I dati dell’occupazione a marzo, diffusi dal governo

Sono provvisori, dicono che il "saldo" tra i nuovi contratti e quelli conclusi è in attivo di 92mila

Il ministero del Lavoro ha diffuso oggi alcuni dati preliminari sull’attivazione dei contratti di lavoro nel mese di marzo 2015. Secondo il ministero, che ha precisato che i dati sono comunque provvisori, in marzo sono stati stipulati 641.572 nuovi contratti a fronte della conclusione di 549.273 contratti. Di conseguenza il “saldo” fra i nuovi contratti e quelli conclusi è attivo, ed è pari a 92.299: è un numero notevole, aumentato di circa un terzo dal “saldo” del marzo 2014, che era comunque in attivo di circa 61mila. In particolare, mentre nel marzo del 2014 il saldo dei contratti a tempo indeterminato era negativo (c’erano cioè stati 36mila nuovi contratti a tempo indeterminato in meno, rispetto a quelli conclusi) quest’anno le cose sono cambiate: i nuovi contratti a tempo indeterminato superano quelli conclusi di circa 31mila.

In molti stanno citando l’introduzione del Jobs Act, cioè la riforma del lavoro del governo di Matteo Renzi entrata in vigore all’inizio di quest’anno, come parziale causa dei nuovi dati. Il Sole 24 Ore spiega che questi dati «sono da leggere non solo in relazione agli incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato introdotti con la legge di Stabilità 2015 (sgravi contributivi fino a 8.060 euro annui per tre anni) ma anche al fatto che a partire dal 6 marzo le aziende possono assumere anche con il nuovo contratto a tutele crescenti [previsto dal Jobs Act] che introduce l’indennizzo al posto del reintegro come regola generale in caso di licenziamento illegittimo». Secondo altri, è ancora troppo presto per capire quali e quanti meriti avrà il Jobs Act sul mercato del lavoro in Italia.

A marzo le attivazioni dei nuovi contratti di lavoro nel complesso, ad eccezione del lavoro domestico e della Pa, sono state 641.572 a fronte di 549.273 cessazioni. Il saldo attivo è stato di 92.299 unità. Sono i dati delle comunicazioni obbligatorie del ministero del Lavoro. I dati sono da leggere non solo in relazione agli incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato introdotti con la legge di Stabilità 2015 (sgravi contributivi fiono a 8.060 euro annui per tre anni) ma anche al fatto che a partire dal 6 marzo le aziende possono assumere anche con il nuovo contratto a tutele crescenti (che introduce l’indennizzo al posto del reintegro come regola generale in caso di licenziamento illegittimo).

Saldo positivo a marzo dei contratti stabili (+31mila)
Nel mese di marzo, dunque, il numero di attivazioni di nuovi contratti di lavoro è stato pari a 641.572. I contratti a tempo indeterminato attivati sono stati 162.498 (quasi 54.000 in più su marzo 2014) a fronte di 131.128 contratti cessati. I rapporti di lavoro a tempo indeterminato quindi, quelli per i quali è prevista la decontribuzione triennale dalla legge di stabilità, hanno avuto un saldo attivo di oltre 31.000 unità. A marzo 2014, invece, anche se il saldo complessivo di tutte le tipologie contrattuali era stato positivo per oltre 61.000 unità (620.032 attivazioni a fronte di 558.366 cessazioni), era stato invece negativo per i contratti a tempo indeterminato (36.000 in meno con 144.839 cessazioni a fronte di 108.647 attivazioni). I dati, che sono al netto del lavoro domestico e della pubblica amministrazione, precisa il ministero, sono da considerarsi provvisori.

(Continua a leggere sul sito del Sole 24 Ore)

nella foto, il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.