caso shalabayeva

Ci sono state le prime condanne per il caso Shalabayeva

Ci sono state le prime condanne per il caso Shalabayeva

L’ex capo della Squadra mobile di Roma, Renato Cortese, oggi questore di Palermo, e l’ex dirigente dell’ufficio immigrazione Maurizio Improta, attuale capo della Polfer, sono stati condannati a cinque anni di carcere per aver sequestrato nel 2013 Alma Shalabayeva, moglie

Un altro Ablyazov ancora

La versione francese del caso Ablyazov, meno scandalosa e maldestra della nostra – anche perché la signora Shalabayeva ormai l’avevamo già consegnata noi – ha pure degli aspetti particolari su cui fare delle riflessioni, per quello che se ne sa. … Continua a leggere

I documenti del caso Shalabayeva

I documenti del caso Shalabayeva

Li ha letti il Post, sembrano dire che le informazioni sull'identità di Shalabayeva siano andate perse tra Interpol italiana e questura di Roma

Bonino sul caso Shalabayeva

Bonino sul caso Shalabayeva

Dalle 15.30 in streaming l'audizione del ministro degli Esteri sull'espulsione di moglie e figlia dell’oppositore politico kazako Ablyazov

Tre aggiornamenti sul caso Shalabayeva

Tre aggiornamenti sul caso Shalabayeva

Il nome da nubile Alma Ayan è falso (il passaporto su cui era riportato forse no) e 8 banche italiane sono coinvolte in una presunta truffa del marito, Ablyazov

Il nome di Alma Shalabayeva

Tra tutte le altre contraddizioni e versioni smentite del caso Shalabayeva, a questo punto pare chiaro che dobbiamo mettere la storia del “nome da nubile” circolata da subito a spiegazione di una prima presunta incomprensione tra le autorità coinvolte. Si … Continua a leggere

Cosa faceva Emma Bonino, intanto

Cosa faceva Emma Bonino, intanto

Una ricostruzione riservata del ministero degli Esteri elenca i tentativi di ottenere informazioni e risposte sul caso Shalabayeva

Tre cose che non tornano

Tre cose che non tornano

Il ministro Alfano chiarisca i suoi traballanti argomenti sul caso Shalabayeva: sembrano "macroscopiche menzogne", scrive Carlo Bonini su Repubblica

Kazakistan, Alfano: Non sapevo, nessuno potrà mai dimostrare contrario

Kazakistan, Alfano: Non sapevo, nessuno potrà mai dimostrare contrario

Roma, 21 lug. (LaPresse) – “Ho ricevuto tre telefonate dell’ambasciatore kazako alle quali non ho potuto rispondere. Per questo ho incaricato Procaccini di occuparsi della vicenda. Dopo l’incontro mi disse che il diplomatico chiedeva collaborazione per l’arresto di un latitante.

Vediamo il bluff

Vediamo il bluff

Letta, Napolitano e il PD ci hanno ricattato sulla necessità della sopravvivenza del governo: vedano di convincerci, a questo punto

Va a finire che decide Berlusconi

Il momento nero del governo Letta inizia fattualmente nei giorni del rapimento di stato di Alma e Alua Shalabayeva. Ma il punto di svolta politico si colloca più avanti, nella prima settimana di luglio, ed è quando comincia a diffondersi