biglietti aerei sicilia tariffe sociali
(ANSA/DOMENICO TROVATO)
  • Italia
  • venerdì 3 gennaio 2020

Come funzionano le “tariffe sociali” dei biglietti aerei per la Sicilia

Le prevede per i residenti emigrati la legge di bilancio, per mettere una toppa al rincaro dei voli

biglietti aerei sicilia tariffe sociali
(ANSA/DOMENICO TROVATO)

La legge di bilancio votata due settimane fa prevede, tra le altre cose, lo stanziamento di 25 milioni di euro per le cosiddette «tariffe sociali», cioè sostanzialmente uno sconto sui biglietti aerei da e per gli aeroporti di Catania e Palermo. L’entità dello sconto e la modalità in cui verrà effettuato saranno stabilite da un decreto del ministero dei Trasporti, da emanare entro sessanta giorni dall’approvazione della legge di bilancio. Ma in cosa consistono le “tariffe sociali”, e a chi sono rivolte?

Le tariffe sociali le ha volute il viceministro dei Trasporti Giancarlo Cancelleri, del Movimento 5 Stelle, per affrontare il crescente aumento del costo dei biglietti aerei da e verso la Sicilia, soprattutto nel periodo estivo e sotto Natale. Nella Gazzetta Ufficiale si legge che per ogni biglietto acquistato sarà riconosciuto un contributo, «al fine di garantire un completo ed efficace sistema di collegamenti aerei da e per la Sicilia che consenta di ridurre i disagi derivanti dalla condizione di insularità, e assicurare la continuità del diritto alla mobilità».

I beneficiari delle tariffe sociali saranno quattro categorie di viaggiatori residenti in Sicilia:

– gli studenti universitari fuori sede;
– i disabili «gravi»;
– i lavoratori la cui sede di lavoro è fuori dalla Sicilia, con un reddito inferiore ai 20mila euro annui;
– chi deve spostarsi per ragioni sanitarie, sempre con un reddito inferiore ai 20mila euro annui.

Il viceministro Cancelleri ha spiegato a Open che i contributi potranno essere erogati già dalla prossima estate e che lo sconto sarà inizialmente del 30 per cento sul costo del biglietto: «Non sappiamo esattamente il numero dei migranti per ragioni sanitarie né quello degli studenti che, grazie a questo incentivo, sicuramente andranno più spesso a casa. Quindi partiamo col 30 per cento, poi vedremo». Cancelleri ha anche spiegato che lo sconto dovrebbe essere erogato tramite un portale sul quale i potenziali beneficiari dovranno inserire la documentazione richiesta, ottenendo poi un codice da utilizzare al momento dell’acquisto del biglietto.

Il rincaro dei biglietti per la Sicilia va avanti da tempo e in molti avevano chiesto al governo di risolvere la situazione: lo scorso novembre il presidente della Sicilia Nello Musumeci aveva mandato una lettera alla ministra dei Trasporti Paola De Micheli, e poi erano arrivati anche l’esposto del CODACONS alla procura di Catania e gli emendamenti alla legge di bilancio da parte di Forza Italia. Il problema è che i due principali aeroporti della Sicilia sono serviti solamente da Ryanair e Alitalia, e ad agosto e a fine dicembre la richiesta è talmente alta che il prezzo dei biglietti supera con facilità i 300-400 euro a tratta.

La situazione potrebbe essere risolta definitivamente dall’introduzione della cosiddetta “continuità territoriale”, come avviene in Sardegna, introducendo cioè tariffe aeree fisse per i residenti regolamentate da bandi pubblici. Le risorse da stanziare per mettere a punto la continuità territoriale in Sicilia, però, dovrebbero essere molto più alte rispetto ai 25 milioni stanziati per le tariffe sociali.

— Leggi anche: Lo stato spende più al Nord o al Sud?
— Leggi anche: Come fare l’ISEE 2020

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.