• Mondo
  • venerdì 22 luglio 2011

Gli attentati in Norvegia

A Oslo un'esplosione ha ucciso almeno sette persone, a Utøya un uomo ha aperto il fuoco al campo estivo dei giovani laburisti e ci sono altre vittime

Aggiornamento di sabato 23 luglio 2011, ore 1.23
L’autore della sparatoria a Utoya sarebbe Anders Behring Breivik, riferiscono alcune fonti di SkyNews. L’uomo non sarebbe legato al terrorismo di matrice islamica, ma sarebbe un estremista di destra.
Sull’isola è stato trovato un ordigno, rimasto inesploso, riferisce Associated Press.
Le autorità norvegesi sono ancora molto caute nel fare ipotesi sulla matrice degli attentati, ma alcune fonti interne consultate dalle agenzie di stampa sembrano ritenere poco plausibile la pista islamica.

22,47. L’uomo arrestato è un norvegese, ha detto il ministro della Giustizia.

22,44. Un nuovo video di Utøya dopo l’arrivo della polizia.

22,40. È cominciata una conferenza stampa del primo ministro Stoltenberg.

22,18. Le ipotesi che circolano nelle agenzie e nei media adesso inclinano verso la pista del terrorismo interno.

22,08. È confermato che l’uomo arrestato a Utøya è di razza caucasica. Ed era stato individuato a Oslo nel corso della giornata. La polizia ha spiegato che non indossava un’uniforme della polizia ma una tuta blu con un segno identificativo della polizia.

22,00. Riepilogo finora. Questo pomeriggio intorno alle 15.30 il centro di Oslo è stato colpito da un’esplosione, probabilmente provocata da un’autobomba. L’esplosione è avvenuta tra il palazzo che ospita il ministero del Petrolio – la Norvegia ne ha moltissimo – e l’ufficio del primo ministro, Jens Stoltenberg, che sta bene ed è al sicuro. L’esplosione ha provocato incendi in alcuni palazzi della zona. Stando all’ultima stima della polizia, 7 persone sono state uccise, 11 sono gravemente ferite e altre 100 sono lievemente ferite. Il centro di Oslo è stato evacuato e in questo momento è circondato dall’esercito.

Un’ora dopo si ha avuto notizia di quanto accaduto a Utøya, un’isola a nord ovest di Oslo dove aveva luogo un campo estivo dei giovani laburisti. Un uomo vestito da poliziotto ha aperto il fuoco: la prima stima della polizia parla di 9 persone uccise, mentre alcuni testimoni oculari erano arrivati a parlare di 20 o 25 morti. L’uomo responsabile della sparatoria è stato arrestato: non è ancora noto chi è, né la sua nazionalità. Al campo estivo oggi doveva partecipare proprio il primo ministro, che però aveva disdetto l’impegno all’ultimo momento.

La polizia norvegese ha detto di avere ragione di pensare che i due fatti siano collegati. Un’ora e mezza fa è arrivata la rivendicazione di un gruppo islamista ma le autorità non hanno ancora ufficialmente indicato chi ritengono responsabile degli attacchi.

21,48. La polizia adesso parla di 9 morti a Utøya.

21.38 – Continuano ad arrivare testimonianze oculari da Utøya riguardo il numero dei morti, ma le stime vanno da 10 a 25 e non ci sono ancora conferme ufficiali da parte delle autorità.

21.32Nuove foto da Oslo e da Utøya .

21.29 – Un video girato nel centro di Oslo poco dopo l’esplosione.

21.19 – La tv norvegese NRK ha mandato in onda diverse immagini che mostrano persone che nuotano al largo dell’isola di Utøya. Lo conferma al Guardian il giornalista Neil Perry, da Oslo. Le persone si sono probabilmente gettate nel lago per sfuggire all’uomo armato.

21.11 – L’attentatore di Utøya si sarebbe presentato vestito da agente affermando di essere lì per dei controlli in seguito alla bomba di Oslo.

21.08 – Associated Press ha diffuso alcune fotografie aeree dell’isola di Utoya scattate ieri.

21.00 – La polizia norvegese sospetta che ci siano delle bombe innescate sull’isola di Utøya.

20.55 – Associated Press riferisce che la polizia norvegese ha detto che l’uomo arrestato sull’isola sarebbe collegato all’attentato di Oslo.

20.54 – Il sito di FastCompany ha ulteriori dettagli sulle rivendicazioni online del gruppo islamista Ansar al-Jihad al-Alami.

20.52 – Un responsabile dell’ospedale di Oslo dove sono stati portati i feriti parla alla BBC di undici feriti gravi nell’ospedale.

20.44 – Stoltenberg ha parlato alla tv NRK e ha chiesto ai norvegesi di non lasciarsi sopraffare dalla paura, perché questo è l’obiettivo della violenza.

20.36 – Foreign Policy racconta il mullah Krekar, predicatore musulmano curdo che vive a Oslo e lo descrive come un potenziale indiziato degli attentati.

20.27 – Il primo ministro Stoltenberg ha convocato un Consiglio dei ministri d’emergenza per stasera.

20.19 – Col passare dei minuti sta emergendo l’importanza centrale dell’uomo arrestato a Utøya. La sua storia e la sua identità possono spiegare molto su quanto accaduto oggi in Norvegia, più di qualsiasi rivendicazione scritta.

20.18 – La tv norvegese dice che secondo testimoni oculari le persone uccise a Utøya sarebbero almeno 20.

20.16 – Il New York Times scrive che è saltata fuori una rivendicazione da parte di un gruppo terrorista, Ansar al-Jihad al-Alami, secondo cui l’attacco sarebbe una risposta all’impegno della Norvegia in Afghanistan e a non meglio specificate offese a Maometto. Non ci sono ancora elementi per giudicare l’autenticità della rivendicazione.

1 2 3 4 5 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.