• Mondo
  • lunedì 2 gennaio 2012

Guida alle primarie dei repubblicani

Si comincia domani con i caucus dell'Iowa (che roba sono?): una guida per capire come sarà scelto lo sfidante di Obama, tra regole, calendari e sondaggi

di Francesco Costa

La campagna elettorale per le elezioni presidenziali del 2012 negli Stati Uniti è iniziata da parecchio tempo: secondo alcuni dal giorno successivo alle elezioni di metà mandato del novembre 2010, secondo altri addirittura dal giorno successivo alle elezioni presidenziali del 4 novembre del 2008, quelle che portarono Barack Obama alla Casa Bianca. Il calendario politico americano, fatto di scadenze fisse e prevedibili, unito all’enorme quantità di denaro e risorse organizzative necessarie per ottenere la candidatura, porta infatti candidati e aspiranti tali a lavorare con anni di anticipo ai loro progetti presidenziali, spesso molto tempo prima di annunciare ufficialmente la propria candidatura, alla ricerca di alleati politici, finanziatori, militanti e strateghi.

Domani, 3 gennaio 2012, comincia in Iowa la stagione delle elezioni primarie. La prima cosa da sapere è che la stagione comincia sia per i democratici che per i repubblicani. Negli Stati Uniti le primarie sono previste dalla legge e si fanno tassativamente, al di là della presenza o no di un presidente uscente: non esistono candidature “di diritto”. Salvo casi eccezionali, però, come quello di Ted Kennedy che sfidò il presidente Jimmy Carter nel 1980, il presidente uscente non incontra sfidanti di rilievo e compete solo in alcuni Stati, i pochi in cui i suoi sfidanti saranno riusciti a raccogliere firme e documentazioni necessarie alla candidatura. Barack Obama ha raccolto pochi sgarrupati sfidanti in New Hampshire, Missouri, Louisiana e Oklahoma, la sua vittoria non è in discussione. Considerata la differenza di valore tra le due competizioni, in questa guida ci concentreremo su regole ed elementi che riguardano soltanto le primarie repubblicane.

A che gioco giochiamo
Prendiamola larga. Le primarie servono ai partiti per scegliere il loro candidato alla Casa Bianca. Questo non vuol dire che per candidarsi alla Casa Bianca sia necessario vincere le primarie: ci si può candidare come indipendenti o come esponenti di altri partiti (ci sono, sebbene contino quasi niente). Gli Stati Uniti sono uno Stato federale, quindi le primarie non si tengono in tutti gli Stati nello stesso giorno e nemmeno con le stesse regole: ognuno fa più o meno come gli pare. Quello che hanno in comune è che il processo porta all’elezione di un certo numero di delegati per ogni Stato, di solito proporzionale alla sua popolazione e alla sua influenza politica. Ogni delegato sostiene un candidato. In estate si tiene la convention del partito. Per i candidati, lo scopo del gioco è arrivare alla convention con in tasca la maggioranza assoluta dei delegati, la metà più uno. I delegati sono in tutto 2286, quindi per vincere ne servono 1144. La cifra di 2286 comprende i cosiddetti superdelegati, cioè quelli che lo sono di diritto in quanto funzionari del partito, deputati, senatori, ex presidenti. In dodici Stati il voto dei superdelegati è legato a quello dei delegati. Negli altri, i superdelegati possono decidere autonomamente chi votare: si tratta, in sostanza, di 132 voti che si assegnano in modo tecnicamente indipendente dai risultati del voto.

Caucus e primarie
Non tutti gli Stati votano allo stesso modo, abbiamo detto, anzi. La prima distinzione da fare è tra caucus e primarie, per quanto nel caso del partito repubblicano i due modelli si somiglino più di quanto accada con le primarie democratiche. Ogni Stato decide se scegliere il proprio candidato con i caucus o con le primarie. Le primarie sono delle elezioni vere e proprie: si va al seggio più vicino a casa propria, si vota. Serve essere maggiorenni alla data delle elezioni presidenziali, quindi a novembre 2012. I caucus sono più simili a un congresso di partito. Chi vuole partecipare si riunisce nel seggio, dove ogni candidato viene presentato da un suo sostenitore. Poi si vota, per iscritto o più raramente per alzata di mano. I delegati non sono formalmente vincolati a sostenere il candidato per cui sono stati scelti, una volta alla convention, sebbene di norma i “cambi di casacca” siano pochi e ininfluenti.

Maggioritario e proporzionale
L’altra cosa importante da sapere è il metodo di elezione dei delegati. Prima si vota, come abbiamo detto, coi caucus o con le primarie. Poi, sulla base del voto, si stabilisce quanti delegati vanno a ciascun candidato. Alcuni Stati adottano un sistema proporzionale, assegnando a ogni candidato un numero di seggi proporzionale al numero di voti ottenuti. Altri adottano un sistema maggioritario, il winner-takes-all, che poi è lo stesso utilizzato alle elezioni presidenziali di novembre: il candidato più votato, che ottenga uno o mille voti in più dei suoi avversari, porta a casa tutti i delegati.

La differenza tra i due sistemi conta moltissimo nel determinare forma e durata della competizione elettorale. Supponiamo di avere due Stati dall’identica popolazione, e che entrambi mettano in palio 50 delegati. Nello Stato A il candidato Tizio vince per un voto su Caio: in base al sistema proporzionale ottiene 26 delegati, lasciandone 24 al suo avversario. Nello Stato B il candidato Caio vince per un voto su Tizio: in base al sistema maggioritario ottiene tutti e 50 i delegati. A fronte di un numero identico di elettori, il risultato è molto diverso. Genericamente, il sistema winner-takes-all garantisce un esito più certo e rapido della competizione, che può individuare un chiaro vincitore nel giro di poche settimane. Il sistema proporzionale, invece, rende la competizione più equilibrata e quindi potenzialmente più lunga (chiedere a Hillary Clinton e Barack Obama).

Nella prossima pagina: come si vincono le primarie, chi è messo meglio in Iowa e che cosa succederà dopo.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.