mattarellum

Come funziona il Mattarellum

Come funziona il Mattarellum

Guida alla legge elettorale che porta il nome del presidente della Repubblica, in vigore tra il 1993 e il 2005 e ora riproposta da Renzi

Come si forma un governo in Italia

Come si forma un governo in Italia

Il governo Gentiloni sarà il "quarto governo non eletto dai cittadini"? Dal punto di vista costituzionale la risposta è semplice, dal punto di vista politico un po' meno

Sulla legge elettorale (prima della direzione)

O, meglio, tra una direzione e l’altra, perché ora si sorprendono tutti dello spagnolo, ma lo spagnolo faceva parte del terzetto di proposte di Renzi, che hanno tutti discusso per giornate intere e che venerdì era già sul piatto. [Continua]

Quelli delle preferenze

Quelli delle preferenze

Storie e trucchi dei candidati capaci di ottenere i voti di centinaia di migliaia di elettori, da Sbardella a Vito, che rischiano di tornare attuali dopo la sentenza sul Porcellum

Un buon voto e una divisione non dannosa

La giornata è stata convulsa, di nuovo dominata dal racconto di una divisione nel Pd, anche stavolta su un tema cruciale perché in ballo c’era l’avvio della fase riformatrice della legislatura. Per quanto sia comprensibile il calore della polemica, sarebbe

Il Porcellum e noi

Il Porcellum e noi

Ripasso su come funziona e da dove viene la famigerata legge, ora che sappiamo che ci eleggeremo anche il prossimo Parlamento, e il video del suo battesimo

Il solito, grande equivoco

Del centrosinistra italiano. Pare che l’alleanza Pd, Idv e Sel sia, secondo alcuni, troppo sbilanciata a sinistra. E non rappresentativa dei moderati. Lo dicono soprattutto i moderati. I moderati del Pd. Che nel Pd, quindi, ci sono e rivestono incarichi

Un errore corretto in tempo

Ieri, durante la sua graditissima visita al tavolo per le firme allestito nella redazione di Europa, il professor Parisi ha fatto privatamente un’osservazione che sono sicuro di poter citare, perché ha un senso politico coerente con la campagna referendaria che

Buone notizie sui referendum

Dal fronte referendario arrivano buone notizie. È regolare, massiccio, l’afflusso di firme ai tavoli allestiti in tutta Italia. Parisi smentisce le cifre ottimistiche pubblicate (addirittura 400 mila firme già raccolte) ma c’è fiducia nella possibilità di raggiungere l’obiettivo. Come racconta

Se fallisse, pagherebbe solo il Pd

I racconti dalle feste democratiche sono univoci: file ai tavoli del referendum, moduli che si esauriscono in fretta, centinaia anzi migliaia di firme nelle serate dei fine settimana. Firmano tutti. Senza distinzione di simpatia politica, di appartenenza di corrente, senza