• Italia
  • martedì 23 luglio 2019

Raffaele Cantone si è dimesso da presidente dell’Autorità anticorruzione

Il magistrato Raffaele Cantone ha annunciato oggi le sue dimissioni dalla presidente dell’Anac, l’autorità anticorruzione che ha presieduto fin dalla sua creazione nel 2014. Cantone ha detto di aver fatto richiesta di tornare nella magistratura ordinaria, in particolare negli uffici della Corte di Cassazione, dove ha fatto domanda per un ruolo direttivo. Le sue dimissioni saranno effettive non appena il Consiglio superiore della magistratura (CSM) le avrà accettate.

Cantone era entrato in polemica diverse volte con l’attuale governo e nel comunicato in cui annuncia le dimissioni parla dell’arrivo di «un diverso approccio culturale nei confronti dell’Anac e del suo ruolo». Cantone dice che intende prendere parte al dibattito in corso all’interno della magistratura, nato in seguito allo scandalo che ha coinvolto il magistrato Luca Palamara e lo stesso CSM. Cantone ha anche detto che in futuro intende ricoprire un «ruolo attivo» nella vita politica della magistratura.

Raffaele Cantone. (ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.