Cosa fare a casa quando tutti sono in vacanza

Gite fuori città e visite culturali, ok, ma anche stare in pigiama, bere frullati e fare maratone di serie tv ogni tanto va bene: qualche idea, senza giudicarvi

A Ferragosto la maggior parte delle persone si sposta: va al mare, va in montagna, va a trovare la famiglia o fa un viaggio. C’è invece chi – saggiamente? – sceglie di passare Ferragosto a casa, in città, perché non ha giorni di ferie sufficienti per partire, perché vuole risparmiare o perché in vacanza ci è già andato a giugno (o ci andrà a settembre).
Quest’anno Ferragosto cade di giovedì e chi ci può attaccare il venerdì può godersi quattro giorni interi tutti per sé. La città sarà vuota, quindi a prima vista potrebbe non essere una prospettiva entusiasmante, ma quattro giorni liberi veramente sono la quantità di tempo perfetto per fare quelle cose che altrimenti non si ha mai il tempo di fare: riposarsi, per esempio.

Anzi, avere dei giorni vuoti, senza impegni lavorativi, senza impegni sociali e senza partenze da organizzare potrebbe essere esattamente quello che aspettavate da un bel po’. Negli Stati Uniti questa cosa ha perfino un nome – ogni cosa ha un nome negli Stati Uniti – e si chiama staycation (da stay=restare e vacation=vacanza). In italiano potrebbe essere tradotto con “casanza” o “vacasa” (ma anche no).

Visitare la città o fare gite in giornata
La prima cosa che potete provare, soprattutto se ancora non avete accettato di essere gli ultimi rimasti in città, è fare i turisti proprio lì dove siete. Le città italiane più grandi sono quasi sempre ricche di attività e cose da vedere, di cui spesso gli abitanti ignorano l’esistenza e che ad agosto non sono meno aperte del solito, anzi. Se volete vedere la vostra città attraverso gli occhi degli altri, il New York Times ha elencato le cose da fare in un weekend a Roma e le cose da vedere a Milano, e potete trovare facilmente online qualcosa che riguarda la vostra città, quale che sia (quelle milanesi hanno generato un dibattito accesissimo in redazione: leggetele e arrabbiatevi anche voi).

La stessa cosa vale per località molto vicine a dove vivete che, proprio perché sono così vicine, non vi viene mai in mente di visitare. A poche ore da Milano, per esempio, ci sono posti bellissimi che si visitano in giornata e dove potete fare il bagno. E ci sono patrimoni UNESCO dappertutto. Ricordatevi di attrezzarvi con una borraccia e tanta crema solare.

Ora Consumismi ha una sua newsletter, gratis

Cosa fare ad agosto a Milano

Imparare una cosa nuova
Ci sono infinite cose che non avete mai fatto perché richiedono tempo e concentrazione, almeno all’inizio. Tra queste c’è imparare a suonare uno strumento. Quale migliore occasione per cominciare se non questi giorni? Ok, forse quattro giorni non bastano per imparare-imparare, ma per mettere le basi sì: l’ukulele, per esempio, è molto adatto se non avete esperienza, perché è abbastanza facile da suonare, in più è maneggevole e molto portatile. Se siete di quelli che imparano in fretta, potrete accogliere i vostri amici che tornano dalle vacanze suonando per loro questo pezzo dei Beirut, che è anche a tema. Su Amazon abbiamo trovato questo ukulele a un prezzo accessibile, 30 euro, ma se volete approfondire ci sono altre opzioni.

Tra gli altri hobby in cui potete cimentarvi in questi giorni di vacanze casalinghe c’è fare la birra in casa. Non è troppo complicato e online si trovano diversi kit con tutto il necessario, compresi i malti già preparati. Tra i modelli che vanno forte ci sono quelli di Coopers (65 euro), che comprendono già un malto, e quello di Mr. Malt (65 euro) al quale va però aggiunto l’acquisto di un malto a parte. Oppure potete darvi all’arte: questo set di acquarelli giapponesi costa 33 euro su Amazon ed è consigliato da Wirecutter, l’autorevole sito di recensioni del New York Times, ed è bellissimo, che non guasta.

Leggere e guardare storie lunghissime
Difficilmente vi ricapiterà di avere così tanto tempo di seguito per fare qualcosa: è il momento di dedicarvi alla visione delle serie più lunghe che tutti hanno visto man mano che uscivano le puntate, ma voi vi siete persi, e ai libri da più di mille pagine che avete sul comodino da anni ma non avete mai avuto il coraggio di iniziare perché sapevate che non li avreste finiti. Se volete scegliere tra le serie tv che sono diventate dei classici, qui ne trovate 12, se invece siete al passo con i classici, ma indietro sulle ultime uscite, qui trovate le più discusse o attese del 2019. Una redattrice del Post, per esempio, ne approfitterà per recuperare Shameless, una serie tv americana che trovate su Amazon Prime Video e che racconta le vicende di sei fratelli che vivono con il padre alcolizzato nella periferia sud di Chicago. Non fatevi scoraggiare dalle premesse cupe: ha vinto anche dei premi.

10 serie “classiche” su Netflix e Amazon, da recuperare nell’estate

Anche per i libri lunghissimi, non c’è mai tempo. Questi quattro giorni potrebbero essere il momento giusto per dedicarsi a recuperarne alcuni: il peraltro direttore del Post consiglia Il conte di Montecristo di Alexandre Dumas, un classico che non aveva mai letto che ha recuperato nel 2018 (dice: «dopo avere cominciato non sono riuscito più a smettere, e non finiva mai!»). Come alternativa più contemporanea, una redattrice consiglia Una vita come tante di Hanya Yanagihara, che è una di quelle storie lunghe (sono più di mille pagine) da cui non si riesce a staccarsi. Altri consigli di libri, più o meno lunghi, li trovate qui.

                

Prendersi cura del proprio corpo
Se siete persone che durante l’anno faticano a ritagliarsi un momento per un trattamento per il viso, una maschera per i capelli o una manicure, ma che apprezzano queste cose quando hanno il tempo di farlo, questo è il momento per dedicarvi a tutte le parti del corpo che avete trascurato. Siccome con buone probabilità estetisti e parrucchieri saranno chiusi a Ferragosto, dovete attrezzarvi per dei trattamenti da fare a casa. Potreste provare una maschera per i piedi, che richiede più di un’ora (noi l’abbiamo fatto, con soddisfazione). Quando vi ricapita di poterlo fare con calma?

Abbiamo provato una “maschera per i piedi”

Per il viso invece avete moltissima scelta online, ma se volete due dritte serie su cosa funziona davvero, vi consigliamo degli scrub o dei trattamenti esfolianti. Un buon compromesso qualità-prezzo può essere lo scrub “effetto-sauna” dell’azienda danese-statunitense Olehenriksen, che su Sephora costa 25 euro, o lo scrub di Frank Body al caffè che costa 21 euro. Se invece vi piacciono le maschere più perché vi permettono di farvi foto divertenti che per la loro effettiva efficacia, c’è questa di Dr.Jart+ che fa sembrare degli alieni e costa 11 euro o questa nera per i punti neri che costa 13 euro. Su Instagram la vostra foto risalterà, nel monotono, monotonissimo, flusso di foto dalla spiaggia.

Cucinare e mangiare cose nuove e sane
Se passate alcuni giorni a casa, potreste approfittarne per mangiare un po’ più sano (se non lo fate già), comprando cibi che di solito ignorate e sperimentando nuove ricette. Può anche essere l’occasione per impostare abitudini salutari da portare avanti per tutto l’anno: provare succhi e centrifughe, ad esempio. Sul Post abbiamo passato in rassegna gli estrattori più venduti e più apprezzati su Amazon. Un succo o un estratto non sono in generale più sani di un frutto solido, che oltre agli zuccheri ha anche le fibre, ma avere e usare un estrattore in casa può essere un incentivo a mangiare più frutta e verdura nella vita di tutti i giorni. Questo di Philips costa 160 euro e ha molte e buone recensioni.

Per testare ricette e nuove tecniche di cottura elaborate ma non troppo, potreste procurarvi questa Instant Pot, che negli Stati Uniti è stata acquistata da milioni di persone perché è facile da usare e perché ci si possono fare diverse cose: lo slow cooking (una tecnica di cottura lenta che un tempo era possibile solo nei ristoranti), la cottura a pressione, e le funzioni yogurtiera e cuociriso. Se siete di quelli che l’hanno ricevuta a Natale senza più toccarla, è il momento giusto per metterla in uso: fa tutto lei.
Non va bene per cucinare il pesce o il pollo, ma le altre carni sì e va bene, in generale, per tutti quegli ingredienti che richiedono cotture lunghe. Invece per provare ricette esotiche, anche a base di pesce e pollo in questo caso, c’è sempre il wok, la padella per far saltare i cibi tipica della cucina cinese.

Fare lavori in casa
La cosa meno rilassante ma più utile che potete fare, infine, è mettere in ordine. È dura, d’accordo, ma lo sapete che prima o poi va fatto e che il posto da cui cominciare è l’armadio. Per prima cosa liberatevi di un po’ di vestiti che non mettete più da anni (ma non buttateli). Per ottimizzare gli spazi e magari creare un ordine che duri più dell’ultima volta, potete procurarvi delle grucce multiple in legno a 9 euro l’una o in metallo (quattro costano 20 euro) che tengono più cose e sfruttano meglio lo spazio dell’armadio. Oppure dei divisori per cassetti come questo “a nido d’ape”, che può essere adattato a cassetti di varie dimensioni e si presta bene a organizzare calze e mutande, oppure ancora questo set da sei scatole di cui due hanno scomparti regolabili.

  

Quando avrete finito con l’armadio, potete passare all’arredamento e a quei lavoretti il cui risultato sarà decisamente più godibile per voi dopo. Potete per esempio dedicarvi a progettare l’impianto stereo del vostro salotto una volta per tutte (c’è modo anche senza spendere una fortuna) oppure, se preferite il cinema alla musica, il vostro grande schermo da salotto con proiettore (anche qui, ci sono soluzioni un po’ per tutte le tasche). Potrete poi finalmente appendere quelle foto e quei poster che prendono la polvere in un angolo, per cui non avete mai tempo di comprare le cornici: qui le trovate economiche e di qualsiasi dimensione.

E così volete comprarvi un giradischi

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi, il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi.
Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.