• Italia
  • mercoledì 29 agosto 2018

Le foto della manifestazione contro il razzismo a Milano

Hanno partecipato migliaia di persone, mentre Matteo Salvini incontrava il primo ministro ungherese Viktor Orbán

La manifestazione contro il razzismo in piazza San Babila, Milano, 28 agosto 2018 (LaPresse - Matteo Corner)

Migliaia di persone – tremila secondo la Questura, quindicimila secondo gli organizzatori – si sono riunite ieri pomeriggio, martedì 28 agosto, in piazza San Babila a Milano, per protestare contro l’incontro in prefettura tra il primo ministro ungherese Viktor Orbán e il ministro dell’Interno Matteo Salvini, accomunati da politiche anti-immigrati e anti-europeiste. La manifestazione, chiamata “Europa senza muri”, voleva mandare un messaggio contro il razzismo e a favore dell’accoglienza; è stata organizzata dalle associazioni Europa senza muri e I Sentinelli di Milano e sostenuta da molte altre organizzazioni, come la comunità di Sant’Egidio, l’Arci, l’Acli, l’Anpi, la Cgil, la Uil, e da partiti, tra cui il PD, Liberi e Uguali e Possibile.

Tra i politici che hanno partecipato c’erano l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, il fondatore di Possibile Pippo Civati, il deputato del PD Emanuele Fiano e il sindaco di Ventimiglia, una delle città simbolo dell’accoglienza ai migranti, che lì si radunano dopo essere stati respinti al confine dalla Francia. Sul palco ha parlato Pierfrancesco Majorino, assessore di Milano al Welfare, che due mesi fa aveva organizzato in parco Sempione la “tavolata multietnica” per promuovere l’integrazione. Tra gli interventi più applauditi c’è stato quello di un uomo senegalese che ha citato il sogno di integrazione di Martin Luther King.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.