25 film che forse vi siete persi

I Mondiali sono finiti, non vorrete mica uscire tutte le sere: è il momento di recuperare quel film recente che volevate vedere e poi vi siete dimenticati

I Mondiali sono finiti, in tv non c’è granché e anche nei cinema l’offerta estiva è quella che è: qualche aspirante blockbuster o remake e pochi film nuovi. Le novità in arrivo su Netflix non sono particolarmente emozionanti, a meno che non siate grandi fan di Orange is the New Black (ma bisogna comunque aspettare il 27 luglio). Sharp Objects, la serie più interessante delle ultime settimane, arriverà in Italia a settembre.

Tutto questo per dire che negli ultimi anni ci è capitato di parlare sul Post di film meritevoli che passavano dai cinema. Le prossime settimane sono quelle giuste per recuperarli: alcuni, i più recenti, sono tra quelli che potete rivedere ai cinema all’aperto che recuperano i migliori titoli dei mesi passati; altri si possono già guardare su un computer o una tv: in certi casi sono in streaming, in qualche caso bisogna proprio comprarli.

Atomica Bionda

Dov’è? Su Infinity o TimVision (in vendita, non all’interno dell’offerta streaming).
Com’è? Un film d’azione e di spie, ambientato a Berlino negli anni Ottanta. Cose notevoli: la protagonista Charlize Theron, la colonna sonora (parole chiave: Berlino, anni Ottanta) e la scena in quasi-piano sequenza in cui lei e altri se le danno di santa ragione per una decina di minuti.

Charlize Theron fa tutto quello che fa John Wick, ma all’indietro e sui tacchi

Victoria

Dov’è? In DVD.
Com’è? Strano. Perché questo è davvero tutto un unico piano sequenza, girato in un paio d’ore a Berlino, nei quartieri i Kreuzberg e Mitte. Ma non è solo uno strano esercizio di stile. È il miglior modo possibile e il più originale per raccontare una storia vivace e dinamica. Gabriele Niola ne scrisse:

Esiste nella testa degli spettatori, e molto spesso anche nella realtà delle produzioni, uno steccato tra i film commerciali (quelli che divertono molto, non sempre sono svegli, di certo non annoiano) e d’autore (quelli che sono sempre un po’ depressi, hanno tante idee curiose e spunti intriganti, di sicuro possono essere noiosi). […] Questo film di due ore unisce la capacità di sintetizzare il cinema di genere con qualcosa di complicato da riassumere a parole e che incrocia la narrazione, la musica, la recitazione, la fotografia e il montaggio finendo per dare vita a sensazioni inedite.

Il film tedesco girato in un unico piano sequenza che avrete voglia di vedere

Arrival

Dov’è? Su Sky.
Com’è? Un film di fantascienza con alieni diversi dal solito e con umani che per prima cosa provano a parlarci e capire che cosa vogliono. È tratto da Storia della tua vita, un racconto di 60 pagine. Nell’articolo che ha dedicato al suo autore, il New Yorker ha scritto: «Chiang è stato descritto come uno scrittore di fantascienza umanista: molti lettori trovano che le sue storie siano commoventi e capaci di far sognare, anche se sono in realtà molto concrete».

Prima di vedere “Arrival”

Room

Dov’è? Su Netflix.
Com’è? Parla di Joy, una ragazza di 24 anni che da sette anni vive reclusa in una stanza dopo che un uomo l’ha rapita e rinchiusa lì. L’uomo abusa regolarmente di lei e da quando ha rapito la ragazza l’ha messa incinta, facendo nascere Jack, che ha cinque anni e ha vissuto tutta la sua vita nella stanza dove è rinchiusa sua madre: vede la tv ma crede che tutto quello che c’è nella tv sia finto. Fa piangere.

Quattro buoni motivi per vedere Room

Scappa – Get Out

Dov’è? Su Chili o su TimVision (in vendita).
Com’è? Un po’ un thriller, un po’ un horror, un po’ una commedia e una satira sul razzismo in cui, come ha scritto Lanre Bakare del Guardian, «i cattivi non sono i neo-nazisti del sud degli Stati Uniti, o quelli della cosiddetta alt-right. Sono bianchi borghesi e di sinistra». Se siete confusi, giusto così. È uno di quei film da guardare sapendone il meno possibile.

Che tipo di film è “Scappa – Get Out”

Perfetti sconosciuti

Dov’è? Su Netflix.
Com’è? Uno dei migliori film italiani degli ultimi anni. Fa ridere e fa pensare: probabilmente è uno di quei film che guarderemo tra 20 anni per dire “come eravamo”, ma già ora, un paio di anni dopo, gli smartphone dei protagonisti sembrano un po’ vecchi.

“Perfetti sconosciuti”: cinque cose sul film

Anomalisa

Dov’è? Su Netflix.
Com’è? Tristissimo, stranissimo (è girato in stop-motion ma non è come gli altri film in stop-motion) e profondo, nel senso che dopo averlo visto vorrete approfondirne i temi. Per esempio: cosa sapete ora della sindrome di Fregoli?

“Anomalisa” è un film proprio strano

Un sogno chiamato Florida

Dov’è? In qualche cinema all’aperto oppure su TimVision e su Chili (in vendita)
Com’è? A tratti allegro e a tratti straziante (ma più straziante), coloratissimo e un po’ neorealista. Parla di alcuni bambini e alcuni adulti che vivono o lavorano in un motel a Orlando, in Florida, vicino a Disney World. Solo che il parco divertimenti non si vede quasi mai, perché il motel è frequentato da gente povera, con problemi di vario tipo. Ha dei momenti lenti, se siete tra quelli per cui ogni momento lento è un brutto momento.

«Sia il film più allegro che quello più straziante dell’anno»

10 Cloverfield Lane

Dov’è? Su Netflix, dove c’è anche il suo poco apprezzato sequel.
Com’è? È una specie di sequel di Cloverfield, ma non bisogna aver visto il primo per vedere questo. Parla di una ragazza che dopo un incidente finisce in una specie di rifugio antiatomico. L’uomo che la ospita dice di averla salvata e che fuori è arrivata una specie di apocalisse. Solo che lei non sa se credergli: quell’uomo forse è solo un pazzo che si è rinchiuso con lei in un bunker sotterraneo inventandosi un’apocalisse che non c’è.

“10 Cloverfield Lane” è una gran bella sorpresa

The Hateful Eight

Dov’è? Su Netflix.
Com’è? Come un film di Quentin Tarantino, il regista. Ci sono persone che passano gran parte del film a parlarsi e a un certo punto si sparano. È difficile non l’abbiate visto, ma è un buono modo per ingannare l’attesa del prossimo, Once Upon a Time in Hollywood.

8 cose da sapere su “The Hateful Eight”

L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo

Dov’é? Su Netflix.
Com’è? Nei cinema ci è stato molto meno di The Hateful Eight ed è facile vi sia sfuggito. È uno di quei film biografici senza particolari meriti di stile, ma con il merito di raccontare una bella storia. In questo caso quella di uno sceneggiatore e regista che fu accusato di essere comunista e dovette lavorare di nascosto.

Trumbo, la storia vera

Blade Runner 2049

Dov’è? Su Sky.
Com’è? Bello e interessante, secondo la maggior parte dei critici. Ottimo per la fotografia, fatta da Roger Deakins, che ci ha vinto un Oscar. Adam Epstein di Quartz ha scritto che «con il prezzo di un biglietto di cinema si può avere accesso alla più fica esposizione artistica del fine settimana, realizzata dal regista Denis Villeneuve e dal suo leggendario direttore della fotografia, Roger Deakins» e che «ogni scena e pezzo di set è un’opera visuale, piena di tinte bizzarre e luci ipnotizzanti».

Guardatelo, “Blade Runner 2049”

La forma dell’acqua

Dov’è? Su Chili e su TimVision (anche a noleggio).
Com’è? Il miglior film del 2017, secondo centinaia di addetti ai lavori che gli hanno fatto vincere l’Oscar per il Miglior film. È ambientato durante la Guerra fredda e racconta la storia d’amore tra un uomo-pesce e una donna muta.

“La forma dell’acqua” è un film per quelli a cui piacciono i film

Mudbound

Dov’è? Su Netflix.
Com’è? Non è un film leggero, ma è un gran storia familiare ambientata in una fangosa fattoria del Mississippi. Inizia con due fratelli che scavano nel fango una fossa per una tomba e una delle protagoniste dice: «Quando penso alla fattoria, penso al fango. Sognavo solo in marrone».

“Mudbound” vale cinema

Dogman

Dov’è? In qualche cinema all’aperto.
Com’è? Bello e crudo, secondo molti critici (soprattutto secondo quelli italiani).

“Dogman” sta piacendo

Birdman

Dov’é? Su Chili, TimVision o Infinity.
Com’è? Questo è un finto piano sequenza, perché anche se non si vedono ci sono dei tagli. Se ne parlò molto ma poi è un po’ sparito, anche perché nel frattempo Alejandro González Iñárritu ha fatto The Revenant. Ma è un film così diverso dagli altri da meritarsi di essere recuperato o rivisto.

Birdman in sette punti

Ammore e Malavita

Dov’è? Su Amazon PrimeChili, Infinity o TimVision.
Com’è? Il miglior film dell’anno passato, secondo quelli che assegnano il più importante premio del cinema italiano. Semplificando un po’, sta a certo cinema italiano così come Liberato sta a certa musica italiana.

Cos’è “Ammore e malavita”, il Miglior film ai David di Donatello

Mad Max: Fury Road

Dov’è? Su Chili e TimVision.
Com’è? Visivamente sorprendente e con una storia semplice ma che ha fatto colpo su molti critici e spettatori. Prima bisogna vederlo e poi, dopo che lo si è probabilmente apprezzato, leggersi un po’ di cose per capire perché è diverso da quasi ogni altro film e per trovare le risposte a un po’ di domande.

14 cose che forse non sapete su “Mad Max: Fury Road”

The Martian

Dov’è? Su Chili, TimVision o Infinity.
Com’è? Un film che parla di uno che si trova solo su Marte e che prova a capire – usando la scienza – come sopravvivere e come, nel caso, provare a tornare sulla Terra.

“Sopravvissuto – The Martian”, le cose da sapere

Interstellar

Dov’è? Su Chili, TimVision o Infinity.
Com’è? Di fantascienza (molto): complicato e con molte cose che, dopo, richiedono spiegazione.

Interstellar spiegato semplice

Dunkirk

Dov’è? Su Infinity, Chili e TimVision.
Com’è? Imponente – parla dell’evacuazione, durante la Seconda guerra mondiale, di più di 300mila soldati britannici che dalla spiaggia di Dunkerque – e ambizioso, perché lo fa incastrando in strano modo tre storie che si svolgono in posti diversi, con diversi archi temporali. Ma ci sono anche molte cose notevoli e fuori dal comune in questo film. Per esempio il rumore.

“Dunkirk”, dunque

Knights of Cups

Dov’è? Su Sky.
Com’è? Se avete saltato, magari sbadigliando, gli ultimi tre-quattro film (ricordate che c’è sempre qualcuno che non ha visto qualcosa, anche qualcosa di grosso e notevole), questo è molto meno probabile l’abbiate già visto. Per qualcuno è un capolavoro, per qualcun altro vi farà sbadigliare e innervosire.

“Knight of Cups”: forse un capolavoro, forse una gran noia

Oceania

Dov’è? Su Sky.
Com’è? Proprio bello, dicevano: a dicembre 2016, quando uscì in tempo per le feste, piacque al 95 per cento di quelli che fanno parte del Tomatometer (un sistema di Rotten Tomatoes per valutare nel complesso tutte le più importanti recensioni di un film. Alcuni critici dissero che era la Disney al suo meglio, altri che la protagonista è una delle migliori eroine Disney di sempre.

“Oceania” è proprio bello, dicono

Baby Driver

Dov’è? Su Sky.
Com’è? Vivace, veloce e con un forte legame con la sua colonna sonora, nella quale c’è un po’ di tutto: Blur, Run the Jewels, Beach Boys, Sky Ferreira, Barry White, Young MC e Queen. Il titolo del film è lo stesso di una canzone di Simon & Garfunkel, uscita nel 1970 in Bridge Over Troubled Water.

“Baby Driver”: un film intorno a una colonna sonora

Silence

Dov’è? Su Amazon Prime VideoInfinity, Chili e TimVision.
Com’è? In Italia incassò poco meno di due milioni di euro e probabilmente molti ne furono spiazzati, visto che è di Martin Scorsese, ma usa tempi e modi strani per raccontare e mostrare la sua storia. A molti critici piacque. Matt Zoller Seitz scrisse su RogerEbert.com«Silence è un’opera monumentale, che ci punisce. Ci manda all’inferno senza nessuna promessa di redenzione, solo una serie di domande e dubbi, sensazioni ed esperienze. Non è il tipo di film che piace o non piace. È un film che si percepisce e assimila».

Cosa si dice di “Silence”

TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.