siria

Il fotografo italiano Gabriele Micalizzi è stato ferito in Siria

Il fotografo italiano Gabriele Micalizzi, 34enne e originario di Milano, è stato ferito in Siria nella provincia di Deir Ezzor, dice il Rojava Information Center (RIC), un organo di stampa dell’omonima regione autonoma nel nord est della Siria. Micalizzi, dice il