(Ansa/Matteo Corner)
  • Italia
  • venerdì 6 Novembre 2020

Cosa si può fare da oggi nelle aree rosse

Le risposte alle domande che ci stiamo facendo su ciò che è consentito fare in Lombardia, Piemonte, Calabria e Valle d'Aosta

(Ansa/Matteo Corner)

Da oggi, venerdì 6 novembre, entrano in vigore le nuove misure restrittive decise dal governo con l’ultimo DPCM (il decreto del presidente del Consiglio che sarà in vigore fino al 3 dicembre) per cercare di contenere la nuova diffusione del coronavirus. Le restrizioni prevedono la divisione dell’Italia in tre aree, a seconda della gravità della situazione epidemiologica locale: una rossa, una arancione e una gialla, dalla più grave alla meno grave.

Le limitazioni maggiori sono in Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria, considerate “aree rosse”. Puglia e Sicilia sono state invece inserite in una fascia intermedia di rischio, la cosiddetta “area arancione”. Tutte le altre regioni sono considerate “aree gialle”, cioè zone del paese in cui il virus circola, ma in cui la situazione epidemiologica è considerata meno grave.

Vediamo cosa è possibile e cosa non è possibile fare in Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria.

Si può uscire di casa?
Soltanto per motivi di lavoro, di necessità e di salute. E per usufruire dei servizi delle attività che non chiuderanno, come ad esempio le edicole, i parrucchieri, i barbieri e le lavanderie.

Le cose da sapere sul coronavirus

Ci si può spostare al di fuori del proprio comune?
Anche in questo caso soltanto per motivi di lavoro, di necessità e di salute. Per usufruire delle attività che rimangono aperte, compresi i supermercati, bisogna rimanere nel proprio comune di residenza o di domicilio. Non si può quindi fare la spesa in un comune diverso, a meno di deroghe decise dai comuni.

Si può fare una passeggiata?
È consentiva “l’attività motoria dei pressi della propria abitazione”. In sostanza si può fare una passeggiata, ma senza allontanarsi troppo da casa, con la mascherina e rispettando il distanziamento fisico di un metro e mezzo. Lo stesso vale per passeggiare con il proprio cane.

Si deve compilare l’autocertificazione?
Il ministero dell’Interno ha reso disponibile un modulo di autocertificazione che deve essere compilato sia da chi debba spostarsi per ragioni di lavoro, salute o necessità durante il coprifuoco in vigore in tutta Italia dalle 22 alle 5, sia per chi, per gli stessi motivi, debba farlo durante il giorno nelle “aree rosse”. Il modulo può essere anche compilato al momento del controllo da parte delle forze dell’ordine.

Quando si deve indossare la mascherina?
La mascherina deve essere sempre portata con sé e indossata sempre nei luoghi al chiuso diversi da casa propria e all’aperto tranne che quando si è davvero da soli. Nei luoghi di lavoro le mascherine vanno messe quando non è possibile rispettare la distanza di almeno un metro e negli spazi comuni, secondo il protocollo in vigore dal 24 aprile. Non sono obbligate a indossare la mascherina le persone che stanno svolgendo attività sportiva, i bambini di meno di sei anni e quelle persone che hanno patologie o disabilità che sono incompatibili con l’uso della mascherina stessa. Utilizzare la mascherina è comunque “fortemente raccomandato” anche quando ci si trovi in casa propria con persone non conviventi.

– Leggi anche: Quali indicatori il governo utilizza per definire le zone rosse

Si può andare dal parrucchiere?
Sì, i parrucchieri, così come i barbieri, sono tra le attività che rimangono aperte. I centri estetici sono invece chiusi.

Quali scuole rimangono aperte in presenza?
Devono continuare ad andare in classe i bambini delle scuole dell’infanzia e gli studenti di quelle elementari e della prima media.

Si può andare al ristorante?
I ristoranti, così come i bar, rimangono chiusi al pubblico. Fino alle 22 possono effettuare servizio d’asporto e non sono previste restrizioni per le consegne a domicilio, che sono quindi sempre permesse.

Si può andare a fare la spesa al supermercato o ai mercati?
Fare la spesa è naturalmente una di quelle attività considerate necessarie e quindi è sempre consentito. I supermercati sono aperti, come i mercati che vendono generi alimentari.

Si può fare sport?
L’attività sportiva è consentita solo in forma individuale e all’aperto (come ad esempio correre o andare in bicicletta). Non è obbligatorio indossare la mascherina, ma bisogna portarla con sé. Sono invece sospese tutte le competizioni sportive tranne quelle riconosciute di interesse nazionale dal CONI e dal CIP. È sospesa anche l’attività dei centri sportivi.

Quali attività resteranno aperte?
Ecco, nel dettaglio, l’elenco di tutte le attività che possono rimanere aperte:

Commercio al dettaglio
• Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati con prevalenza di prodotti
alimentari e bevande (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari)
• Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
• Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche,
attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video,
elettrodomestici
• Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi
specializzati (codici ateco: 47.2), ivi inclusi gli esercizi specializzati nella vendita di
sigarette elettroniche e liquidi da inalazione
• Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni
(ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
• Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiali da costruzione
(incluse ceramiche e piastrelle) in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
• Commercio al dettaglio di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura e per il giardinaggio
• Commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione e sistemi di sicurezza in esercizi
specializzati
• Commercio al dettaglio di libri in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
• Commercio al dettaglio di articoli di cartoleria e forniture per ufficio
• Commercio al dettaglio di confezioni e calzature per bambini e neonati
• Commercio al dettaglio di biancheria personale
• Commercio al dettaglio di articoli sportivi, biciclette e articoli per il tempo libero in esercizi specializzati
• Commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori
• Commercio al dettaglio di giochi e giocattoli in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati (farmacie e altri esercizi
specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica)
• Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di cosmetici, di articoli di profumeria e di erboristeria in
esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti
• Commercio al dettaglio di animali domestici e alimenti per animali domestici in
esercizi specializzati
• Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
• Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
• Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
• Commercio al dettaglio di articoli funerari e cimiteriali
• Commercio al dettaglio ambulante di: prodotti alimentari e bevande; ortofrutticoli;
ittici; carne; fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti; profumi e cosmetici; saponi,
detersivi ed altri detergenti; biancheria; confezioni e calzature per bambini e neonati
• Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per
televisione, per corrispondenza, radio, telefono
• Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

Servizi per la persona
• Lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia
• Attività delle lavanderie industriali
• Altre lavanderie, tintorie
• Servizi di pompe funebri e attività connesse
• Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere