Sui tram di Seattle, nello stato di Washington, si poteva salire solo con la mascherina, in teoria, ottobre 1918 ( © JT Vintage/Glasshouse via ZUMA Wire /ANSA)
  • Mondo
  • venerdì 24 Luglio 2020

Si litigava per le mascherine anche durante l’influenza spagnola

Erano raccomandate e in alcuni casi obbligatorie, ma spesso osteggiate: a San Francisco nacque la Lega anti-mascherine

Sui tram di Seattle, nello stato di Washington, si poteva salire solo con la mascherina, in teoria, ottobre 1918 ( © JT Vintage/Glasshouse via ZUMA Wire /ANSA)

Le mascherine sono diventate uno dei simboli dell’epidemia da coronavirus: indossarle è un gesto condiviso da milioni di persone in tutto il mondo, è uno dei modi più facili ed efficaci che abbiamo per prevenire la malattia ma è diventato, in alcuni paesi, l’occasione di un forte scontro politico. In Italia c’era stata una iniziale confusione, creata dalla comunità scientifica e dalle autorità che le avevano definite inefficaci o addirittura dannose, ma da quando la loro utilità è stata dimostrata non sono mai state più messe in dubbio dalla classe politica (anche se il leader della Lega Matteo Salvini è stato rimproverato più volte per non averle usate correttamente) e sono diventate obbligatorie in alcuni casi da inizio aprile.

– Leggi anche: Perché c’è chi dubita delle mascherine?

In altri paesi però incontrano un certo rifiuto: vale per i paesi del Nord Europa, dove il minor numero di morti non ha comunicato un senso di emergenza, e soprattutto negli Stati Uniti, dove indossarle è diventato un gesto di appartenenza politica: il presidente Donald Trump ne ha lungamente svilito l’uso e si è presentato raramente in pubblico portandone una mentre i Democratici si sono raccolti attorno allo slogan “wear a mask”, diventato un messaggio di responsabilità civile contro l’egoismo e l’incompetenza del presidente e dei Repubblicani. A livello locale sono in corso scontri tra politici Democratici che vorrebbero imporle, e altri Repubblicani che si oppongono.

Non è la prima volta che le mascherine diventano il simbolo della lotta a un’epidemia e il terreno di scontro, anche violento, tra chi è favorevole a indossarle e chi no, per ragioni diverse: era già successo ai tempi dell’influenza spagnola, che si diffuse in tutto il mondo dal gennaio del 1918 al dicembre del 1920, causando tra 50 e 100 milioni di morti su una popolazione di 2 miliardi di persone.

– Leggi anche: Cosa fu l’influenza spagnola

A leggere i giornali e i racconti dell’epoca, le misure per contenerla ricordano quelle prese per il coronavirus. In Italia, l’isolamento e la quarantena furono rispettati scrupolosamente solo dalle truppe dell’esercito (era infatti in corso la Prima guerra mondiale, terminata l’11 novembre del 1918). Nell’autunno del 1918 le autorità locali chiusero le scuole, i teatri e i cinema, ordinarono disinfezioni di strade, telefoni pubblici e stazioni ferroviarie; erano sconsigliati abbracci, baci e strette di mano e c’erano campagne che invitavano a non sputare in strada ma a usare fazzoletti di carta o stoffa. Misure simili, tra cui i divieti di adunanze e manifestazioni, vennero prese in molti altri paesi e si diffusero anche le mascherine, come testimoniano molte fotografie del tempo. Erano molto diverse da quelle di oggi ed erano fatte sostanzialmente di strati di garza e cotone.

– Leggi anche: Che differenze ci sono fra le mascherine

Gli Stati Uniti, dove la spagnola venne osservata per la prima volta nel gennaio del 1918 in Kansas, furono il paese in cui si registrò, il 4 marzo, il primo morto accertato: il cuoco Albert Gitchell, che si era ammalato a Fort Riley, un centro di addestramento dell’esercito, sempre in Kansas. In mancanza di vaccini e medicine, i singoli stati approvarono misure per rallentare la diffusione dell’epidemia: chiusero le scuole e i negozi, vietarono gli assembramenti pubblici, si cercò di isolare i malati e metterli in quarantena; alcune città raccomandavano ai cittadini di indossare una maschera in pubblico.

Le misure più stringenti arrivarono nell’ottobre del 1918, quando la situazione era diventata drammatica per il numero di morti e contagi, e riguardavano anche l’uso della mascherina. L’Ufficio per la salute pubblica nazionale stampò dei volantini che invitavano tutti a indossarla, volontari della Croce Rossa le cucivano e distribuivano gratuitamente vista la difficoltà a reperirle e i giornali pubblicavano istruzioni su come farle da sé o donarle. Sempre la Croce Rossa consigliava di non frequentare chi aveva tosse e raffreddore, non andare in posti poco ventilati, non condividere bicchieri e asciugamani, non stancarsi e preoccuparsi troppo, restare a casa in caso di raffreddore e indossare una mascherina nei luoghi chiusi.

Come anche oggi, la mascherina diventò un accessorio alla moda: nell’ottobre del 1918 il Seattle Daily Times scriveva, per esempio, che «le donne di Seattle indossano mascherine in maglia fine con i bordini di chiffon per tenere lontana la malattia». Probabilmente non servivano a molto, e l’efficacia delle protezioni fatte di garza stratificata era messa in discussione dalla comunità scientifica di allora. Un requisito era perlomeno indossarle correttamente, non lasciando scoperto il naso o praticando dei fori per fumare, come accadeva a Phoenix, in Arizona.

Intanto a ottobre molti stati e città fecero grosse campagne per convincere i cittadini a indossare le mascherine nei luoghi pubblici o in caso di ritrovo; furono soprattutto gli stati dell’ovest, in particolare la California, lo Utah e Washington. All’inizio era visto come un gesto patriottico e necessario a proteggere i soldati in guerra e venne sostenuto dalla popolazione. Annunci della Croce Rossa, per esempio, sostenevano «che l’uomo, la donna o il bambino che non indossano la mascherina sono pericolosi disertori». Il sindaco di San Francisco, James Rolph, disse che «la coscienza, il patriottismo e la salvaguardia personale richiedono di essere subito e rigidamente realizzate indossando una mascherina» e anche il sindaco di Oakland, John Davie, disse che «è ragionevole e patriottico, indipendentemente dalle convinzioni personali di ognuno, proteggere gli altri cittadini in questo modo».

La comunità medica però era convinta che gli appelli al patriottismo non sarebbero bastati e che sarebbe stato necessario imporre alle persone l’uso della mascherina. Molti consigli comunali cercarono di renderne l’uso obbligatorio, ma spesso si spaccarono sull’approvazione perché era ritenuto «autocratico e anticostituzionale», come disse un funzionario di Portland, in Oregon, rifiutando «categoricamente che mi venga messa la museruola come a un cane idrofobo». Dopo molte discussioni, lo Utah decise per esempio di non rendere le mascherine obbligatorie perché si temeva che indossandole le persone si sarebbero sentite al sicuro e avrebbero fatto meno attenzione.

In altre città le mascherine divennero obbligatorie, come a San Francisco, dove chi non le indossava rischiava multe dai 5 ai 200 dollari e brevi periodi in carcere. Molte dovettero affrontare l’aperta e a volte irrisoria ribellione dei cittadini a portarle. Tutti si lamentavano che erano scomode e fastidiose e molti cercavano degli espedienti per evitarle. A Seattle gli autisti dei tram facevano salire i passeggeri anche senza mascherina, a Denver i negozianti facevano lo stesso con i loro clienti: qui, scriveva un giornale locale, la norma «era quasi del tutto ignorata dalle persone, ed era motivo di grandi risate». Venne modificata e resa obbligatoria solo per gli autisti, che minacciarono allora di scioperare; si parlò di allargare ulteriormente l’obbligo e la popolazione minacciò un nuovo sciopero. Alla fine Denver affrontò l’epidemia senza alcuna misura protettiva.

A Tucson, Arizona, venne organizzato un «tribunale dell’influenza», come lo chiamò un giornalista locale, che si occupava dei casi di persone accusate di non aver indossato una mascherina o di non averlo fatto correttamente. I giudici dovevano ascoltare le giustificazioni degli imputati e decidere se multarli comunque di 10 dollari; una delle giustificazioni era che la mascherina era a lavare, un’altra che il proprietario desiderava «il rapido privilegio di una boccata d’aria fresca».

In California le cose non andavano meglio. A Oakland vennero assoldati 300 volontari per segnare i nomi e gli indirizzi di chi violava l’obbligo di indossare la mascherina. A Sacramento il capo della polizia ordinò agli agenti di pattugliare le strade e portargli chi trovavano a viso scoperto: in 20 minuti le stazioni di polizia furono sommerse di trasgressori.

A San Francisco la mascherina fu resa obbligatoria per la prima volta da ottobre a fine novembre 1918. La disobbedienza fu tale che le carceri si ritrovarono piene e i giudici dovettero fare le ore piccole e lavorare nei weekend per smaltire il lavoro. A ottobre un ufficiale del Consiglio della sanità sparò a una gamba e a una mano a un uomo che si era rifiutato di indossare la mascherina; l’uomo fu prima portato in ospedale e poi arrestato per aver disobbedito all’ordine. I danni dell’economia iniziavano a farsi sentire, i negozianti chiedevano di poter riaprire, vennero organizzate le prime proteste della Lega anti-mascherine, la Anti-Mask League, che chiedeva la fine immediata dell’obbligo di indossarle.

A inizio 1919 l’epidemia si presentò in una seconda ondata e il 17 gennaio il Consiglio cittadino approvò di nuovo l’obbligo di indossare le mascherine. Questa volta l’opposizione fu ancora più decisa e accusò la norma di essere una violazione delle libertà civili: il 25 maggio la Lega organizzò una manifestazione a cui parteciparono 2.000 persone, tra cui medici e anche un membro del Consiglio cittadino. Il primo febbraio, l’obbligo venne ritirato su parere del Consiglio di sanità.

Ancora oggi, non è chiaro quanto siano servite le mascherine per contenere l’influenza spagnola; si sa però che le città che imposero qualche forma di misura restrittiva se la cavarono meglio delle altre. Man mano che la situazione rientrava nella normalità, i divieti agli assembramenti vennero ritirati in tutto il paese e lasciarono gradualmente il posto a incontri, cene, eventi mondani, fino alle feste sregolate dei “ruggenti” anni Venti.

Le cose da sapere sul coronavirus