(Alberto PIZZOLI / AFP)
  • Italia
  • domenica 8 Marzo 2020

Le nuove misure per contenere il coronavirus valide in tutta Italia, in ordine

Includono la sospensione di manifestazioni ed eventi sportivi, ad eccezione di quelli a porte chiuse

(Alberto PIZZOLI / AFP)

Per limitare la diffusione del coronavirus (SARS-CoV-2), il governo ha approvato nella notte tra sabato e domenica nuove misure restrittive per isolare il più possibile i territori della Lombardia e di altre 14 province. Nel decreto, inoltre, vengono introdotte nuove misure valide in tutto il territorio nazionale per «il contrasto e il contenimento del diffondersi del virus». Sono misure che rimarranno in vigore almeno fino al 3 aprile, con un’eccezione: al di fuori della Lombardia e delle 14 province indicate, le scuole resteranno chiuse solo fino al 15 marzo.

In particolare il governo ha raccomandato a tutti, anche alle persone che vivono fuori dalle aree più interessate dal coronavirus, di limitare gli spostamenti ai «casi strettamente necessari», rivolgendosi in particolare alle persone anziane o affette da patologie croniche, che possono uscire di casa solo se in caso di «stretta necessità». Vale per tutti la regola di evitare i luoghi affollati e mantenere una distanza di almeno un metro dalle altre persone.

Le nuove norme per tutto il territorio italiano prevedono inoltre:

  • Sospensione di congressi, meeting, eventi sociali in cui è coinvolto personale sanitario o comunque incaricato dello svolgimento di servizi pubblici essenziali e di pubblica utilità;
  • Sospensione di manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi natura, anche a cinema e teatro;
  • Sospensione delle attività di pub, scuole da ballo, sale giochi, sale scommesse, discoteche;
  • Chiusura dei musei;
  • Divieto di uscire di casa per le persone in quarantena e risultate positive al coronavirus;
  • Possibilità di apertura di bar, ristoranti ed esercizi commerciali in genere adottando misure per far rispettare una distanza di un metro fra i clienti;
  • Sospensione degli eventi sportivi, tranne quelli a porte chiuse;
  • Sospensione delle lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado e nelle università fino al 15 marzo, con attivazione di modalità di didattica a distanza;
  • Divieto agli accompagnatori di fermarsi nelle sale di attesa degli ospedali;
  • L’accesso di parenti e visitatori alle strutture residenziali per anziani è limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura;
  • Possibilità di applicare le modalità di lavoro agile – quindi in remoto – a tutti i lavoratori anche in assenza di accordi individuali;
  • Possibilità di applicare misure alternative di detenzione domiciliare o isolamento ai detenuti in caso di sintomi da COVID-19, adottando per tutti colloqui in modalità video o telefonica;
  • Interventi straordinari di sanificazione dei mezzi pubblici.

Le nuove misure relative alla Lombardia e alle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Asti, Alessandria, Verbano Cusio Ossola, Novara e Vercelli sono più stringenti: si possono leggere qui.

 

Le cose da sapere sul coronavirus