jeff lynne

Due dischi che potevano aspettare

Due dischi che potevano aspettare

Lo senti quel battito, tutti gli strumenti all'unisono? È tornato il vecchio-zio-Dylan, dalla sua strana vacanza in Louisiana [Continua]

Nella tavernetta degli specchi

Nella tavernetta degli specchi

The Traveling Wilburys, Vol. 1 (1988) (Il disco precedente: Dylan and the Dead. Il prossimo è Oh Mercy, oh, finalmente). Ma Orbison andava al di là di tutti i generi, folk, country, rock and roll o qualunque altra cosa. Mescolava

Sam Smith ha copiato Tom Petty?

Sam Smith ha copiato Tom Petty?

"Stay With Me", uno dei singoli più di successo del 2014, è molto simile a "I Won't Back Down" del 1989: Smith dice di non aver copiato ma ha accettato di citare Petty tra gli autori

I heart melassata barocca

Ho un debole per certe baracconate pop enfatiche e barocche, che scendono dal progressive e arrivano a Maximilian Hecker e ai Daft Punk, passando dai Pet Shop Boys e dall’Electric Light Orchestra. E quindi quando ho visto che Jeff Lynne … Continua a leggere

Splende il sole trallallà

L’Electric Light Orchestra, allora, quelli duri e puri la sfottevano. E in effetti era facile leggerla come una baracconata circense di pop e archi e sintetizzatori che solo un uso più spensierato del termine permetteva allora di catalogare come “rock”. Però Jeff Lynne – che sel’era inventata Birmingham nel 1970, era un genio della composizione [...]