• Mondo
  • martedì 21 agosto 2012

Todd Akin ha chiesto scusa

Il deputato repubblicano autore di una dichiarazione delirante sull'aborto ha tentato di rimediare scusandosi in uno spot (video)

Todd Akin, il deputato repubblicano e candidato al Senato che nei giorni scorsi aveva fatto molto discutere con una dichiarazione su un non meglio precisato meccanismo biologico che difenderebbe il corpo femminile dalla gravidanza in caso “stupro vero e proprio”, ha deciso di scusarsi in un video. Akin aveva ricevuto un fiume di critiche e anche molti esponenti del suo stesso partito gli hanno chiesto di ritirarsi dalle elezioni al Senato.

«Lo stupro è un gesto terribile, ho usato le parole sbagliate in modo sbagliato e per questo chiedo scusa», ha detto Akin. «Come padre di due figlie, ho molta compassione per le vittime delle violenze sessuali, e prego per loro. So che lo stupro può portare a una gravidanza. L’errore che ho fatto sta nelle mie parole, non nel mio cuore. Vi chiedo perdono».

Mitt Romney, il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali statunitensi, anche se non ha chiesto esplicitamente le dimissioni di Akin, ha dichiarato che il commento di Akin era «impossibile da giustificare, e francamente, sbagliato. Come altri milioni di americani, ho trovato il commento offensivo». Il senatore repubblicano Ron Johnson ha detto che «Akin dovrebbe fare la cosa giusta per la nazione e fare un passo indietro, così che il partito repubblicano possa presentare un candidato più forte alle elezioni di novembre».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.