Il presidente cinese Xi Jinping (AP Photo/Mary Altaffer)
  • Mondo
  • giovedì 1 Ottobre 2020

La Cina si sta prendendo l’ONU

Sta diventando sempre più influente, anche per il progressivo ritiro degli Stati Uniti di Trump, e da un po' di tempo se ne vedono gli effetti

Il presidente cinese Xi Jinping (AP Photo/Mary Altaffer)

Quando la scorsa estate il Consiglio per i diritti umani dell’ONU si espresse sulla contestata legge sulla sicurezza nazionale approvata dalla Cina per avere un maggiore controllo su Hong Kong, ben 53 paesi appoggiarono la nuova norma cinese, e solo 27 si opposero. La legge era finita al centro delle attenzioni di mezzo mondo, perché diversi governi occidentali temevano che potesse essere usata dalla Cina per reprimere le proteste a favore della democrazia che andavano avanti da circa un anno a Hong Kong (e per questo si arrivò a parlare della «fine di Hong Kong»). Il governo cinese era però riuscito a portare dalla sua parte il Consiglio per i diritti umani dell’ONU, organismo sussidiario dell’Assembra Generale che – almeno sulla carta – dovrebbe occuparsi di promuovere il rispetto dei diritti umani nel mondo.

La decisione del Consiglio fu parecchio commentata, ma non stupì più di tanto chi seguiva da tempo le dinamiche di potere interne all’ONU. Cosa era successo, quindi?

Da qualche anno la Cina ha aumentato in maniera rilevante la sua influenza in diverse organizzazioni internazionali, finora espressione per lo più di un sistema – quello occidentale e multilaterale – messo in piedi dagli Stati Uniti alla fine della Seconda guerra mondiale. La Cina non si è limitata a diventare più amichevole, o a cercare l’appoggio di un numero sempre maggiore di paesi. Ha fatto qualcosa di più: ha avviato una lunga e ampia campagna «che mira a piegare l’arco della governance globale verso un orientamento più illiberale, che privilegi gli interessi degli attori autoritari», ha scritto la giornalista Kristine Lee su Politico. Questa campagna si è vista soprattutto all’interno dell’ONU, l’organizzazione simbolo dell’attuale sistema internazionale.

Nel corso degli ultimi anni, il governo cinese ha sistematicamente messo funzionari e politici cinesi a capo di un ampio numero di agenzie dell’ONU.

Dal 2019, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (più nota con la sigla inglese FAO) è guidata da Qu Dongyu, ex viceministro cinese dell’Agricoltura. La nomina di Qu Dongyu aveva seguito la riconferma di Zhao Houlin, ex ministro cinese delle Poste e delle Telecomunicazioni, come segretario generale dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni, agenzia molto importante che si occupa di stabilire tra le altre cose i criteri tecnici per le reti di comunicazione. Zhao aveva usato la sua posizione per promuovere la società cinese Huawei come distributore dei sistemi per il 5G in tutto il mondo.

Il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, e il direttore della FAO, il cinese Qu Dongyu (AP Photo/Alessandra Tarantino)

L’anno precedente il segretario generale dell’ONU, António Guterres, aveva nominato Liu Zhenmin, ex viceministro cinese degli Esteri, in una posizione chiave all’interno del Dipartimento per gli affari economici e sociali, organismo dell’ONU che ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo sociale ed economico, combattere il cambiamento climatico e ridurre le diseguaglianze. La Cina guida anche l’Organizzazione internazionale per l’aviazione civile e quella per lo sviluppo industriale, che il governo cinese ha usato per presentare in positivo i progetti della Belt and Road Initiative, il piano di infrastrutture con cui la Cina sta espandendo le proprie vie di comunicazione e la propria influenza in mezzo mondo, Italia compresa.

Lo scorso marzo la Cina stava per prendersi anche la guida dell’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale, prima che gli sforzi congiunti di Stati Uniti e altri paesi lo impedissero. Delle 15 agenzie specializzate dell’ONU, oggi la Cina ne guida quattro, superando qualsiasi altro paese del mondo.

Avere il controllo di così tante agenzie, ha detto Ashok Malik, consigliere del ministero degli Esteri indiano, ha implicazioni rilevanti per la Cina: «Se controlli le leve importanti di queste istituzioni, puoi influenzarne le norme, i modi di pensare, influenzi la politica internazionale, la condizioni con il tuo modo di pensare». Allo stesso tempo ha avuto costi anche abbastanza contenuti. Nonostante la Cina sia la seconda economia mondiale, ha continuato a usufruire di sconti concessi ai paesi in via di sviluppo: nel 2018 ha contribuito alle spese dell’ONU con solo 1,3 miliardi di dollari, molti meno rispetto ai 10 miliardi stabiliti per gli Stati Uniti.

Negli ultimi anni, inoltre, la Cina ha messo in piedi un sistema di favori reciproci con parecchi paesi dell’Africa e del Pacifico, con cui in cambio di prestiti e altri sistemi di assistenza è in grado di ottenere il voto favorevole su singole questioni trattate alle Nazioni Unite.

Una cosa del genere è successa lo scorso anno, quando a Roma si votava per il nuovo capo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (la FAO). La Cina cercava appoggi per Qu Dongyu, il suo candidato, tra i paesi in via di sviluppo: quando il governo cinese, per esempio, cancellò 78 milioni di dollari di debiti al Camerun, il candidato del Camerun per l’incarico all’ONU, l’economista Médi Moungui, si ritirò bruscamente dalla competizione, senza dare troppe spiegazioni. Sembra inoltre che i membri della delegazione cinese, particolarmente numerosa, avessero chiesto a rappresentanti di altri stati di fotografare la loro scheda, per poter confermare che avessero votato per Qu Dongyu: e questo nonostante il voto fosse segreto.

– Leggi anche: Non ci sono più gli Stati Uniti di una volta

L’ascesa della Cina, dentro e fuori le organizzazioni internazionali come l’ONU, è dipesa in larga parte dal progressivo ritiro degli Stati Uniti dagli affari del mondo, e dal sistema che lo stesso governo americano aveva creato alla fine della Seconda guerra mondiale per garantirsi una posizione di predominio nel sistema globale. Questo processo era iniziato diversi anni fa, durante la presidenza di Barack Obama, ma è diventato più rapido e traumatico con Donald Trump.

Il presidente statunitense Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping (AP Photo/Susan Walsh, File)

A luglio Trump aveva deciso di ritirare gli Stati Uniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, accusando l’agenzia dell’ONU di essere alle dipendenze della Cina e di avere contribuito alla diffusione della pandemia da coronavirus. In precedenza Trump aveva preso decisioni simili, anche se non direttamente legate alla partecipazione degli Stati Uniti all’ONU: nel 2017 si era ritirato dal trattato sul clima, e l’anno successivo dall’accordo sul nucleare iraniano. Alla votazione sulla legge sulla sicurezza nazionale approvata dalla Cina per Hong Kong, tenuta a luglio al Consiglio per i diritti umani dell’ONU, gli Stati Uniti non c’erano: Trump li aveva ritirati nel 2018, sostenendo che l’organismo fosse troppo critico nei confronti di Israele (alleato degli americani). L’anno successivo aveva fatto lo stesso con un’altra agenzia, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura.

Molti, sia dentro che fuori il governo americano, hanno visto le mosse di Trump come una specie di “regalo strategico” alla Cina. Trump non avrebbe solo liberato spazio per i suoi avversari; lo avrebbe fatto senza poterlo più reclamare in futuro. Come ha detto Lanxin Xiang, direttore del Center of One Belt and One Road Studies a Shanghai, «Se questo è un tuo ritiro volontario, e non il risultato di noi che ti cacciamo, riempire gli spazi lasciati vuoti non dovrebbe essere considerata una provocazione».

– Leggi anche: Le accuse all’OMS sono fondate?

Gli Stati Uniti hanno cercato in parte di opporsi all’ascesa della Cina, tentando di persuadere e corteggiare diversi paesi storicamente amici. Finora, però, questi sforzi hanno prodotto molto poco: negli ultimi quattro anni la fiducia tra Trump e alleati si è progressivamente sgretolata, e oggi dei rapporti bilaterali ereditati dal mandato di Obama non rimane quasi nulla.

Secondo alcuni osservatori, quello che si sta vedendo all’interno dell’ONU ricorda sempre più le dinamiche della Guerra Fredda, cioè lo scontro tra due modelli diversi – da una parte gli Stati Uniti, dall’altra l’Unione Sovietica – che dalla fine della Seconda guerra mondiale definì il mondo e i suoi equilibri per oltre mezzo secolo: «Il peso di Pechino alle Nazioni Unite aiuta il Partito comunista cinese a legittimare la sua pretesa di essere un’alternativa superiore alle democrazie occidentali», ha scritto il Wall Street Journal. Un concetto simile è stato espresso di recente dallo stesso presidente cinese, il potentissimo Xi Jinping. Durante il suo discorso all’Assemblea Generale dell’ONU, alludendo all’ascesa della Cina e al declino degli Stati Uniti, Xi ha detto: «Il sistema di governance globale dovrebbe adattare se stesso all’evolversi delle dinamiche politiche ed economiche globali».

Che in altre parole significa: stiamo diventando il paese più importante del mondo, il mondo dovrebbe riconoscerlo e cambiare il suo sistema di governo, dando a noi la guida.