magistratura

Luca Poniz è il nuovo capo dell'Associazione Nazionale Magistrati

Luca Poniz è il nuovo capo dell’Associazione Nazionale Magistrati

Il pm Luca Poniz è stato eletto presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, l’organo di rappresentanza sindacale dei magistrati. Poniz – che fa parte di “Area”, la corrente di centrosinistra della magistratura – è stato eletto al termine della riunione durante la

Tra i magistrati è tutti contro tutti

Tra i magistrati è tutti contro tutti

Il punto sul caso iniziato con un'indagine per corruzione e che ha fatto emergere meccanismi molto consolidati e noti da anni sui rapporti tra politica e magistratura

Internet: coazione a ripetere

Internet: coazione a ripetere

La notizia dell’oscuramento di butac.it in seguito ad una disposizione della Procura di Bologna sottolinea benissimo alcune cose che sapevamo già [Continua]

Come cambia il processo penale

Come cambia il processo penale

La riforma approvata dal Parlamento allunga i tempi di prescrizione e punisce più severamente la corruzione, ma non piace né ai giudici né agli avvocati

Il doppio fronte di Renzi sulla giustizia

Lo scontro verbale tra Matteo Renzi e il sindacato dei magistrati è già diventato spiacevole, la cosa peggiore sarebbe mettere altro tempo in mezzo prima di confrontarsi tutti sulle cose concrete che il governo propone [Continua]

Berlusconi non merita i servizi sociali

Oggi il Tribunale di sorveglianza di Milano deciderà se Berlusconi sconterà un anno ai domiciliari o accederà all'affidamento ai servizi sociali [Continua]

Stamina e le sentenze dei giudici

Stamina e le sentenze dei giudici

Paolo Colonnello ricorda sulla Stampa le numerose sentenze che ordinarono di proseguire il trattamento nonostante il divieto dell'Agenzia italiana del farmaco a Brescia

Poi dice il dialogo

Ci sono tre episodi, tutti risalenti a venerdì scorso, che danno un’idea degli autentici schieramenti in campo in tema di giustizia. Gli episodi sono questi: un’uscita di Ilda Boccassini sul protagonismo dei magistrati e sulla loro mancanza di autocritica, poi

Ilda Boccassini: «Alcune indagini sono servite ad altro»

Il giudice del tribunale di Milano Ilda Boccassini, 64 anni, molto celebre per diverse indagini sulla criminalità organizzata e ultimamente per rappresentare la pubblica accusa durante il cosiddetto “processo Ruby” in cui è imputato Berlusconi, ha partecipato venerdì alla presentazione

Manca il volante

L’equivoco prosegue da una vita: un sacco di gente pensa che esista una sinergia collaudatissima tra i comportamenti della politica e le decisioni della giustizia, come se da qualche parte ci fosse una camera di compensazione in cui tutti i