Il personaggio interpretato da Jennifer Garner in "30 anni in 1 secondo" (2004) molto entusiasta del proprio armadio ordinato
  • lunedì 10 settembre 2018

6 piccole cose utili per il cambio di stagione dell’armadio

Il temuto momento sta arrivando: con questi oggetti economici potete approfittarne per organizzare le cose in modo più razionale

Il personaggio interpretato da Jennifer Garner in "30 anni in 1 secondo" (2004) molto entusiasta del proprio armadio ordinato

Non fa ancora freddo, ma le temperature stanno cambiando e forse i più previdenti hanno già scelto sul calendario il giorno in cui faranno “il cambio dell’armadio”: non nel senso che cambieranno armadio, ma che ne cambieranno il contenuto per riporre i vestiti leggeri da qualche parte e mettere a portata di mano quelli pesanti che erano stati accantonati durante l’estate. Per portare avanti quest’impresa nel modo più indolore possibile, magari risolvendo quei problemi di spazio che si creano dopo una stagione in cui si sono fatti troppi acquisti, abbiamo messo insieme una lista di oggetti piccoli e poco costosi che potrebbero esservi utili.

Oggetti per organizzare le scarpe
Stando a Google Patents, il motore di ricerca di Google che tiene insieme e permette di consultare più di 87 milioni di brevetti di invenzioni di varie parti del mondo, sono stati gli inventori Hsiao-Hung Chiang e Li-Chi Chu a ideare questi oggetti di plastica per organizzare le scarpe mettendone una sopra all’altra in modo ordinato:

Non si prestano a tutti gli armadi, e sicuramente non vi servono se tenete le scarpe in una scarpiera pensata per essere una scarpiera e non un generico armadietto. Per qualcuno però potrebbero essere un’ottima soluzione organizzativa: di fatto due scarpe occupano lo spazio di una. Si adattano a quasi tutti i tipi di scarpe, stivali esclusi. Su Amazon, che ha anche una sezione dedicata “all’organizzazione guardaroba”, sono venduti da vari rivenditori, con poche differenze di prezzo. Quelli più recensiti sono questi: con 20 euro ve ne arrivano otto.

Gancetti per appendere una gruccia a un’altra
Se siete di quelle persone che quando fanno il cambio dell’armadio si accorgono di avere troppi vestiti, ma non sapete scegliere di cosa sbarazzarvi (oppure non avete intenzione di farlo) potete provare a mettere un maggior numero di vestiti nello stesso spazio agganciando grucce ad altre grucce. Ci sono dei gancetti per farlo: qui potete acquistarne 20, 40, 80 o 120 spendendo dai 9 euro in su. L’importante è non esagerare con il numero di grucce appese le une alle altre e con il peso degli abiti che ci appendete.

Grucce multiple
Un’alternativa ai gancetti, che però è adatta solo per appendere i pantaloni, sono le grucce multiple, come questa di legno da 9 euro o queste di metallo: quattro costano 20 euro circa.

Divisori per mensole e scaffali
Se nell’impilare magliette o asciugamani vi trovate spesso a lottare con la forza di gravità, forse potrebbero esservi utili dei divisori per mensole e scaffali che tengano separate e verticali le suddette pile (può anche darsi che abbiate bisogno di una mensola aggiuntiva). Wirecutter, l’affidabile sito di recensioni di oggetti del New York Times, ha realizzato una sua lunga guida agli oggetti per organizzare gli armadi e tra gli altri consiglia questi divisori, molto recensiti e apprezzati su Amazon.com. Ne potete trovare anche di più economici, ma fate attenzione che siano adatti allo spessore delle mensole del vostro armadio.

(Amazon/Lynk)

Divisori per cassetti
Servono per tenere in ordine più facilmente i calzini, evitando che si crei il caos (almeno fino a quando non si mettono i calzini in lavatrice e comincia la loro grande odissea). Ci sono moltissimi modelli di divisori per cassetti, a seconda della forma del vostro cassetto e delle cose che ci tenete dentro potreste preferirne uno ad altri. Segnaliamo questo divisore “a nido d’ape”, che può essere adattato a cassetti di varie dimensioni e si presta bene per organizzare calze e mutande, e questo set da sei scatole di cui due hanno scomparti regolabili. Ce ne sono anche di tessuto, se li preferite a quelli di plastica.

Grucce per pantaloni più comode di quelle classiche
La maggior parte degli oggetti più semplici che usiamo ogni giorno ci sembrano impossibili da migliorare, quando sono molto utili ed essenziali. Ogni tanto però capita che un designer abbia un’intuizione geniale capace di rendere più efficiente anche qualcosa che già ci sembrava perfetto. Uno di questi designer ha intuito che si potevano migliorare le grucce per appendere i pantaloni ridisegnandole in modo da non doverle tirare fuori dall’armadio per prendere i pantaloni: basta sfilarli.

(Amazon/J.S. Hanger)

Qui ne potete acquistare venti a 27 euro; ci sono anche in bianco. C’è anche una versione “multipla”. Fate attenzione a non scegliere queste altre grucce che sembrano uguali, ma non lo sono: i ganci sono girati in modo da rendere più scomodo appenderli nell’armadio con la traversa aperta dal lato giusto.

Un libro di Marie Kondo
Noi non lo diciamo a nessuno, ma se siete giunti alla conclusione che per mettere in ordine il vostro armadio c’è bisogno del parere di un esperto, potete provare a consultare 96 lezioni di felicità di Marie Kondo, l’esperta giapponese del “decluttering”, cioè appunto del mettere in ordine. È il suo secondo libro, dopo il grande bestseller Il magico potere del riordino, contiene consigli più pratici. Altrimenti potete sempre mettervi a cantare.

Un altro consiglio che potrebbe farvi comodo: quando cercate su Amazon un oggetto simile a quelli sopra, vi compaiono vari suggerimenti di altri oggetti che potrebbero esservi utili per mettere a posto un armadio a cui vale la pena dare un’occhiata. Se siete in cerca di un sito più specializzato in questo genere di cose potete invece provare The Container Store: è americano, ma spedisce anche in Italia, e comunque potete usarlo anche solo per farvi venire delle idee.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati negli articoli con il tag Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.