Il portiere del Benfica Paulo Lopes alza la coppa dopo al vittoria del campionato del Benfica (AP Photo/Steven Governo)
  • Sport
  • martedì 17 maggio 2016

Chi ha vinto e chi no, dalle altre parti

I campionati di calcio europei sono finiti, anche se restano da giocare ancora le coppe nazionali

Il portiere del Benfica Paulo Lopes alza la coppa dopo al vittoria del campionato del Benfica (AP Photo/Steven Governo)

Domenica 15 maggio sono finiti quasi tutti i campionati di calcio d’Europa iniziati fra agosto e settembre 2015. In Italia si sa già com’è andata a finire e anche nel resto del continente, con qualche piccola eccezione, i vincitori erano già noti da qualche giornata: rimaneva soltanto da aspettare la classifica finale, per vedere tutte le squadre retrocesse, quelle qualificate in Europa League e quelle in Champions League. Anche se i campionati sono finiti, la stagione non lo è ancora: ci sono da giocare le finali delle coppe nazionali, che in Italia, Francia e Inghilterra daranno a Milan, Marsiglia e Crystal Palace la possibilità di qualificarsi ai gironi di Europa League. Dopo di che, in ogni caso, il calcio non si fermerà mai del tutto: tra poche settimane cominceranno gli Europei, già a luglio ci saranno i preliminari di Champions e Europa League, e ad agosto si ricomincerà di nuovo.

 

Inghilterra

Premier League

La Premier League si sarebbe dovuta concludere definitivamente domenica 15 maggio, come tutti gli altri campionati, ma a causa del rinvio di Manchester United-Bournemouth per un falso allarme bomba finirà ufficialmente martedì 17. La Premier è da parecchi anni il campionato più seguito al mondo, ma quest’anno lo è stato ancora di più per via dell’incredibile stagione del Leicester City, che solo un anno dopo aver evitato la retrocessione in seconda divisione all’ultima giornata è riuscito a vincere un campionato che da vent’anni viene vinto dalla stesse quattro e ricchissime squadre. La preparazione e i sistemi di gioco introdotti dall’allenatore italiano Claudio Ranieri, pensati per una squadra che avrebbe dovuto salvarsi dalla retrocessione, sono funzionati talmente bene da creare la squadra più forte del campionato. Ora molti dei giocatori del Leicester, come Jamie Vardy, N’Golo Kanté e Riyad Mahrez, sono richiesti dalle squadre più forti d’Europa. La stagione di Premier League è stata notevole anche perché in seconda e terza posizione sono arrivati Tottenham e Arsenal, due squadre che da molti anni non vincono un campionato, mentre Manchester United e Chelsea, tradizionalmente più forti, non sono andate affatto bene. E ancora, una squadra considerata mediamente importante come il Newcastle, allenata negli ultimi mesi da Rafa Benitez, è stata retrocessa.

riepilogo-eng

Il Manchester United, nonostante le centinaia di milioni di euro spesi negli ultimi tre anni per riportare la squadra ai livelli dell’era Ferguson, ha deluso ancora: oltre all’ultima partita, con cui può superare il Southampton e concludere il campionato in quinta posizione, il Manchester potrà vincere la FA Cup il 21 maggio nella finale contro il Crystal Palace. Se succedesse, il Manchester United si qualificherebbe direttamente ai gironi di Europa League, mentre il West Ham, che è arrivato settimo in campionato, andrebbe ai gironi. In caso contrario il Crystal Palace andrebbe ai gironi di Europa League, e il Manchester United alle qualificazioni.

Dopo vent’anni di partecipazioni alle coppe europee, il Chelsea campione in carica della Premier ha concluso il campionato in decima posizione, lontano anche dalla qualificazione all’Europa League. È stato un anno molto difficile per la prima e unica squadra di Londra ad aver vinto una Champions League: a dicembre era ad un punto dalla zona retrocessione, posizione che è costata il posto a José Mourinho. Poi è arrivato Guus Hiddink, assumendo il ruolo di traghettatore fino al termine della stagione, e la squadra ha migliorato di poco i propri risultati. L’anno prossimo, senza coppe europee, il Chelsea sarà allenato da Antonio Conte, attuale commissario tecnico della nazionale italiana.

L’Inghilterra potrebbe avere cinque squadre nella Champions League del prossimo anno, se il Liverpool di Jurgen Klopp, ottavo nella Premier, dovesse riuscire a battere il Siviglia nella finale di Europa League di Basilea del 18 maggio, e conquistarsi la qualificazione diretta messa in palio.

Il riassunto della stagione di Premier League

Germania

Bundesliga

Se non fosse stato per il grande campionato disputato dal Borussia Dortmund, quest’anno la Bundesliga sarebbe stata vinta con molte giornate di anticipo dal Bayern Monaco, campione in carica e vincitore degli ultimi quattro campionati. Il Borussia ha terminato la stagione a dieci punti di distanza anche se nel corso girone di ritorno il divario dal Bayern Monaco era stato più piccolo: gran parte del merito va all’allenatore Thomas Tuchel, che ha assunto l’incarico in estate ed ha saputo riportare la squadra ai livelli di qualche anno fa senza stravolgere niente e conservando alcuni aspetti del gioco del vincente ex allenatore Jurgen Klopp. Il Bayern invece si è confermato una squadra quasi-imbattibile e estremamente organizzata. Tuttavia l’anno prossimo il Bayern cambierà allenatore: Guardiola andrà ad allenare il Manchester City e arriverà Carlo Ancelotti, che è rimasto fermo un anno dopo l’esperienza al Real Madrid. Il club ha già iniziato a rinforzarsi (ammesso che ce ne sia veramente bisogno) per la prossima stagione, con gli acquisti del centrocampista portoghese Renato Sanches e del difensore del Borussia Dortmund Mats Hummels.

ripeilogo-ger

L’Hertha Berlino ha giocato gran parte del campionato a buoni livelli, ma non ha vinto nemmeno una partita nelle ultime otto giornate, ed è scesa dal quarto posto fino al settimo: parteciperà all’Europa League dai turni preliminari. Il Wolfsburg invece, eliminato ai quarti di finale di Champions League dal Real Madrid, è rimasto fuori dalle coppe.

Nelle posizioni più basse, il Werder Brema è riuscito a salvarsi dalla retrocessione nelle ultime giornate, a differenza dello Stoccarda, che dopo 40 anni di Bundesliga l’anno prossimo giocherà in seconda divisione. L’Eintracht Francoforte, terzultimo, giocherà gli spareggi contro il Norimberga, terza classificata in seconda divisione.

I migliori gol della Bundesliga

Spagna

Liga

Il Barcellona ha vinto la Liga dopo aver sconfitto 3 a 0 il Granada nell’ultima partita della stagione. Grazie alla vittoria ha raggiunto 88 punti in classifica, uno in più del Real Madrid, secondo con 87 punti. Per il Barcellona, che è allenato dallo spagnolo Luis Enrique, è la seconda vittoria consecutiva della Liga, e la 24esima della sua storia: nella passata stagione ha vinto anche la Champions League. Il Barcellona ha iniziato il campionato molto bene e a febbraio era arrivato ad avere 12 punti di vantaggio sul Real Madrid, che a inizio 2016 aveva esonerato lo spagnolo Rafa Benitez sostituendolo con Zinedine Zidane, ex fortissimo giocatore di Juventus e Real Madrid. In precedenza Zidane era stato l’allenatore del Castilla, la squadra riserve del Real Madrid.

Negli ultimi mesi il Barcellona è stato eliminato dalla Champions League e ha perso parecchi punti di vantaggio in campionato, perdendo per  2 a 1 lo scontro diretto con il Real Madrid, a inizio aprile. Il Real Madrid ha ricominciato ad andare molto bene in campionato ed è anche in finale di Champions League. Fino a due giornate dal termine, tra le squadre che potevano ancora vincere la Liga c’era anche l’Atletico Madrid di Diego Simeone, finalista di Champions League, che però ha perso alla penultima giornata facendosi superare dal Real Madrid.

ripeilogo-spa

Nonostante i successi di Atletico e Real, dall’anno prossimo la città di Madrid avrà due squadre in meno nella Liga: Rayo Vallecano, squadra con sede nel quartiere Vallecas, e Getafe, club dell’omonima città nella zona periferica della capitale spagnola, sono state retrocesse in seconda divisione insieme al Levante, squadra di Valencia. Il Siviglia invece parteciperà per il terzo anno consecutivo alla finale di Europa League e in caso di vittoria sarebbe la prima squadra a vincerla per tre stagioni di fila. In caso di vittoria inoltre, si qualificherebbe per la Champions League.

I gol più belli segnati quest’anno in Spagna

Francia

Ligue 1

Il Paris Saint-Germain ha vinto con otto giornate di anticipo la Ligue 1, dopo aver sconfitto il Troyes 9 a 0 – con quattro gol di Zlatan Ibrahimović – portando il suo vantaggio dal Monaco a 25 punti e diventando matematicamente campione del torneo. Nella Ligue 1 di quest’anno non c’è mai stata storia: il PSG ha dominato sin dalle prime giornate e ad oggi ha perso solo due partite in tutto il campionato. Anche le statistiche sono piuttosto impressionanti: in 38 partite il PSG ha segnato 102 gol subendone solo 19 (il Lione, secondo in classifica, ne ha fatti 67 e na ha subiti 43). La quarta vittoria di fila in campionato del PSG coincide con l’ultima stagione di Zlatan Ibrahimović a Parigi: non si ritirerà ma cambierà squadra.

ripeilogo-fra

Il Lione, che non aveva iniziato la stagione nel migliore dei modi, è poi riuscito a riprendersi e a superare il Monaco in seconda posizione. Il Marsiglia, quarto classificato l’anno scorso, ha passato una stagione molto difficile, che ha concluso in 13esima posizione a 8 punti di distanza dalla zona retrocessione: può comunque qualificarsi in Europa League se batte in finale di coppa il PSG.

Gli altri campionati

Il Benfica ha vinto il suo 35esimo campionato portoghese, battendo i rivali dello Sporting e del Porto, mentre in Turchia il Besiktas ha vinto sette anni dopo l’ultima volta, grazie anche alle  grosse difficoltà del Galatasaray. In Olanda il PSV Eindhoven ha vinto il campionato all’ultima giornata, grazie all’inaspettato pareggio dell’Ajax contro una squadra già retrocessa, e in Belgio ha vinto il Club Brugge allenato dall’ex portiere Michel Preud’homme. Oltre ad aver ottenuto la promozione in Bundesliga con il Lipsia, la Red Bull ha vinto il terzo campionato austriaco consecutivo con la sua squadra, il Salisburgo. In Svizzera ha vinto per il settimo anno consecutivo il Basilea, l’Olympiakos è campione di Grecia da aprile. Il campionato ucraino è stato vinto dalla Dinamo Kiev, e in quello russo tra CSKA Mosca e Rostov si deciderà tutto all’ultima giornata. Nel resto d’Europa: in Polonia ha vinto il Legia Varsavia, in Repubblica Ceca il Viktoria Plzen, in Croazia la Dinamo Zagabria per l’11esima volta consecutiva e in Serbia la Stella Rossa. Il campionato scozzese lo ha vinto di nuovo il Celtic, ma dall’anno prossimo magari qualcosa cambia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.