Come te la caveresti in terza media?

Le domande di quest'anno delle prove Invalsi, che valutano la preparazione degli studenti e la qualità del sistema dell'istruzione

Lunedì 17 giugno gli studenti che hanno finito la terza media, il terzo anno della scuola secondaria di primo grado per fare i precisini, si sono scervellati per rispondere alle domande di italiano e di matematica delle prove INVALSI. L’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e Formazione (INVALSI per l’appunto) è l’ente che si occupa di valutare la qualità della scuola italiana e capire entro certi limiti le cose che non vanno. Le prove sono una serie di test, dalla comprensione del testo alla risoluzione di problemi, che sono poi corretti dagli insegnanti di ogni scuola. L’INVALSI riceve i risultati da tutti gli istituti scolastici italiani e sulla base di questi prepara classifiche e statistiche.

Qui sul Post da ormai quattro anni (uno, due, tre, questo è il quarto) selezioniamo e vi proponiamo alcuni dei test delle prove INVALSI. E la domanda rimane e continuerà a essere sempre la stessa: come ce la caveremmo oggi, in terza media?

Per leggere le risposte basta selezionare il testo in bianco sotto ogni quesito.

ITALIANO

1. A quale categoria grammaticale appartiene la parola sottolineata?

“Daremo loro una prova concreta di buona volontà ripulendo completamente il loro banco.”

a. Pronome personale.
b. Aggettivo possessivo.
c. Pronome possessivo.
d. Aggettivo dimostrativo

Risposta: b.

2. Quale delle seguenti frasi è completa, cioè contiene tutte le informazioni richieste dal verbo “regalare”?

a. I nonni di Anna hanno regalato un telefonino.
b. I nonni hanno regalato un telefonino alla nipote.
c. I nonni hanno regalato l’ultimo modello di telefonino.
d. I nonni hanno regalato ad Anna, la loro nipote.

Risposta: b.

3. Osserva lo schema che segue:

ita01

Quale fra i periodi che seguono corrisponde a questo schema di analisi?

a. Il mio cane abbaia e mostra i denti agli estranei, ma alla fine non fa male a nessuno.
b. Sono soddisfatto di non avere sbagliato l’esercizio che mi sembrava tanto difficile.
c. Per vincere la gara mi allenerò molto e metterò in pratica i consigli dell’allenatore.
d. Prendi la prima strada a destra e gira subito dopo la piazza che vedi alla tua sinistra.

Risposta: c.

4. Indica che tipo di proposizione subordinata (oggettiva, soggettiva, interrogativa indiretta, relativa, consecutiva) introduce il “che” in queste frasi.

a. Per favore, chiedigli che mestiere fa.
b. Mi hanno detto che Lucia verrà domani.
c. Devo ancora leggere il romanzo che mi hai regalato.
d. Questo sole è così caldo che ci si scotta facilmente.
e. È incredibile che Maria sia arrivata per prima!
f. Le camicie che sono sul tavolo sono state stirate.

Risposte: a. interrogativa indiretta; b. oggettiva; c. relativa; d. consecutiva; e. soggettiva; f. relativa.

5. Leggi con attenzione la voce seguente, tratta da un dizionario. Poi, per ognuna delle affermazioni in tabella, indica se è vera o falsa.

sordastro [sor-dà-stro] agg., s.
– agg. Parzialmente sordo; nel l. corrente, che soffre di un leggero difetto uditivo
[SIN] med. ipoacusico
– s.m. (f. -stra) Nel sign. dell’agg.
– sec. XVI

a. La parola sordastro può essere sia un aggettivo che un nome.
b. La parola sordastro è composta di 4 sillabe.
c. La parola sordastro ha cominciato a essere usata nel ‘500.
d. Il plurale di sordastro è irregolare.
e. Sordastro è sinonimo di sordo.
f. Sordastro in linguaggio medico si dice ipoacusico.

Risposte: a. Vero; b. Falso; c. Vero; d. Falso; e. Falso; f. Vero.

6. Quale genere hanno i nomi che compaiono nelle seguenti espressioni e da che cosa si capisce?

a. Un analfabeta.
b. Un’ospite.
c. Un’ipocrita.
d. Un esule.

Risposte: a. Maschile; b. Femminile; c. Femminile; d. Maschile. Dall’apostrofo, che può esserci solo al femminile.

7. Nella frase “Secondo l’allenatore di Stefano sciare è lo sport migliore in assoluto”, qual è il soggetto?

a. L’allenatore.
b. Stefano.
c. Sciare.
d. Lo Sport.

Risposta: c.

Tenetevi pronti, nella prossima pagina si inizia con la matematica.

1 2 3 4 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.