Il primo giorno del nuovo Parlamento

La cronaca della prima seduta della legislatura, che si è conclusa senza l'elezione dei presidenti di Camera e Senato

Come era stato ampiamente anticipato, la prima giornata del nuovo Parlamento si è conclusa senza che Camera e Senato siano riusciti a eleggere i loro rispettivi presidenti. La maggior parte dei deputati e senatori, a partire da quelli del PD e del PdL, hanno votato scheda bianca. Solamente il M5S ha votato, come aveva preannunciato, i propri candidati al Senato (Luis Alberto Orellana) e alla Camera (Roberto Fico). Le votazioni in calendario per domani nelle due aule saranno quindi determinanti per l’elezione dei due presidenti.

Alla Camera il segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, si è riunito con Dario Franceschini ed Enrico Letta per fare il punto sulla situazione. Il PD aveva scelto di votare scheda bianca per dare un segno di disponibilità, soprattutto verso il M5S, e dimostrare di non essere necessariamente interessato a fare eleggere i propri candidati alla presidenza delle due camere. Fin qui la decisione non ha portato frutti. Per quanto riguarda il voto di domani, alla Camera dei Deputati il nome più ricorrente che circola è quello di Franceschini, mentre al Senato non è ancora chiaro quali accordi saranno raggiunti e con quali forze politiche. L’ipotesi che circola di più è che si possa trovare un accordo su Anna Finocchiaro, senatrice PD, anche se nelle ultime ore è circolato anche il nome di Mario Monti.

19:40 – La seduta della Camera è aggiornata a domani mattina.

19:38 – Leone ha appena letto l’esito del terzo spoglio (l’ultimo per oggi, maggioranza necessaria 407):

– Roberto Fico (M5S) -> 113
– Marianna Madia (PD) 10
– Enzo Lattuca (PD) ->  7
– Bianche -> 428
– Nulle -> 9

19:28 – È terminato lo spoglio della terza votazione alla Camera in un tripudio di schede bianche, chiaro segno che la giornata si concluderà senza l’elezione di un nuovo presidente.

19:07 – Leone ha messo il turbo ed è probabilmente il giorno della sua vita in cui dirà per più volte “bianca”.

19:02 – È iniziato lo spoglio della terza votazione alla Camera e il bianco domina.

18:56 – Si è conclusa anche la seconda chiama e tra poco inizierà lo spoglio delle schede.

18:51 – Ed è il momento della seconda chiama, che serve per quelli che non si sono presentati alla? Bravi, alla prima.

18:37 – Sta per terminare la prima chiama alla Camera.

18:25 – Massimo Bitonci, capogruppo al Senato della Lega Nord, dice che il suo partito “caldeggia” l’elezione di Anna Finocchiaro (PD) alla presidenza del Senato. Per la Camera, invece, un esponente del PdL.

18:05 – La seduta in Senato è finita. Riprenderà sabato 16 marzo alle 11 del mattino con la terza votazione per l’elezione del presidente. Alla Camera, intanto, è in corso la prima chiama della terza votazione.

18:01 – Il risultato del secondo spoglio al Senato (maggioranza 160):

– Luis Alberto Orellana (M5s) -> 52
– Cosimo Sibilia (PdL) -> 12
– Ignazio Marino (PD) -> 8
– Giuseppe Esposito (PdL) -> 5
– Felice Casson (PD) -> 3
– Pier Ferdinando Casini (UdC) -> 1
– Antonio Gentile (PdL) -> 1
– Scilipoti (PdL) -> 2
– Bianche -> 223
– Nulle -> 3

17:49 – Alla Camera dovrebbe esserci la maggior parte di schede bianche anche alla terza votazione, l’ultima di oggi. Per il Partito Democratico votare scheda bianca era un modo per segnalare la propria disponibilità a valutare candidati diversi dai propri, ma la strategia non sembra avere pagato molto.

17:39 – Al Senato è finito lo spoglio, ora si contano i voti, ma considerato il numero di schede bianche è già chiaro che sarà un nulla di fatto.

17:36 – Leone alla Camera dichiara aperta la terza votazione (e ultima di oggi) per l’elezione del presidente, intanto al Senato continua lo spoglio.

17:16 – Bianca! È iniziato lo spoglio delle schede al Senato.

1 2 3 4 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.