A Modena ha vinto il centrosinistra

Gian Carlo Muzzarelli, il sindaco uscente sostenuto dal centrosinistra, ha vinto al primo turno

Gian Carlo Muzzarelli (via Facebook)

Alle elezioni comunali a Modena, in Emilia-Romagna, quando sono stati scrutinati i voti di 180 sezioni su 190 il sindaco uscente Gian Carlo Muzzarelli, sostenuto da una coalizione di centrosinistra e liste civiche, è primo con il 53,6 per cento dei voti. Il candidato della Lega, invece, Stefano Prampolini, è dietro di lui con il 31,6 per cento dei voti. I risultati sono in linea con le prime proiezioni di Opinio per Rai, dove Muzzarelli era dato al 51 per cento dei voti. Mancano circa 10 sezioni da scrutinare, ma è quasi certo che Muzzarelli vinca al primo turno.

Modena è una storica città di sinistra, ma nel 2014 per la prima volta un candidato del centrosinistra non aveva vinto al primo turno, dovendo affrontare anche il ballottaggio. Il centrodestra avrebbe voluto ripetere questo risultato e provare a vincere al secondo turno, ma già dai risultati delle europee si poteva intuire che il centrosinistra avrebbe mantenuto il controllo della città. Alle europee il PD ha preso quasi il 40 per cento dei voti, mentre la Lega è rimasta molto più indietro con il 26 per cento.

Dietro a Muzzarelli e Prampolini c’è il candidato del Movimento 5 Stelle, Andrea Giordani, al 9,8 per cento, mentre tutti gli altri candidati, sostenuti da liste civiche e indipendenti, non superano il 2 per cento.

Qui potete seguire il liveblog del Post con i risultati di tutte le elezioni amministrative, man mano che arrivano. Qui invece trovate i risultati delle elezioni regionali in Piemonte.

I risultati delle elezioni comunali in altre città italiane, città per città:

– Bari
– Bergamo
– Firenze
– Livorno
– Ferrara
– Perugia
– Pescara

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.