• Italia
  • lunedì 27 agosto 2012

Che cosa vi siete persi

Se siete tornati dalle vacanze o eravate distratti, qui c'è un riassunto per punti delle cose successe la settimana scorsa

L’estate sta finendo, come cantavano quelli, e in questi giorni molti di voi sono tornati dalle vacanze. Si torna al lavoro e a invidiare quel collega (c’è sempre) che ha ancora tutte le ferie da fare perché ha deciso di andarsene a fine agosto. Ben consapevoli di come possa essere spiacevole la sensazione di smarrimento quando si torna alla vita normale dopo le vacanze, con la fatica di rimettersi in pari per capire che cosa è successo nel mondo e cosa è importante sapere, qui al Post abbiamo messo insieme una breve guida con le puntante precedenti. In testa trovate le cose più importanti successe la settimana scorsa, poi altri aggiornamenti sintetici e per punti. Per approfondire, ci sono i link. Qui, invece, trovate il riassunto della settimana scorsa. Insomma, bentornati.

Il caso Akin
La scorsa settimana negli Stati Uniti si è parlato molto di Todd Akin, deputato repubblicano candidato al Senato per lo Stato del Missouri, che ha fatto una dichiarazione sull’aborto che tirava in ballo un non meglio precisato meccanismo biologico che – a detta sua – difenderebbe il corpo femminile dalla gravidanza in caso di stupro. Dopo le enormi polemiche suscitate dalle sue dichiarazioni, Akin ha diffuso un messaggio televisivo per scusarsi dicendo di aver utilizzato “parole sbagliate e in modo sbagliato” per esprimere il suo pensiero. Le scuse sono però arrivate in ritardo e molti esponenti del partito gli hanno chiesto di rinunciare alla corsa per il Senato. Dopo qualche esitazione iniziale, la richiesta è arrivata anche dal candidato alle presidenziali Mitt Romney, che ha invitato Akin a farsi da parte. Per ora il candidato ha confermato di voler proseguire la campagna elettorale, causando ulteriori imbarazzi ai repubblicani.

La squalifica di Antonio Conte
Il 21 agosto si è conclusa l’ultima udienza di appello del procedimento sportivo di secondo grado della Corte di giustizia federale per il secondo filone del processo su calcio e scommesse. La Corte ha confermato la squalifica di 10 mesi per l’allenatore della Juventus, Antonio Conte, nonostante lo stesso sia stato prosciolto per una della due partite per cui era accusato, Novara – Siena. Il 23 agosto Conte ha tenuto una conferenza stampa per dare la propria versione dei fatti e contestare i provvedimenti nei suoi confronti. In un editoriale sul Corriere della Sera, Mario Sconcerti ha scritto che le sentenze non hanno senso e che in attesa di cambiare la giustizia sportiva sarebbe il caso di cambiare chi la amministra.

Siria
I combattimenti tra i ribelli e le forze militari fedeli al regime di Bashar al-Assad in Siria sono continuate senza sosta anche la scorsa settimana. Si sono concentrate soprattutto ad Aleppo, dove si sono verificati nuovi attacchi e bombardamenti per la conquista di diversi quartieri della città, anche se gli abitanti iniziano a manifestare i primi segni di insofferenza verso i ribelli. Ai combattimenti partecipano anche persone provenienti da altri paesi, come Arabia Saudita ed Egitto, arrivate in Siria per aiutare le forze ribelli. Ieri gli attivisti hanno denunciato un altro massacro, che vicino a Damasco avrebbe causato la morte di almeno 200 persone. La notizia non ha trovato molte conferme da fonti indipendenti, ma ci sono informazioni su nuove offensive da parte delle truppe governative.

La condanna per Breivik
Anders Behring Breivik, l’autore delle stragi di Oslo e Utøya del luglio 2011 in cui morirono 77 persone, è stato condannato dai giudici di Oslo a 21 anni di detenzione. È la pena massima prevista dall’ordinamento norvegese e potrà essere estesa, alla sua scadenza, se il condannato si rivelerà ancora un pericolo per la società. Il collegio giudicante ha stabilito all’unanimità che Breivik è sano di mente. I suoi legali hanno confermato che il loro assistito non ricorrerà in appello.

La sentenza Apple vs Samsung
Il 21 agosto, gli avvocati di Apple e Samsung hanno tenuto presso il tribunale di San Jose, in California, le loro arringhe conclusive davanti alla giuria incaricata di decidere quale delle due società avesse copiato l’altra nella realizzazione di alcuni prodotti, come smartphone e tablet. I legali di Apple hanno accusato Samsung di aver deliberatamente copiato l’iPhone, realizzando in pochi mesi alcuni “cloni” di un prodotto che Apple aveva impiegato anni per realizzare, spendendo grandi risorse. Gli avvocati di Samsung hanno invece sostenuto che le innovazioni introdotte nei prodotti delle società erano già allo studio prima dell’arrivo dell’iPhone, ricordando anche che non si possono brevettare cose di design come un rettangolo con gli angoli arrotondati. Dopo due giorni di lavoro, la giuria ha dato ragione ad Apple, stabilendo che Samsung ha violato sei dei sette brevetti di cui si era discusso nel processo. La società coreana dovrà pagare un risarcimento di almeno un miliardo di dollari ad Apple, che nelle prossime settimane potrà anche ottenere ingiunzioni per far imporre la sospensione delle vendite di diversi smartphone Samsung. La sentenza potrebbe avere grandi conseguenze per il mercato dei cellulari avanzati e per Android, il sistema operativo per dispositivi mobili di Google utilizzato anche da Samsung.

Neil Armstrong è morto
Sabato 25 agosto è morto Neil Armstrong, aveva 82 anni ed era stato il primo uomo a mettere piede sulla Luna con la missione Apollo XI del 1969. Il 7 agosto scorso era stato sottoposto a una delicata operazione al cuore per rimediare a un’ostruzione coronarica. La famiglia ha comunicato che Armstrong è morto per le conseguenze dell’operazione, ricordando che Neil “è stato, con riluttanza, un eroe americano, che ha sempre creduto di star facendo il proprio dovere”. Armstrong è stato ricordato dal presidente Obama e dalla NASA, che al suo astronauta ha dedicato l’intera homepage del sito per diverse ore. Solamente altre 11 persone misero piede sulla Luna dopo Armstrong.

Il principe Harry e i tabloid
La scorsa settimana il sito di gossip TMZ ha pubblicato alcune foto in cui principe Harry appare completamente nudo in una stanza di albergo, durante una festa a Las Vegas. Le fotografie sono circolate molto online, ma inizialmente non sono comparse sui principali siti, giornali e televisioni della Gran Bretagna, che si sono limitati a proporre le foto di Harry in costume da bagno e all’aperto. Secondo diversi osservatori la scelta era in qualche modo una conseguenza degli scandali legati al News of the World, chiuso per le tecniche illecite di intercettazione e per la violazione della privacy praticate da alcuni suoi giornalisti per reperire informazioni e scoop. Il Sun alla fine ha pubblicato le foto di Harry, motivando la scelta con il fatto che quelle immagini avevano sollevato “un legittimo dibattito pubblico riguardo il comportamento di un uomo che è il terzo in linea di successione al trono e assume sempre più spesso incarichi ufficiali, come ha fatto in occasione della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi”.

Altre notizie

– Tony Scott, il regista di Top Gun e fratello di Ridley, si è ucciso gettandosi da un ponte a Los Angeles il 19 agosto scorso.

– Gu Kailai, la moglie del politico cinese Bo Xilai al centro di un grande scontro di potere nel Partito comunista cinese, è stata condannata a morte per l’uccisione dell’uomo d’affari britannico Neil Heywood. La pena è accompagnata da una sospensione di due anni e potrà essere commutata in carcere a vita.

– Meles Zenawi, il primo ministro dell’Etiopia, che ha controllato il paese per quasi 20 anni, è morto. Era malato da tempo, ma le autorità del paese avevano cercato di tenere nascoste il più possibile le informazioni sulla sua salute.

– Il 23 agosto a Terracina è stato ucciso Gaetano Marino, un uomo di 48 anni considerato il boss del clan camorrista degli scissionisti di Scampia. Marino era in spiaggia ed è stato ucciso, secondo le ricostruzioni, con almeno sette colpi di pistola. Di Marino si era parlato molto lo scorso febbraio, quando Roberto Saviano aveva accusato la RAI di averlo ospitato e in qualche modo omaggiato in una trasmissione televisiva.

– Dopo 25 anni, Microsoft ha cambiato il logo della società, quello nero scuro cui eravamo tanto abituati (affezionati?).

– Il rover della NASA, Curiosity, ha compiuto i primi passi su Marte spostandosi di circa sei metri. Il test è servito per verificare le condizioni di alcuni strumenti di bordo del robot in attesa del suo primo spostamento di 400 metri che avverrà nelle prossime settimane.

– Il 24 agosto un uomo ha aperto il fuoco nei pressi dell’Empire State Building a Manhattan, New York. Ha ucciso una persona prima di essere a sua volta ucciso dalla polizia. Nella sparatoria sono rimaste ferite nove persone.

– Il ciclista statunitense Lance Armstrong perderà tutti i titoli: ha rinunciato a difendersi dalle accuse di doping, pur continuando a dirsi innocente.

– Nel fine settimana è ricominciato il campionato di Seria A e al Post abbiamo preparato una guida per rimanere al passo con le ultime sulle squadre.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.