flavio carboni

"Lombardi è uno potente"

“Lombardi è uno potente”

Il sottosegretario Caliendo durante gli interrogatori avrebbe ribaltato la tesi dei "pensionati sfigati", scrive Repubblica

"Volgari modalità"

“Volgari modalità”

Il Tribunale del Riesame ricapitola l'accusa contro la ghenga Carboni di aver cercato di manipolare la Corte Costituzionale

Libero e il complotto Mondadori

Libero e il complotto Mondadori

Franco Bechis su Libero tenta di tirare fuori il PresDelCons dal coinvolgimento negli affari della ghenga, con risultati discutibili

Siamo persone di rispetto

Siamo persone di rispetto

Formigoni sfugge al merito delle contestazioni sui rapporti con la ghenga Carboni: e poi c'era "un colpo di stato"

A che punto siamo

A che punto siamo

Il punto della situazione undici giorni dopo gli arresti di Carboni, Lombardi e Martino: chi è in carcere, chi è indagato, chi potrebbe esserlo presto

Cosa dice Carboni

Cosa dice Carboni

Dai verbali dell'interrogatorio e dalle visite in carcere, la versione del presunto capo: che scarica i due coindagati

Un paese governato da quattromila pensionati sfigati

C’è un aspetto parziale ma essenziale della vicenda della lobby Carboni – e dobbiamo trovarle un nome e mi rifiuto di usare P3 che supera in fesseria ogni altra invenzione giornalistica di questi anni -, c’è un aspetto essenziale, dicevo, su cui sto riflettendo da quando sono uscite le prime intercettazioni. E non solo io, [...]

Le brutte giornate di Formigoni

Le brutte giornate di Formigoni

Il presidente della Lombardia salta fuori nei verbali sulla lobby di Carboni, e i suoi alleati nell'inchiesta sulla 'ndrangheta

Nome in codice: Cesare

Nome in codice: Cesare

Silvio Berlusconi viene citato decine di volte nelle intercettazioni sulla lobby, ma nessuno lo chiama per nome

Altro che Noemi

Altro che Noemi

Cosentino, Dell'Utri, Verdini: il punto sul più grosso scandalo che travolge la maggioranza (e ce ne sono stati)

In attesa di Verdini

In attesa di Verdini

I giornali raccontano le dimissioni di un magistrato e di un assessore regionale, in relazione all'inchiesta sulla lobby di Flavio Carboni

"Un passo indietro"

“Un passo indietro”

Il fronte che chiede a Denis Verdini di dimettersi da coordinatore del PdL arruola il Corriere della Sera (e Italo Bocchino?)