The Umbrella Academy

Netflix: le novità di febbraio nel catalogo italiano

La seconda stagione di "Suburra", le serie "Russian Doll" e "The Umbrella Academy" e poi, tra le altre cose, "Shining" e "Full Metal Jacket"

The Umbrella Academy

Netflix è una società statunitense che offre DVD a noleggio spediti a casa per posta. O meglio: questo è quello che avremmo scritto nel 2007, se solo fosse esistito il Post. Oggi invece Netflix è il più popolare servizio al mondo che ha 139 milioni di abbonati che guardano contenuti in streaming. Ogni giorno Netflix cambia quei contenuti, aggiungendo e togliendo di volta in volta film, programmi e serie tv. Ogni mese comunica quindi alcune delle nuove cose che arriveranno nei giorni seguenti: salvo sorprese, le più importanti. Come capita sempre, il primo del mese arrivano un bel gruzzolo di film e serie, dalla nuova stagione: molti dei quali se lì è prodotta da sola.

Tra i più interessanti arrivi di febbraio – che per fortuna potete vedere senza scomodare un postino – ci sono la serie Russian Doll (con una di quelle storie alla Ricomincio da capo), la serie The Umbrella Academy e la seconda stagione di Suburra. Se invece avete voglia di un classico del cinema, sono arrivati su Netflix Shining e Full Metal Jacket.

1 febbraio/1

Nightflyers (serie)
È una serie di fantascienza tratta da un racconto del 1980 di George R. R. Martin, famoso soprattutto per Game of Thrones. La Nightflyers è una navicella e la serie parla di «una spedizione ai limiti estremi del sistema solare sperando di incontrare forme di vita aliena».

Velvet Buzzsaw
È un film thriller diretto da Dan Gilroy, il regista di Lo sciacallo – Nightcrawler, e, come in quel film, c’è Jake Gyllenhaal. Il film è ambientato nel mondo dell’arte contemporanea e parla di «un critico temuto, una gallerista gelida e un’ambiziosa assistente che si impadroniscono dei dipinti di un artista morto da poco», e delle brutte conseguenze delle loro azioni. “Velvet” vuol dire “velluto e “Buzzsaw” vuol dire “sega circolare”.

La migliore offerta
Anche questo parla di arte. Un battitore d’arte eccentrico e solitario, interpretato da Geoffrey Rush, un giorno viene invitato da una donna misteriosa nella sua villa, per effettuare una valutazione. Da quel momento tra i due nascerà un rapporto molto ambiguo. La colonna sonora del film è di Ennio Morricone e il regista è Giuseppe Tornatore.

1 febbraio/2

Richie Rich – Il più ricco del mondo
Film del 1994 con Macaulay Culkin, che interpreta il giovane figlio di una coppia di miliardari americani, che (anziché dimenticarselo a casa quando partono per le vacanze di Natale) finiscono in un complotto organizzato da alcuni loro dipendenti che vogliono impadronirsi delle loro ricchezze.

Russian Doll
Parla di Nadia, una donna interpretata da Natasha Lyonne, che rimane incastrata in uno di quegli strani loop temporali in cui è costretta a rivivere sempre la stessa giornata, nel suo caso una giornata in cui è l’ospite d’onore di una festa a New York.

Liberaci dal male
Un horror del 2014 con Eric Bana: parla di un prete esorcista e di un detective che devono occuparsi di strani fenomeni paranormali.

Matrix Reloaded e Matrix Revolution
Il primo già c’era, su Netflix. Il secondo e il terzo film della saga di Matrix – meno belli, ma comunque godibili – arrivano ora. Uscirono entrambi nel 2003, quattro anni dopo il primo. Parlano delle numerose e sconvolgenti conseguenze di quello che succede quando Morpheus ti offre due pillole e tu scegli quella che ti fa vedere quant’è profonda la tana del Bianconiglio.

1 febbraio/3

Frankenstein di Mary Shelly
Uscì nel 1994, diretto da Kenneth Branagh, che decise di interpretare Victor Frankenstein. La creatura senza nome da lui creata è invece interpretata da Robert De Niro. Come si evince dal titolo, il film è molto fedele al libro.

Full Metal Jacket
Uno dei film di guerra più famosi di sempre, diretto da Stanley Kubrick. Uscì nel 1987 e contiene diverse scene meritatamente molto note. «Chi ha parlato?! Chi cazzo ha parlato?!»

Shining
Uno dei più famosi thriller-horror di sempre, diretto – anche questo – da Stanley Kubrick. È basato su un romanzo di Stephen King ma contiene alcune differenze. E anche qui ci sono diverse scene meritatamente molto note. «Wendy? Sono a casa, amore! Su, vieni fuori. Dove ti nascondi?».

2 febbraio

Smetto quando voglio – Masterclass
È il seguito di Smetto quando voglio, che uscì nel 2014. Il primo film parlava di un gruppo di ricercatori universitari precari e sottopagati, tra i quali anche dei latinisti di fama mondiale, che nonostante una grande carriera accademica, facevano i benzinai e disoccupati, e a un certo punto si mettevano a sintetizzare sostanze stupefacenti per guadagnarsi da vivere e finivano per farci un sacco di soldi. In questo film la banda dei ricercatori – sciolta alla fine del primo – deve rimettersi insieme per un’operazione antidroga commissionata dalla polizia.

BorderTown (seconda stagione)
Una serie tv finlandese, di genere crime, che molti hanno paragonato a Sherlock.

3 febbraio

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar
È il quinto, e per ora ultimo, film della serie con Jack Sparrow. L’hanno diretto Joachim Rønning e Espen Sandberg, che nel 2012 diressero Kon-Tiki (un film dal budget decisamente minore). Il Salazar del titolo è Javier Bardem, una specie di zombie che va a caccia di pirati, soprattutto di Sparrow.

4 febbraio

American Sniper
Uscì nel 2015, lo diresse Clint Eastwood e ci recita Bradley Cooper, che interpreta il cecchino statunitense Chris Kyle. La storia vera la trovate qui.

5 febbraio

Suits (settima stagione)
È una serie che parla di avvocati ed è ambientata a New York. Se non l’avete mai vista probabilmente ne avete sentito parlare per via di Meghan Markle, la moglie del principe Harry del Regno Unito, che ha interpretato uno dei personaggi principali fino alla settima stagione.

6 febbraio

Life – Non oltrepassare il limite
Uscì nel 2017, diretto da Daniel Espinosa e vedendolo vi capiterà di pensare più di una volta ad Alien. È ambientato in un futuro prossimo e parla di sei astronauti della Stazione Spaziale Internazionale che scoprono una piccolissima forma di vita aliena su Marte e provano a mettercisi in contatto. Il problema è che questa forma di vita è molto intelligente e decisamente meno innocua di quanto sembrerebbe all’inizio. Nel cast del film ci sono Jake Gyllenhaal, Ryan Reynolds, Rebecca Ferguson, Olga Dihovichnaya e Ariyon Bakare. È più un film horror che un film di fantascienza.

14 febbraio

Dirty John (serie)
È una serie crime in otto episodi ispirata a un omonimo podcast del Los Angeles Times con protagonisti Eric Bana e Connie Britton. Netflix la presenta così: «Ossessione e inquietudine in un thriller ispirato ad una storia vera: una relazione sentimentale nata online sconvolge la vita di due innamorati e dei loro cari, finendo per occupare le prime pagine dei principali quotidiani».

15 febbraio

The Umbrella Academy (serie)
È tratta da un fumetto scritto da Gerard Way, ex leader dei My Chemical Romance (quelli di “Teenagers”), ed è ambientata in una versione alternativa del 1977 in cui John F. Kennedy non è stato ucciso e in un giorno nascono (da donne che fino al giorno prima non erano incinte) 43 bambini con superpoteri. Poi questi bambini crescono e a un certo punto ad alcuni di loro tocca provare a salvare il mondo. Ci recitano Ellen Page, Tom Hopper e Mary J. Blige.

Magnolia
Uscì vent’anni fa, scritto e diretto da Paul Thomas Anderson, ed è un film drammatico che parla «di un epico mosaico di personaggi interconnessi che cercano amore, perdono e senso». Tra i tanti che ci recitano ci sono anche Tom Cruise e Julianne Moore.

15 febbraio/2

Vi presento Joe Black
Uscì nel 1998 e Brad Pitt interpreta Joe Black, che a un certo punto arriva a una cena e dice di essere la morte. Il personaggio con cui si mette a parlare è William Parish, un magnate interpretato da Anthony Hopkins.

The World’s Most Extraordinary Homes (terza stagione)
Le case più straordinarie del mondo, in una serie della BBC. Straordinarie nel senso di fuori dall’ordinario, perché buffe, belle, eleganti, grandissime o stranissime.

Billy Elliot
Film britannico di grande successo sulla storia di un ragazzino figlio di un minatore che vorrebbe diventare un ballerino, ma ha problemi a far accettare la cosa al padre e al fratello. Uscì nel 2000, diretto da Stephen Daldry.

22 febbraio

Io che amo solo te
Film del 2015 di Marco Ponti, il regista di Santa Maradona, con Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti. Fa parte di quel filone di commedie sentimentali italiane con il titolo di grandi canzoni italiane, in questo caso di Sergio Endrigo. Parla di due ragazzi pugliesi che vogliono sposarsi.

Suburra (seconda stagione)
La seconda stagione della serie, che ai tempi fu la prima serie italiana di Netflix, che la presenta così: «All’ombra di Roma c’è un altro impero. Tra grandi ritorni e nuove rivelazioni. Con nuove alleanze e spietate strategie, i protagonisti sono pronti a tutto per conquistare il controllo di Roma».

Chef’s table (sesta stagione)
Per appassionati di cucina, o anche solo di programmi di cucina. Tra i protagonisti c’è anche lo chef italiano Dario Cecchini.

23 febbraio

Beata ignoranza
Commedia italiana del 2017 diretta da Massimiliano Bruno e interpretata da Marco Giallini e Alessandro Gassmann: parla di due professori di liceo che si incontrano di nuovo dopo anni e fanno ripartire una vecchia rivalità. Nel film la rivalità ha a che fare soprattutto con i social e le nuove tecnologie: uno dei due (Gassmann) è pro; l’altro (Giallini) è contro.

28 febbraio

Non è romantico
Una commedia (romantica?) con Rebel Wilson e Liam Hemsworth. Lei non crede più nell’amore e a un certo punto si sveglia e si trova in mezzo a una commedia romantica dove tutto è perfetto e dove lui è Liam Hemsworth.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.