wto

Trump ha bloccato il WTO

Trump ha bloccato il WTO

Da ieri l'organizzazione che regola il commercio internazionale non può più emettere sentenze e regolare le controversie tra i paesi, con conseguenze caotiche e imprevedibili

La battaglia di Seattle

La battaglia di Seattle

Vent'anni fa una delle prime manifestazioni del movimento no-global fece parlare di sé soprattutto per le violenze della polizia e dei "black bloc"

Il risultato di Bali

Bisogna immaginarsela una sala grande come un campo da calcio, con tavoli stretti e lunghi in cui ci sono quattro posti per ognuno dei 159 paesi [Continua]

Il primo accordo nella storia del WTO

Il primo accordo nella storia del WTO

Cioè l'organizzazione del commercio mondiale: è stato raggiunto oggi in Indonesia, dopo anni e anni di negoziati e quando ormai non ci credeva più nessuno

La complessità del WTO a Bali

All’inizio di questo diario avevamo ricordato le manifestazioni di Seattle del 1999 contro il WTO. Ma che fine hanno fatto i no-global? [Continua]

I problemi del WTO a Bali

L'India chiude le possibilità di un accordo sullo stoccaggio dei beni agricoli sussidiati, il direttore generale Azevedo cerca una mediazione. [Continua]

Le richieste dell’India al WTO

Il “pacchetto” di Bali ha tre capitoli da considerare assieme: quello per lo sviluppo dei paesi più poveri è già chiuso. Quelli sull’agricoltura e sulle procedure doganali invece no, con l’India in una posizione estrema sul primo. [Continua]

Perché gli accordi di Bali sono importanti

È in corso una conferenza del WTO che definirà nuove regole del commercio internazionale, da cui dipendono sia gli equilibri geo-politici, sia le opportunità di crescita. [Continua]

La questione delle terre rare

La questione delle terre rare

Europa, Giappone e Stati Uniti hanno fatto richiesta di sanzioni contro la Cina, che produce e limita le esportazioni di 17 minerali indispensabili per i prodotti tecnologici

Contro Nesi

Ho da poco finito di leggere il libro vincitore del Premio Strega di quest’anno, “Storie della mia gente“, l’ultimo lavoro di Edoardo Nesi. È il racconto del tramonto dell’industria tessile a Prato e anche una denuncia potente contro la politica