• giovedì 20 dicembre 2018

Un regalo di Natale al giorno: –5

Un ukulele: per chi vuole imparare a suonare uno strumento, per chi suona ma vuole uno strumento portatile e per i fan di quella canzone dei Beirut

Ci sono quelli che ogni gennaio aprono un documento Excel, su cui annotano diligentemente quale regalo fare ad ogni amico e parente per il Natale successivo.
A ottobre li comprano.

E poi ci sono quelli che il pomeriggio del 24 dicembre, nel panico delle ultime ore, si trovano in un negozio pieno di gente a comprare i soliti calzini. Puntualmente, negli istanti prima di essere travolti da una famiglia con nonni e carrelli al seguito, si maledicono e si promettono: «L’anno prossimo i regali li compro in anticipo, su internet». Puntualmente, si ritrovano il 24 dicembre dell’anno dopo a essere travolti dalla stessa famiglia, che nel frattempo ha un bambino in più.
Visto che i primi sono supereroi e i supereroi se la cavano benissimo da soli, e visto che quelli della seconda categoria – gli umani, insomma – sono la grande maggioranza, il Post ha pensato a un piano di compromesso per cercare di salvarli.
Un regalo di Natale al giorno: per un mese, fino al 24 dicembre, vi suggeriamo un oggetto che si possa acquistare facilmente online e senza aspettare troppo. Uno solo al giorno, per non impegnarvi troppo: se può funzionare per qualcuno che conoscete, cliccate, comprate, e risolto. Se no, riproviamo il giorno dopo: non chiuderà la pratica-regali, ma speriamo di aiutarvi a smaltirne una parte. E se nel frattempo imbarchiamo qualcuno della mozione Flanagin, anche meglio.

Mancano cinque giorni a Natale, e il regalo che vi suggeriamo oggi è uno di quelli che cambia l’atmosfera quando viene spacchettato, perché passa di mano in mano e tutti vogliono avere un momento per provarlo. Un po’ come con la speluccatrice, insomma.

Diversamente dalla speluccatrice, però, il regalo di oggi è uno strumento musicale, ed è anche un oggetto bellissimo da vedere: un ukulele. Un ukulele è un regalo ottimo per diversi tipi di persone: per chi suona già uno strumento che non sia l’ukulele, per chi non sa suonare nulla ma ha manifestato il desiderio di imparare a suonare qualcosa, per chi suona ma vuole uno strumento portatile, per chi pianifica di fare una serenata, per chi ama quella canzone dei Beirut (si impara abbastanza facilmente, ci dice chi lo sa già suonare) o “Somewhere over the rainbow” nella versione di quel cantante hawaiano con il nome lunghissimo.

Come per tutti gli strumenti musicali, di ukulele ne esistono di diverse qualità e diversi prezzi. Quelli molto essenziali, che possono andar bene per i principianti, sono molto economici (30 euro, su Amazon). Se volete qualcosa che suoni un po’ meno come un giocattolo, o lo volete blu, il prezzo cresce leggermente (49 e 41 euro, su Amazon). Se ne volete uno che suoni come un vero strumento e sia un po’ più resistente (e il budget ve lo consente) potete scegliere quello di Ibanez (104 euro, su Amazon). Poi lo scarteranno, e per dieci minuti a tutti sembrerà estate.

Se l’ukulele farebbe una fine-Jimi-Hendrix con la persona per cui cercate un regalo, qui ci sono le altre idee del calendario dell’avvento consumistico del Post (ma sbrigatevi: avete poco tempo ormai!). Altre ancora le trovate in queste liste divise per budget:

– Regali che costano meno di 20 euro (con l’integrazione di questa seconda lista di regali molto economici)
– Regali tra i 20 e i 60 euro
– Regali tra i 60 e i 100 euro

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli della sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.