La croce di San Giorgio, la bandiera della città, appesa sull'ultima parte di impalcato del ponte di Genova, 28 aprile 2020. (ANSA/LUCA ZENNARO)
  • Italia
  • martedì 28 Aprile 2020

È stata completata la struttura del nuovo ponte di Genova

A 620 giorni dal crollo del ponte Morandi è stata posizionata l'ultima sezione del piano stradale, alla presenza del presidente del Consiglio

La croce di San Giorgio, la bandiera della città, appesa sull'ultima parte di impalcato del ponte di Genova, 28 aprile 2020. (ANSA/LUCA ZENNARO)

Questa mattina è stata posizionata l’ultima sezione, la diciannovesima, del piano stradale (il cosiddetto “impalcato”) del nuovo ponte di Genova sul fiume Polcevera. È quindi completata la struttura d’acciaio del viadotto, che collega la parte est con quella ovest del ponte. Nei prossimi mesi si procederà al completamento del manto stradale e alla delicata fase dei collaudi. Il ponte, secondo quanto confermato dal sindaco di Genova Marco Bucci, dovrebbe essere completato definitivamente il prossimo luglio, quindi a quasi due anni dal crollo del ponte Morandi dell’agosto del 2018 in cui morirono 43 persone.

Nel momento in cui l’ultima struttura lunga 50 metri è stata posizionata fra le pile 11 e 12, dopo gli interventi dello stesso sindaco Bucci, del presidente della Liguria Giovanni Toti, del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e della ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli, sono state suonate le sirene del cantiere, a cui hanno risposto quelle del porto.

– Leggi anche: Chi sono i “congiunti”

La notte scorsa, per celebrare la conclusione dei lavori, le diciotto pile del nuovo ponte sono state illuminate con i colori bianco, rosso e verde del tricolore. Il presidente della Liguria Giovanni Toti ha pubblicato un’immagine del viadotto illuminato sui canali social commentando: «L’Italia s’è desta. Benvenuto Ponte di Genova!»

Alla cerimonia di oggi non era presente l’architetto e senatore a vita Renzo Piano, che aveva progettato il ponte, perché bloccato a Parigi dalle limitazione agli spostamenti decise dal governo francese per arginare l’epidemia da coronavirus. Piano ha dichiarato che si tratta di «un momento importante, ma non può essere una festa perché non bisogna mai dimenticare da cosa nasce. Da una terribile tragedia».

Il ponte è lungo 1.067 metri, ha 19 campate che si trovano a 40 metri di altezza e sono sorrette da 18 piloni. Il viadotto è stato costruito da Salini Impregilo e da Fincantieri (che hanno costituito il consorzio PerGenova) in tempi considerati record, almeno per l’Italia, visto che la demolizione degli ultimi tronconi del ponte Morandi rimasti in piedi era avvenuta lo scorso 28 giugno, quando era iniziata la costruzione del nuovo cavalcavia.