governo letta

Renzi ha fatto bene?

Guardando Beppe Grillo, ascoltando i suoi sproloqui sempre più preoccupati e preoccupanti, non si può fare a meno di chiedersi come sarebbe ora la situazione [Continua]

Un governo Letta senza Letta

Se questa partita doveva darci un primo indizio sulla capacità di Renzi di fare uno strappo, il primo indizio è negativo [Continua]

Cose che ho imparato in nove mesi al Governo

In nove mesi di esperienza in un ministero, provenendo da tutta una vita lavorativa spesa all’estero, si impara che alcuni luoghi comuni sono falsi. Primo luogo comune: le cose non si possono cambiare. Al contrario, si possono fare moltissime cose,

La battaglia negata

Partiti e partitini giocano le proprie carte e, come sempre nel pieno delle consultazioni, fanno facce arcigne, marcano più le distanze che le prossimità. La stampa mainstream, fino all’altroieri inclemente con Letta, ora si mostra infastidita dal modo del cambio

Ma ce la può fare?

Oggi l’Italia cambia governo, e benché l’evento sia stato vissuto e raccontato in questi giorni come uno scontro fra due individualità [Continua]

Serve un capolavoro di saggezza

Enrico Letta avverte di stare attenti, perché questa storia può finire male. Ma sta già andando molto male. [Continua]

Letta non si presta

Letta non si presta

E annuncia un progetto di governo fin troppo ambizioso: ma l'ipotesi staffetta ha fatto i conti senza di lui

Renzi cerchi la legittimità dagli elettori

Berlusconi e i berlusconiani hanno torto marcio sulla storia del complotto del 2011. Detto questo, c’è un dato oggettivo: è da due anni e quattro mesi che l’Italia non ha un governo scelto dai cittadini [Continua]

Cosa sta succedendo al PD

La prima, clamorosa notizia è questa: anche i più tenaci sostenitori dello schema Napolitano ne dichiarano il fallimento totale. [Continua]

La nuova linea del PD

Sarà anche un eversore delle liturgie di Palazzo, certo che Matteo Renzi quando vuole sa tirare fuori malizie tattiche da vecchio navigatore. [Continua]

Non è la missione di Renzi

Finché a spingere Matteo Renzi verso palazzo Chigi è chi gli vuol male, pazienza. I suoi avversari fuori dal Pd, ansiosi di disinnescare la carica di novità di Renzi dentro la prossima campagna elettorale. [Continua]

Il campo di Letta e quello di Renzi

Si può credere che Enrico Letta si sia tenuto intenzionalmente alla finestra nelle ore in cui si stringeva l’accordo sulla riforma elettorale. Oppure pensare che sia stato scansato e ridimensionato in quel passaggio cruciale, come tante fonti hanno suggerito, nonostante

Perché Renzi ritarda il patto di coalizione

L’illusione del momento è quella del pieno coinvolgimento di Matteo Renzi nelle responsabilità di governo. Attraverso un corposo innesto di ministri di sua fiducia o addirittura con un affidamento della guida dell’esecutivo. [Continua]

Tra governo e riforme, chi danneggia chi

Fino a oggi lo schema di ragionamento è sempre stato questo: i tempi, i modi e l’esito della trattativa sulla riforma istituzionale e sulla riforma elettorale condizioneranno la tenuta della maggioranza [Continua]

I vantaggi del “sindaco d’Italia”

Se davvero Matteo Renzi uscirà dalla strettoia sui modelli di legge elettorale così come c’era entrato, cioè con una preferenza per il cosiddetto “sindaco d’Italia”, molti nodi saranno sciolti e altri si proporranno. [Continua]

Il gruppo ci stacca

Il gruppo ci stacca

Il direttore del Corriere della Sera spiega perché bisogna dare credito a un governo "timido, a volte pasticcione e inconcludente"

Una decisione da prendere

Come si cercava di spiegare qui, la situazione è parecchio ingarbugliata. Né pentére e volere insieme puossi, come diceva un fiorentino di qualche anno fa. Ovvero, non si può volere che il governo faccia (all’insegna del fare, non del durare),