siria

In Siria la guerra è iniziata nel marzo 2011, quando migliaia di siriani cominciarono a protestare contro il regime autoritario di Bashar al Assad, chiedendo più diritti e più democrazia. Nel corso del tempo la guerra in Siria si è piano piano trasformata in qualcosa di diverso: dalla parte del regime sono intervenuti Russia, Iran e molte milizie sciite straniere, mentre tra i ribelli hanno cominciato a combattere anche diversi gruppi jihadisti.

Tutta la situazione in Siria è stata complicata dal ruolo sempre più importante assunto sia dall’ISIS che dai curdi, questi ultimi appoggiati dagli Stati Uniti.

Oggi, dopo la vittoria di Assad nell’importante battaglia di Aleppo, la sopravvivenza del regime siriano di Damasco non è più in discussione, ma la pace in Siria sembra essere una prospettiva ancora molto lontana.

La Siria, dieci anni dopo

La Siria, dieci anni dopo

Il paese devastato dalla guerra cominciata un decennio fa non si può più nemmeno chiamare "paese", e di quello che c'era allora non è rimasto quasi niente

Cos'è la "giurisdizione universale"

Cos’è la “giurisdizione universale”

Il principio per cui un cittadino siriano è stato condannato in Germania per crimini contro l’umanità non commessi né in Germania né contro cittadini tedeschi

Assad ha un nuovo grande problema

Assad ha un nuovo grande problema

Il presidente siriano ha praticamente vinto la guerra contro i ribelli, ma ora deve affrontare una profonda crisi economica e la perdita di uno dei suoi più preziosi alleati

Le elezioni in Siria sono state rinviate di nuovo

Le elezioni in Siria sono state rinviate di nuovo

Le elezioni per il rinnovo del parlamento siriano sono state rinviate per la seconda volta. Lo ha annunciato il presidente Bashar al Assad che ha emesso un decreto con cui le elezioni sono posticipate al 19 luglio e dove viene

Le notizie sul coronavirus dal mondo

Le notizie sul coronavirus dal mondo

Gli Stati Uniti hanno prorogato le restrizioni, in Ungheria il governo potrà legiferare senza consultare il Parlamento e in Giappone c'è un nuovo aumento dei contagi

Cosa resta di Idlib

Cosa resta di Idlib

“La libertà non è più una Statua: è viva, in carne ed ossa”: dei sogni della rivoluzione siriana del 2011 resta poco più di questo graffito su un muro della città [Continua]