Un gruppo di persone ricarica telefoni cellulari fuori dalla stazione di Budapest, in Ungheria. (Zoltan Balogh/MTI via AP)
  • Mondo
  • mercoledì 2 Settembre 2015

La situazione dei migranti, paese per paese

A Budapest ha riaperto la stazione dei treni, ad Atene sono sbarcate migliaia di persone e per ore in Francia è rimasto chiuso l'Eurotunnel

Un gruppo di persone ricarica telefoni cellulari fuori dalla stazione di Budapest, in Ungheria. (Zoltan Balogh/MTI via AP)

Il prossimo 14 settembre i ministri dell’Interno dell’Unione europea si incontreranno a Bruxelles, in Belgio, per fare il punto sulla crisi legata al forte afflusso di migranti provenienti per lo più dalla Siria e da altri paesi mediorientali. Solo a luglio sono arrivate in Europa 107mila persone, che nella maggior parte dei casi sono sbarcate in Grecia e in Italia con l’obiettivo di spostarsi rapidamente per raggiungere i paesi del nord, dove confidano di trovare maggiori opportunità per rifarsi una vita. Secondo le leggi europee formalmente i migranti dovrebbero registrarsi e fare richiesta d’asilo nel primo paese in cui arrivano, ma le autorità di molti paesi per i quali transitano spiegano di non avere risorse a sufficienza per accogliere e monitorare tutte le richieste, e di conseguenza la maggior parte dei migranti riesce a superare i vari confini e a fare richiesta solo nel paese in cui vuole rimanere. La riunione di metà settembre a Bruxelles servirà, almeno sulla carta, ad aumentare la cooperazione tra gli stati dell’UE sul tema, ma intanto da giorni la situazione è critica in molte zone dell’Europa.

mappa-migranti

Ungheria
All’esterno della stazione principale di Budapest centinaia di migranti stanno protestando contro la polizia, che ha bloccato per due giorni gli accessi ai binari per impedirgli di salire sui treni che portano verso la Germania e l’Austria. Il blocco, hanno spiegato le autorità locali, si è reso necessario in seguito al grande afflusso di lunedì, quando migliaia di persone sono salite sui treni che portano all’estero, causando seri problemi di gestione dei passeggeri. Martedì la stazione è stata praticamente sgomberata dalla polizia e ci sono stati momenti di tensione con i migranti. Il governo ungherese ha detto che potranno salire sui treni solamente le persone con documenti in regola e i necessari visti, cosa che però contraddice la procedura seguita lunedì che di fatto aveva permesso a chiunque di salire a bordo. Giovedì mattina la stazione è stata riaperta, ma non è ancora chiaro se i migranti potranno salire sui treni per viaggiare verso l’Europa occidentale.

Migranti Europa

Austria
Complice la giornata di lunedì in cui migliaia di migranti sono potuti partire dall’Ungheria con i treni, in Austria è stato registrato un afflusso con pochi precedenti per un solo giorno. A Vienna si stima che nelle ultime 24 ore siano arrivati almeno 3.650 migranti in treno, ma molti hanno solo fatto tappa in città per proseguire verso la Germania. Lo scorso lunedì circa 20mila persone hanno manifestato a Vienna davanti alla sede del Parlamento austriaco chiedendo che siano rispettati i diritti dei migranti. Mercoledì la polizia austriaca ha avviato alcuni controlli a campione lungo le strade di confine con l’Ungheria, alla ricerca di eventuali veicoli che trasportano di nascosto migranti.

Germania
La polizia tedesca ha stimato che solo martedì in Baviera siano arrivati 3.500 migranti che hanno fatto richiesta di asilo. Il governo della Germania si è impegnato ad accogliere i migranti siriani e a concedere loro asilo, chiedendo però che uno sforzo simile sia assunto anche dagli altri stati membri dell’Unione Europea, trattandosi di una crisi che interessa tutti i paesi dell’Europa. La Germania prevede di accogliere circa 800mila migranti solo quest’anno, quattro volte tanto rispetto allo scorso anno. Le autorità tedesche hanno iniziato ad accettare le richieste di asilo dai provenienti della Siria, a prescindere dal loro punto di ingresso in Europa, e questo sta causando qualche problema agli stati confinanti che in alcuni casi lasciano passare i migranti senza documenti, mentre in altri vorrebbero procedere a una loro registrazione.

Migranti Europa

Repubblica Ceca
Martedì la polizia della Repubblica Ceca ha fermato circa 200 migranti, in maggioranza provenienti dalla Siria, su alcuni treni presso la stazione di Breclav. La notizia ha fatto piuttosto discutere perché – per praticità durante i controlli – alcuni migranti sono stati contrassegnati con un pennarello (procedura che comunque è abbastanza frequente in altri paesi). Le persone fermate non avevano documenti in regola e sono stati necessarie ulteriori verifiche. Molti avevano compiuto un percorso piuttosto tortuoso ed erano provenienti dall’Ungheria e dall’Austria.

Francia
Nella notte il servizio ferroviario del tunnel sotto la Manica, che mette in comunicazione Francia con Regno Unito, è stato sospeso per alcune ore dopo l’avvistamento di migranti sui binari in prossimità dell’ingresso della galleria. Stando alle testimonianze, alcuni migranti avrebbero provato a salire sul tetto dei vagoni dei convogli diretti verso il Regno Unito, con evidenti problemi per quanto riguarda la sicurezza. In alcuni casi i treni sono tornati indietro verso le rispettive città di partenza, quindi Londra o Parigi. Due treni sono stati cancellati e solo nelle prime ore della mattina di mercoledì le cose sembrano essere tornate alla normalità. A Calais, la città nei pressi del tunnel, la situazione dei migranti che cercano di raggiungere il Regno Unito era già critica da tempo e lo è diventata ancora di più negli ultimi mesi in seguito all’intensificarsi dei flussi migratori. Il ministro dell’Interno francese, Bernard Cazeneuve, ha detto che l’obiettivo è di ridurre le “intrusioni nel tunnel a zero” e che le persone che provano a farlo devono essere arrestate.

Grecia
Nelle prime ore di oggi migliaia di migranti sono arrivati sulla Grecia continentale, dopo essere sbarcati nei giorni scorsi a Lesbo e su altre isole che si trovano a pochi chilometri di distanza dalla costa della Turchia. Una nave con circa 4.200 persone è arrivata ad Atene nella notte e si stima che nella sola ultima settimana i migranti arrivati in Grecia siano stati oltre 23mila, provenienti per lo più dalla Siria dove c’è la guerra e da altre aree del Medio Oriente. Il governo greco ha detto di non avere le risorse per gestire da solo un numero simile di arrivi e ha nuovamente chiesto agli altri paesi europei di farsi carico del problema. La Grecia, come l’Italia, è di solito il primo punto di arrivo dei migranti, che proseguono poi verso nord quasi sempre diretti verso la Germania, dove fanno richiesta di asilo e in molti casi cercano di ricongiungersi con familiari o amici che già vivono lì.

Migranti Europa