(ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Il dibattito tra i candidati a sindaco di Roma, su Sky

Lo trasmette Sky Tg24 stasera alle 21, si potrà vedere anche in streaming

(ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Martedì 31 maggio alle 21 su Sky Tg24 andrà in onda un dibattito televisivo tra i cinque principali candidati alle elezioni per il sindaco di Roma, che sarà condotto dal giornalista Gianluca Semprini. Durante la trasmissione si confronteranno Stefano Fassina, di Sinistra Italiana; Roberto Giachetti, sostenuto da Partito Democratico, Radicali, Verdi, Socialisti, Italia Dei Valori, Democratici e Popolari e dalla lista civica Roma Torna Roma; Alfio Marchini, candidato da Forza Italia, Nuovo Centro Destra, Unione di Centro e Lista Storace; Giorgia Meloni, appoggiata da Fratelli d’Italia, Lega Nord, Partito Liberale Italiano e da due liste civiche; e infine Virginia Raggi del Movimento 5 stelle.

Il format del confronto è lo stesso adottato per il dibattito tra i candidati a sindaco di Milano trasmesso lunedì 30 maggio: prevede domande e risposte che non durino più di un minuto e mezzo, due possibilità di replica da 30 secondi per ciascun candidato, domande incrociate tra i candidati e da parte dei loro sostenitori, e un appello finale. Il dibattito si potrà vedere anche in streaming, sul sito di Sky Tg24.

Finora la campagna elettorale per il voto del 5 giugno a Roma è stata abbastanza movimentata, tra primarie contestate, candidature durate poche settimane, liste escluse e poi riammesse, polemiche sul contratto che i candidati del Movimento 5 Stelle sono stati obbligati a firmare (e che prevede l’impegno a dimettersi per chi “danneggia l’immagine del movimento”). Gli ultimi sondaggi pubblicati prima che fosse vietata la loro diffusione davano in Raggi vantaggio ma non abbastanza da vincere al primo turno, seguita in ordine da Giachetti, Meloni e Marchini.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.