Cos’è e come funziona la Instant Pot

Uno dei prodotti in offerta per il Prime Day è questa macchina per cucinare che da qualche anno va molto di moda negli Stati Uniti

Chi da ieri monitora le offerte del Prime Day di Amazon potrebbe aver notato che tra i prodotti più promossi – è addirittura disegnata nelle illustrazioni dedicate alla giornata, e si vede nell’immagine in testa dell’articolo del Post sugli sconti – c’è una pentola a pressione elettrica che fa varie cose: si chiama Instant Pot e Amazon la promuove molto perché nelle passate edizioni di Prime Day e Black Friday è stato uno dei prodotti più venduti negli Stati Uniti e se ne è parlato tantissimo. Il Prime Day di questi giorni è la prima occasione in cui viene proposta davvero: a 80 euro, 50 in meno rispetto al prezzo di listino.

Da dove arriva la Instant Pot
L’Instant Pot è contemporaneamente una pentola a pressione elettrica, una slow cooker (cioè uno di quegli aggeggi per cuocere le cose molto lentamente per ottenere effetti di cottura particolari, un tempo realizzabili solo nei ristoranti: in pratica l’opposto di una pentola a pressione), una macchina cuociriso e una yogurtiera. La sua principale attrattiva è che ci mette molto poco a cuocere cose per cui normalmente serve molto tempo, caratteristica generale delle pentole a pressione, avendo vari sistemi di sicurezza e un’interfaccia molto facile da usare (anche se non immediatamente intuitiva) per cui viene usata anche da quelle persone (nella redazione del Post ce ne sono) che non usano le pentole a pressione normali perché non si fidano abbastanza della loro capacità di evitare esplosioni.

L’Instant Pot esiste dal 2009, quando il mercato delle pentole a pressione elettriche era già molto sviluppato in Cina ma non negli Stati Uniti e in Canada, il paese dei suoi ideatori. Nel 2010 nel mercato nordamericano furono vendute circa 300mila pentole a pressione elettriche: nel 2015, anno in cui Amazon organizzò il primo Prime Day e mise l’Instant Pot tra i prodotti molto scontati (66 dollari invece che 129), si arrivò a più di tre milioni. Amazon è il negozio dove viene venduta la maggior parte delle Instant Pot.

Come si usa
Esistono vari modelli di Instant Pot, diversi anche a seconda della capienza. Secondo Wirecutter, l’autorevole sito di recensioni del New York Times, la migliore (anche prendendo in considerazione i modelli di altri marchi) è la Instant Pot Duo 6, la stessa in offerta sull’Amazon italiano. Ha 5,7 litri di capacità, pesa 5 chili ed è alta 35 centimetri. È facile da pulire perché i cibi da cuocere non vengono inseriti nella parte fissa della pentola, ma in un recipiente a parte, di acciaio, che viene inserito al suo interno e si può lavare in lavastoviglie; è quello tutto a destra nell’immagine sopra.

Per il resto una volta comprese le funzioni dei diversi comandi l’Instant Pot è molto semplice da usare, se si sa come funzionano le pentole a pressione: il meccanismo di base si fonda sul fatto che la temperatura di ebollizione dell’acqua varia in funzione della pressione e se la pressione è più alta l’acqua bolle a temperature maggiori. È la ragione per cui in alta montagna, dove la pressione atmosferica è minore rispetto a quella a livello del mare, l’acqua bolle prima di raggiungere i 100°C. Con una pentola a pressione (che si usa sempre mettendo acqua al suo interno) scaldando si aumenta la pressione e quindi si raggiungono temperature più alte e con minor impiego di energia, per questo i cibi cuociono più in fretta. Se la pentola a pressione è elettrica, i sistemi di sicurezza sono più sofisticati della semplice valvola delle comuni pentole a pressione e si può regolare la temperatura con più precisione.

Con Instant Pot la cottura è molto veloce ma non è proprio istantanea come sembra suggerire il nome: servono 15 minuti perché si raggiunga la giusta pressione e poi altri 10, a fine cottura, per rilasciare il vapore. Per questo per una ricetta che richiede 30 minuti di cottura ne servono in totale 50-55, anche se poi molte cose si cuociono in meno tempo.

Per non fare danni basta lasciare scoperta la valvola di sicurezza per il vapore; c’è un meccanismo di sicurezza che impedisce l’apertura della pentola finché è sotto pressione e nel caso in cui la valvola non funzionasse c’è un sensore che spegne il tutto prima che la pressione cresca troppo.

Dal sito britannico dell’azienda produttrice si può scaricare un manuale anche in italiano. Altri modelli, diversi dalla Duo, hanno più funzioni, come quella per la sterilizzazione o la cottura a basse temperature: sono quindi interessanti per chi vuole usare la pentola per cucinare in modo più sofisticato. Un modello si può addirittura impostare con una app grazie a una connessione wifi.

L’Instant Pot è adatta per cucinare la carne (tranne il pollo) ma non il pesce; i legumi e alcuni tipi di verdure molto dure, ma non tutte. In generale è utile per ottenere cibi morbidi partendo da ingredienti per cui tradizionalmente è necessario un lungo tempo di cottura, mentre non va bene per ottenere croccantezza. Secondo il New York Times va bene anche per cuocere la polenta e le uova sode: in quest’ultimo caso non consente un risparmio di energia, ma le rende molto più facili da sgusciare perché la pressione fa sì che l’aria contenuta nella membrana tra il guscio e l’albume si distribuisca uniformemente, separandoli (sì, nell’uovo c’è un po’ d’aria, quella che serve ai pulcini a respirare e sì, l’uovo è leggermente permeabile all’aria).

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli con il tag Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.