Stalingrado e 77 italiani

La storia di una delle battaglie più famose della storia, 70 anni fa, e di alcuni soldati italiani che ci si trovarono in mezzo per sbaglio

di Davide Maria De Luca – @DM_Deluca

Esattamente 70 anni fa, un aereo da ricognizione tedesco che sorvolava Stalingrado, nella Russia meridionale, comunicò al comando che per la prima volta in sette mesi, tra le macerie della città, non c’erano più segni di combattimento. Due giorni prima il comandante tedesco aveva disobbedito all’ordine di Hitler di resistere fino all’ultima pallottola – quella destinata a sé stesso – e si era arreso all’Armata Rossa. Altri centomila soldati dell’Asse lo avevano seguito nei due giorni successivi. Tra questi c’erano anche 77 italiani, finiti per sbaglio nella morsa che aveva circondato la città di Stalingrado. Soltanto due di loro tornarono in Italia.

Quella dei 77 soldati a Stalingrado è una storia che è stata sconosciuta per lunghissimo tempo e di cui non si ritrova quasi traccia negli archivi ufficiali. Non ci sarebbero dovuti essere soldati italiani in città: quando nel novembre del 1942 i russi circondarono Stalingrado, ci combattevano solo tedeschi. Gli italiani si trovavano in un altro punto del fronte e per quei 77 italiani fu un incredibile colpo di sfortuna trovarsi coinvolti nell’ultima fase di una delle battaglie più famose (e più dure) della storia.

Nella steppa, lungo le sponde dei grandi fiumi Volga e Don, ma soprattutto nell’intrico delle rovine della città distrutta dai bombardamenti, si affrontarono per sette mesi più di 3 milioni di soldati, decine di migliaia di cannoni e migliaia di aerei e carri armati. Fu la prima e più grande sconfitta dell’esercito tedesco nella Seconda Guerra Mondiale, una sconfitta che rese chiaro al mondo come per la Germania la guerra sul fronte orientale era oramai persa ed era solo questione di tempo – e di milioni di altri morti – prima che i russi arrivassero a Berlino.

La storia di quella battaglia è più o meno questa. Nel 1939, dopo essersi spartiti la Polonia, Germania e Unione Sovietica avevano firmato un patto di non aggressione. Hitler non aveva intenzione di rispettarlo, a differenza di Stalin, che ci credeva in modo quasi fanatico. All’alba del 22 giugno 1941 – una giornata che oggi è una ricorrenza nazionale in Russia – la Germania presentò formalmente la dichiarazione di guerra. Due ore prima, quella che venne definita «la più gigantesca macchina da guerra mai assemblata nella storia dell’umanità» aveva cominciato a rotolare verso est, con obbiettivo Mosca.

Vale la pena di raccontare il modo con il quale Stalin reagì quella notte. Le sue spie lo avevano da lungo tempo informato delle intenzioni tedesche, ma Stalin si era rifiutato di credere a qualunque avvertimento – e diverse persone erano finite davanti al plotone d’esecuzione per aver insistito troppo. Stalin, incredibilmente, si fidava di Hitler. Quando la notte del 22 giugno il generale Zukov lo chiamò e gli raccontò che i tedeschi stavano bombardando le città russe, alla fine del discorso chiese: «Ha capito quello che le ho detto, compagno Stalin?». Dall’altro lato della cornetta si sentiva solo un respiro affannoso. Per diverse settimane quasi nessuno vide più Stalin.

Nonostante le perdite enormi subite dai russi, i tedeschi non riuscirono a conquistare Mosca. Dopo la pausa invernale nei combattimenti – una pausa che non fu percepita come tale da molti dei soldati al fronte – Hitler decise di cambiare obbiettivo. Non più Mosca, ma i pozzi petroliferi del Caucaso. In questa seconda offensiva capitò quasi per caso la città di Stalingrado, un po’ come per caso i 77 italiani capitarono nella stessa città nel novembre di quell’anno.

Capitò per caso perché – come potete vedere da una cartina – nel caso vogliate conquistare il Caucaso, la città di Volgograd – la vecchia Stalingrado, anche se oggi è tornata a chiamarsi così – non sembra essere proprio un obbiettivo prioritario. Però all’epoca Volgograd si chiamava Stalingrado, da oltre 15 anni, e quando le operazioni nel Caucaso si rivelarono molto più difficili del previsto – quasi fallimentari – Stalingrado si trasformò da un obbiettivo secondario in un punto d’onore. Come scrisse un generale tedesco in quei giorni, parlando di Hitler e della sconfitta nel Caucaso: «Quest’uomo ha perso la faccia; ha capito che il suo gioco con il destino è finito, che la Russia sovietica non sarà sconfitto in questo secondo tentativo». Hitler non era riuscito a sconfiggere Stalin sul campo: ora voleva sconfiggerlo simbolicamente, conquistando la città che portava il suo nome.

Dal settembre del ’42 la VI Armata, la più grande unità dell’esercito tedesco che contava quasi mezzo milione di uomini, venne concentrata nel piccolo spazio della città sul Volga, nello sforzo di conquistare la riva ovest con una serie di poderose testate. I russi tenevano una piccola striscia di terra lungo la riva e facevano affluire rinforzi attraverso il fiume, come si vede nelle prime scene del film il Nemico alle Porte di Jean Jaques Annaud. Mano mano che le truppe tedesche si concentravano a Stalingrado, i fianchi si facevano sempre più deboli, fino a che, nel novembre del 1942, a proteggere i lati della VI Armata tedesca c’erano solo le truppe degli alleati rumeni, pochi e male armati.

Gli italiani si trovavano ancora più ovest, a fianco dei rumeni e ben lontani da Stalingrado, in una zona che fino a quel momento era stata tranquilla. Erano in circa duecentomila, con scarponcini da neve chiodati che facevano filtrare l’acqua e congelavano i piedi. Però avevano diversi camion e mentre a Stalingrado i tedeschi combattevano strada per strada (la chiamavano la Rattenkrieg, la guerra dei topi), il fronte italiano restava tranquillo. Così, a metà novembre un gruppo di quei camion venne inviato a Stalingrado con il compito di consegnare carburanti e munizioni e raccogliere assi di legno per costruire i bunker sotterranei in vista del freddo invernale.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.