crisi

La situazione a Beirut

La situazione a Beirut

Le ricerche dei morti proseguono, gli ospedali rimasti in piedi sono pieni e le scorte di grano sono scarse, mentre pulizia e ricostruzione sono condotte più da volontari che dallo stato

Attenzione ai soldi gratis

Attenzione ai soldi gratis

Gli stati si stanno indebitando più che mai, senza le conseguenze che ci sarebbero state prima della pandemia: secondo l'Economist è l'inizio di una nuova era economica, che ha opportunità e rischi

L'Uruguay se la sta cavando bene

L’Uruguay se la sta cavando bene

Pochi abitanti, grandi spazi, investimenti nel sistema sanitario e interventi tempestivi stanno salvando fin qui un paese pericolosamente vicino al Brasile

Il mostro di tutti i mostri

Il mostro di tutti i mostri

Il primo capitolo del nuovo libro di Carlo Calenda sui guai cronici italiani ha invece un protagonista molto attuale che li riunisce tutti

La Germania lo ha fatto di nuovo

La Germania lo ha fatto di nuovo

Il governo tedesco ha annunciato un nuovo gigantesco piano di aiuti all'economia, che porterà il totale della spesa per contrastare la crisi a quasi 1.500 miliardi di euro

Calano i disoccupati, ma anche i lavoratori

Calano i disoccupati, ma anche i lavoratori

Durante il lockdown l'Italia ha perso 274 mila posti di lavoro, e molti hanno smesso di cercarlo del tutto: per questo il tasso di disoccupazione è al minimo dal 2008

L'italiano che ha salvato l'euro

L’italiano che ha salvato l’euro

Storia di Mario Draghi, «l'uomo di stato europeo più importante dell'ultimo decennio», che questa settimana ha lasciato la Banca Centrale Europea dopo otto anni

Come sarà la prossima crisi

Come sarà la prossima crisi

Arriverà presto e non sarà grave come quella del 2008, scrive l'Economist, ma non siamo comunque attrezzati per affrontarla

Danni collaterali

Danni collaterali

La storia di come la grande crisi arrivò in Italia e di come l'ha cambiata, a dieci anni dal fallimento di Lehman Brothers

Buon anno

Buon anno

In questi giorni in cui molti fanno delle classifiche sull’anno che sta per finire, i libri più belli, i film più belli, i dischi più belli [Continua]

Prada non va benissimo

Prada non va benissimo

Nell'ultimo anno le vendite sono calate del 23 per cento, ma la casa di moda milanese – dicono gli esperti – può ancora riprendersi

L'Australia ha un nuovo primo ministro

L’Australia ha un nuovo primo ministro

Dalla mattina alla sera: Malcom Turnbull ha vinto il voto di fiducia all'interno del partito liberale contro il leader e primo ministro uscente Tony Abbott

Tre giorni ad Atene

Tre giorni ad Atene

Le cose speciali e le cose normali viste nella capitale della Grecia mentre quelli del posto prendevano una decisione molto importante

È cominciata la ripresa in Europa

È cominciata la ripresa in Europa

Lo dice l'Economist, citando le stime di crescita dei primi tre mesi del 2015: ma ci sono ancora dei fattori di rischio e l'Italia non sta andando troppo bene

Le ultime botteghe di Atene

Le ultime botteghe di Atene

Il fotografo Georgios Makkas pubblica su Instagram le immagini di negozi a conduzione familiare chiusi o che sono in difficoltà per via della crisi economica

In crisi

In crisi

Un po' di numeri su un avvenimento eccezionale che capita assai spesso, in Italia (quanto spesso? quale è stata la crisi di governo più lunga? e quella più breve?)

Confesercenti: Consumi giù di 145 mld in 6 anni

Confesercenti: Consumi giù di 145 mld in 6 anni

Roma, 19 giu. (LaPresse) – I consumi “persi” in Italia negli ultimi sei anni sono pari a oltre 145 miliardi, quasi 6mila euro per ciascuna famiglia. E’ quanto si legge in uno studio di Confesercenti, presentato in occasione dell’assemblea annuale