• Cultura
  • Questo articolo ha più di un anno

Cosa guardare adesso su Discovery+

Finite le Olimpiadi, chi ha fatto l'abbonamento ha ancora qualche settimana sulla piattaforma: ne sarà contento soprattutto chi ama i reality

L’unica soluzione per vedere le Olimpiadi senza tv, o per vedere tutte le gare, era farsi l’abbonamento al servizio di streaming Discovery+. È quindi probabile che molti si siano abbonati tra la fine di luglio e l’inizio di agosto, proprio per le Olimpiadi: visto che l’abbonamento dura un minimo di un mese, e dato che chi si è abbonato a Discovery+ grazie all’offerta Fastweb ce l’ha gratuitamente per tre mesi, può essere utile una panoramica su cosa ci sia da guardare sul servizio, ora che i Giochi di Tokyo sono finiti.

– Leggi anche: Non sanno + cosa inventarsi

Anzitutto, le coordinate: Discovery+ è la piattaforma di streaming del gruppo statunitense Discovery, che già nel 1985 lanciò Discovery Channel, presente in Italia dagli anni Novanta. Oggi di Discovery fanno parte diversi canali del digitale terrestre (tra gli altri: Real Time, DMAX e Nove) e del pacchetto Sky (come Discovery Channel ed Eurosport 1 e 2). Discovery+ esiste da gennaio e prevede abbonamenti mensili o annuali, sia per l’intrattenimento che per intrattenimento e sport insieme. Sulla piattaforma ci sono tutti i programmi di questi canali, più una serie di altri contenuti che sono solo lì – gli “originals” – e alcuni altri disponibili anche per i non abbonati.

Reality e affini
Per chi ne conosce i canali, da ormai diversi anni Discovery punta molto su tutta una serie di programmi di intrattenimento leggero su argomenti di vario genere. Su Discovery+ si trovano quindi, tra gli altri: Cortesie per gli ospiti, Il contadino cerca moglie, Bake Off Italia, Love Island Italia, Matrimonio a prima vista Italia e Naked Attraction Italia, un “dating show” in cui due sconosciuti si conoscono vedendosi nudi pezzo per pezzo. Come vagamente suggerito dalla presenza della parola “Italia” nel titolo si tratta di versioni italiane di formati internazionali, in genere anch’essi presenti sulla piattaforma.

Le serie e i film non sono molti, ma i programmi televisivi documentari o a metà tra reality e documentari su Discovery+ sono moltissimi, volendo spulciare il catalogo. Anche se mancano grandi classici come Come è fatto, ci sono titoli come Alaska: Costruzioni selvagge, Ingegneria degli Epic Fail, Mi compro un’isola, Airport Security: Europa, Ti spedisco in convento Italia (in cui «cinque ragazze abituate a una vita con poche regole trascorrono un periodo di tempo in un convento di suore») ed Elettra e il resto scompare, nel quale «la cantante, influencer, personaggio tv Elettra Lamborghini si racconta in una serie sulla sua vita». Ma non è detto che questo genere di programmi faccia per voi.

Lady Gucci: la storia di Patrizia Reggiani
Un documentario sulla donna che fu condannata a 29 anni di prigione (in seguito ridotti a 16) per essere stata la mandante dell’omicidio, nel 1995, di Maurizio Gucci, suo marito. Discovery+ ne parla così: «ci sono personaggi destinati ad essere sempre sotto i riflettori. È il caso di Patrizia Reggiani, ex signora Gucci, che in un’intervista esclusiva racconta la sua storia. L’incontro fatale con Maurizio, il loro amore, il matrimonio da favola che si trasformerà in un incubo». La visione potrebbe risultare propedeutica ad House of Gucci, film di Ridley Scott che arriverà in Italia a dicembre in cui Reggiani sarà interpretata da Lady Gaga.

Oltre a Lady Gucci, su Discovery+ si trova tutta un’altra serie di documentari su quelli che vengono definiti “Misteri e delitti d’Italia”. Tra gli altri, Via Poma – Un caso irrisolto, Emanuela Orlandi: il caso è aperto, Cercando Elisa – Il delitto Claps e La coppia dell’acido – Follia criminale. A queste si aggiungono alcuni contenuti, perlopiù statunitensi, che Discovery+ mette nella categoria “Speciali serial killer”.

Estonia, disastro nel Mar Baltico
Una serie documentaria che in cinque episodi prova a ricostruire e spiegare la storia della nave traghetto Estonia, che il 28 settembre 1994 fece naufragio mentre navigava da Tallinn a Stoccolma, provocando la morte di 852 persone.

I documentari BBC
Tra gli altri, la seconda stagione di Blue Planet e le due stagioni di Planet Earth.

Framing Britney Spears
È uscito a febbraio negli Stati Uniti, prodotto dal New York Times, e racconta la nota e controversa vicenda della tutela legale di Britney Spears, e del suo patrimonio, di cui non ha più il controllo dal 2008.

– Leggi anche: La tutela di Britney Spears, dall’inizio

Aquarium
Una docuserie in due stagioni del canale Animal Planet che racconta i dietro le quinte dell’acquario della Georgia, che con i suoi oltre 42mila metri cubi d’acqua è tra i più grandi al mondo.

Being Serena Williams e My name is Ada
A un’evidente vocazione per i reality e a un certo interesse per presidiare i generi del “true crime” e dei documentari naturalistici, Discovery+ unisce un non indifferente interesse per lo sport. Oltre allo sport in diretta e in replica (sì, ci si può andare a rivedere le gare delle Olimpiadi) sulla piattaforma ci sono anche documentari e serie documentarie a tema sportivo. Come questi due, non proprio recentissimi, sulla tennista Serena Williams e su Ada Hegerberg, la prima calciatrice a vincere il pallone d’oro femminile.

La Vuelta e gli US Open
Per chi sceglierà di avere un po’ di pazienza, Discovery+ si rivelerà utile per poter vedere tutte le tappe della Vuelta di Spagna, l’ultimo grande giro di quest’anno, con il campione olimpico Primoz Roglic e Richard Carapaz tra i favoriti, insieme con il vincitore del Giro d’Italia Egan Bernal. La Vuelta inizierà il 14 agosto e finirà il 5 settembre, quando nel frattempo saranno iniziati gli US Open di tennis, che finiranno il 12 settembre.

– Leggi anche: Momenti olimpici che si sono fatti notare