muammar gheddafi

Un buco con il Mediterraneo intorno

Un misto di ipocrisia, inadeguatezza, confusione caratterizza l’intervento militare in Libia. Il governo – che dovrebbe andare a casa, più per Muhammar che per Ruby – non solo è diviso, ma non ha la maggioranza in Parlamento e nessuno sembra

Una sola certezza: si doveva fare

Ci sono un po’ di confusione e parecchia ipocrisia, nella conduzione dell’operazione militare contro Gheddafi. La confusione riguarda la catena di comando, inizialmente afferrata saldamente da francesi e inglesi ma inevitabilmente destinata a passare alla Nato. L’ipocrisia è implicita nel mandato

Cinque stupidaggini sulla Libia

Ci sono buoni e cattivi argomenti per essere a favore di questo intervento, e ci sono buoni e cattivi argomenti per essere contro a questo intervento. Io penso che i buoni argomenti a favore siano enormemente di più dei buoni

Un giorno di guerra in Libia

Un giorno di guerra in Libia

Il regime schiera la contraerea a Tripoli, si combatte a Bengasi e Misurata: Gheddafi non ha alcuna intenzione di arrendersi

L’Italia in Libia

Il Parlamento ha votato l'adesione alle azioni dell'ONU contro la Libia, nonostante l'ostruzionismo della Lega

Le bombe su Misurata

Le bombe su Misurata

Il video che mostra la distanza tra le promesse di Gheddafi e quello che sta succedendo in Libia oggi

La giornata in Libia

La giornata in Libia

Gheddafi guadagna successi sul campo e circolano altre voci (infondate) su una sua fuga

Gheddafi vuole trattare?

Gheddafi vuole trattare?

Quello che sappiamo della presunta offerta di Gheddafi ai rivoltosi, su cui circolano molte voci

Gheddafi: «Qui in Libia non abbiamo sparato su nessuno»

Oggi il Corriere della Sera pubblica la traduzione di un’intervista fatta al dittatore libico Muammar Gheddafi da Laurent Valdiguié per il Journal du Dimanche. È un completo delirio come sono tutti i discorsi di Gheddafi, che tra le altre cose

Riprendono gli scontri in Libia

Riprendono gli scontri in Libia

Dopo il massacro di ieri a Zawiyah l'esercito di Gheddafi continua a bombardare, i ribelli si preparano a marciare su Sirte