guerra

Come si pagano le guerre

Come si pagano le guerre

Gli Stati Uniti hanno speso oltre seimila miliardi di dollari nella loro "guerra al terrore": da dove arrivano questi soldi e da dove arrivavano quelli che finanziavano le guerre del passato?

Un secondo al giorno nella vita di una ragazzina migrante

Un secondo al giorno nella vita di una ragazzina migrante

Save The Children UK ha diffuso un video – notevole – che racconta, un secondo al giorno, com'è la vita di una ragazzina che vive in un paese in guerra, da quando deve scappare da casa sua, a quando arriva in un campo profughi, a quando deve attraversare il mare per arrivare in un posto sicuro.

War is over!

War is over!

La liberazione dal nazifascismo in Italia raccontata con le foto dei Signal Corps statunitensi e dell’Istituto Luce, in un nuovo libro di Contrasto

La guerra e i mille papaveri rossi

La guerra e i mille papaveri rossi

«Dormi sepolto in un campo di grano non è la rosa non è il tulipano che ti fan veglia dall’ombra dei fossi ma son mille papaveri rossi lungo le sponde del mio torrente voglio che scendano i lucci argentati non

Cicli

Non mi ricordo esattamente, si tratta di molto tempo fa. Sono sempre stato un pessimo studente, molto superficiale, anche di macrobiotica. Mi ricordo che durante le lezioni quando avevo diciassette anni veniva ripetuta una cosa tipo “il sangue si sostituisce

Giornata Mondiale della Guerra da lontano?

Maggio 1942, Mar dei Coralli. Una bella zona, credo, per via della Barriera Corallina, che è la cosa più colorata al mondo prima dell’invenzione della tivù a colori. [Continua]

Cosa risolvono le guerre

Cosa risolvono le guerre

Per gli americani, hanno eliminato la schiavitù, sconfitto i nazisti, battuto il comunismo, spiega il filosofo cattolico Michael Novak

Tre cose sulla guerra

Tre cose sulla guerra

Ernesto Galli della Loggia spiega che un conto è odiarla e un conto è pretendere di eliminarla dal mondo

Ad Aleppo si combatte da tre giorni

Ad Aleppo si combatte da tre giorni

Gli scontri continuano, 200 mila persone sono fuggite soltanto nel finesettimana, il regime è molto meglio armato ed equipaggiato dei ribelli

Liber(interpret)azione

Il 25 aprile è una data convenzionale, scelta perché fu il giorno della liberazione di Milano e Torino e perché vieniva più o meno in mezzo a quella di altre grandi città italiane (Bologna 21 aprile, Genova 26, Venezia il

Le vedove dell'Iraq

Le vedove dell’Iraq

Quasi una donna su dieci nel paese è rimasta sola con molti figli a carico, lo Stato fa poco e c'è chi rimpiange i tempi in cui c'era Saddam