• Italia
  • sabato 16 Ottobre 2010

Dove nascono più bambini in Italia

In Trentino ed Emilia Romagna la media del numero di figli per famiglia è superiore a quella europea, ecco perché

Il tasso di natalità in progressiva diminuzione in Italia interessa da tempo i demografi, preoccupati dall’aumento dell’età media nel nostro paese e dalle possibili conseguenze sullo stato sociale e sull’economia. In alcune regioni d’Italia, però, il tasso di natalità è in aumento grazie a politiche sociali più attente e alla presenza delle famiglie di immigrati. Su Repubblica di oggi, Maria Novella de Luca spiega perché nelle zone del Trentino e dell’Emilia Romagna il numero medio di figli è pari a 1,61, un numero superiore a quello della media dell’Unione europea.

C’è un pezzo d’Italia dove i bambini continuano a nascere. Dove le culle sono piene e non vuote. Dove il tasso di demografia supera la media europea, e dove “essere famiglia” più che un evento straordinario sembra essere diventato la normalità.

Siamo a Bolzano, Alto Adige, provincia autonoma e porta delle Dolomiti, risalendo il paese secondo le statistiche dell’Istat, in una regione in cui la crescita zero appare lontana, e il numero medio di figli per donna, 1,61, distanzia e non di poco la media nazionale ferma a 1,42, e quella della Ue, dove il tasso di fecondità è di 1,52 bimbi per ogni mamma. Bisogna venire qui per capire quest’Italia rovesciata, dove al Sud storicamente “ricco” di bambini e oggi con la demografia in caduta libera, si è sostituito quest’angolo di Nord Est, tra vigne, montagne e filari di mele, in cui le aziende provano ad essere family-friendly, a conciliare lavoro e famiglia, la crisi c’è ma si vede un po’ meno e gli ospedali hanno il record positivo di parti naturali.

Da 0 a 3 anni i più piccoli possono contare su una rete capillare di asili nido, micro-nidi e tagesmutter (gli asili a domicilio), le famiglie ricevono sostegni statali, regionali e provinciali, muti agevolati e trasporti gratuiti, le aziende concedono part time, telelavoro. E così a Bolzano come a Trento, capitali italiane della demografia, i bambini continuano a nascere, “sostenuti da un welfare in affanno ma ancora forte”, sottolinea Eugenio Bizzotto, del Dipartimento per la Famiglia della Provincia di Bolzano, anche se i bollettini dell’Astat, l’istituto locale di statistica, ricordano che qualche anno fa andava ancora meglio.

(continua a leggere sul sito di Repubblica)