• lunedì 9 Marzo 2020

“Solidarietà digitale”, le agevolazioni per chi vive nelle zone più colpite dal coronavirus

Sono attive dal 4 marzo per le cosiddette "zone rosse", ma non è chiaro se ora verranno estese alla Lombardia e alle 14 province isolate

Dal 4 marzo l’Agenzia per l’Italia Digitale (AGID) ha attivato un programma a sostegno delle zone con più contagi da coronavirus (SARS-CoV-2), con diverse agevolazioni per incrementare le possibilità di lavorare, informarsi e leggere libri senza dover uscire di casa. Al programma hanno partecipato molte aziende, tra cui il Gruppo GEDI (editore di Repubblica e La Stampa, tra gli altri), Amazon, Tim, Vodafone e Microsoft.

In particolare, Il Mattino di PadovaRepubblicaLa Stampa permetteranno a chi risiede nelle zone con più contagiati di attivare un abbonamento al giornale gratuitamente, della durata di tre mesi. Connexia e Cisco, due servizi che offrono piattaforme online per il lavoro da remoto, hanno messo a disposizione alcuni loro servizi gratuitamente. Tim ha messo a disposizione giga internet e minuti illimitati per alcuni utenti, mentre Fastweb ha dato la possibilità di aumentare a 50 giga il pacchetto dati della propria SIM ricaricabile. Amazon offre la possibilità di attivare gratuitamente il servizio di streaming Prime Video (fino al 31 marzo), mentre ai docenti della scuola primaria offre corsi di formazione online gratuiti.

Tutte le agevolazioni, che si possono ottenere tramite l’identità digitale SPID, si trovano qui.

Il programma è stato pensato per le cosiddette “zone rosse” che fino a sabato 7 marzo comprendevano la zona del lodigiano e del comune di Vo’ in provincia di Padova. Da domenica, con il nuovo decreto del presidente del Consiglio che ha isolato la Lombardia e altre 14 province, le “zone rosse” non esistono più, ma ancora non è chiaro se il programma “Solidarietà digitale” verrà esteso anche alle zone isolate.

Leggi anche: Si può – e si deve – andare a lavorare?

Le cose da sapere sul coronavirus