• Italia
  • giovedì 16 giugno 2011

La RAI blocca lo spot di Internazionale

La direzione generale si è rifiutata di trasmettere il titolo dello speciale dell'Economist dedicato a Silvio Berlusconi

La direzione generale della RAI ha bloccato uno spot del settimanale Internazionale che segnalava la traduzione dello speciale su Silvio Berlusconi pubblicato la scorsa settimana dall’Economist (Internazionale pubblica abitualmente traduzioni di articoli della stampa straniera): quello intitolato “L’uomo che ha fottuto un intero paese”. La copertina del numero di Internazionale di questa settimana, in edicola domani, è dedicata infatti alla discussa inchiesta dell’Economist del 10 giugno scorso che criticava duramente Berlusconi per l’operato del suo governo.

Internazionale, che dal 1993 pubblica una selezione di articoli stranieri tradotti in italiano, ha messo in copertina proprio il titolo dell’inchiesta del giornale britannico, “L’uomo che ha fottuto un intero paese”, e per pubblicizzare il nuovo numero aveva preparato uno spot radiofonico in cui una voce citava il titolo stesso: ma la RAI si è rifiutata di mandarlo in onda dicendo che un regolamento interno vieta di trasmettere giudizi negativi su personaggi pubblici. La rivista ha quindi proposto una seconda versione dello spot, in cui i “giudizi negativi” erano censurati con un beep, il suono usato comunemente per coprire le parole oscene o volgari. La direzione generale della RAI ha rifiutato anche la seconda versione. Internazionale ha pubblicato sulla sua pagina di Facebook questa seconda versione, che potete ascoltare anche qui.

[audio:http://www.ilpost.it/wp-content/uploads/2011/06/Internazionale-Beep-2011-c.mp3|titles=spot Internazionale]

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.