Caf-isee-come-fare
(Claudio Furlan/LaPresse)
  • sabato 4 Gennaio 2020

Come chiedere l’ISEE per il 2020

Da quest'anno ci sarà anche la dichiarazione precompilata, ma le opzioni tradizionali – CAF e Comune – rimangono valide

Caf-isee-come-fare
(Claudio Furlan/LaPresse)

L’ISEE è un indicatore che serve a inquadrare il reddito delle famiglie e regolare l’accesso ad alcuni sgravi fiscali e prestazioni. L’acronimo ISEE sta per “Indicatore Situazione Economica Equivalente” ed è il risultato di una serie di calcoli che fa l’INPS mettendo insieme redditi mobiliari e immobiliari. Sulla base dell’ISEE sono calcolate le tasse universitarie, il ticket regionale sanitario, le riduzioni delle tariffe del trasporto pubblico, le mense scolastiche, la retta degli asili nido e molto altro: per fare un esempio, il “Bonus TV” può essere richiesto solo da chi ha un reddito ISEE inferiore a 20mila euro.

L’ISEE può essere richiesto agli uffici del proprio Comune di residenza oppure ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF). Per poter accedere agli sgravi e ai servizi dedicati alla propria fascia di reddito, l’ISEE va aggiornato ogni anno: dal momento in cui si richiede ha validità fino alla fine dell’anno corrente, perciò quello del 2020 si può richiedere a partire da gennaio e avrà validità fino al 31 dicembre 2020.

Quando si può richiedere l’ISEE?

L’ISEE si può richiedere in qualsiasi periodo dell’anno, a seconda delle esigenze. Per esempio, chi deve usarlo solo per pagare le tasse universitarie può farlo anche tra la primavera e l’estate, così da avere l’ISEE pronto per l’inizio dell’anno accademico. In generale, però, bisogna tenere conto che per elaborare la pratica gli uffici competenti ci mettono circa dieci giorni, per cui se si è sicuri di avere bisogno dell’ISEE è consigliabile farlo il prima possibile.

Se non avete voglia di perdere mezza giornata per andare al CAF e magari doverci anche ritornare per qualche documento mancante, sappiate che l’ISEE si può richiedere anche online sul sito dell’INPS (ci torniamo tra poco).

Cosa bisogna fare per richiedere l’ISEE?

Per richiedere l’ISEE bisogna andare agli uffici di cui abbiamo già detto (CAF e Comune), e presentare una Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) che l’INPS userà per calcolarlo. Questa dichiarazione dovrà contenere: le copie dei documenti del dichiarante e di tutti i membri della sua famiglia; le copie stampate degli estratti dei conti correnti al 31 dicembre 2018 e la giacenza media nel 2018; la visura catastale di eventuali immobili posseduti o il contratto d’affitto; la dichiarazione dei redditi dei componenti (attenzione: non quella dell’anno precedente alla dichiarazione, ma di quello ancora prima: se si presenta la dichiarazione nel 2020, si fa riferimento ai redditi del 2018); la targa dei veicoli posseduti e i documenti di eventuali mutui stipulati.

La documentazione della DSU potrebbe variare a seconda dell’ISEE richiesto: c’è l’ISEE “standard”, che serve per quasi tutte le prestazioni, e poi ci sono l’ISEE “socio-sanitario” per l’assistenza ai disabili, l’ISEE “università “per gli studenti che non abitano con i genitori ma non hanno reddito e altri per casi molto specifici. Per orientarsi tra queste vaghe categorie burocratiche, qui si può consultare l’elenco dei diversi tipi di ISEE, con annessa spiegazione dell’INPS.

Una volta presentata la DSU, si dovrà attendere un periodo di tempo variabile, durante il quale la pratica verrà elaborata dall’INPS e i dati forniti verranno confrontati con le banche dati dell’Agenzia delle Entrate. Alla fine di questo procedimento l’ISEE si potrà ritirare e sarà valido.

Un’alternativa a fare la fila nei CAF è quella di accedere al servizio online dell’INPS: da quando l’ISEE fu riformato nel 2015, infatti, la DSU può essere compilata e inviata online, accedendo ai servizi dell’INPS da questa pagina. Per farlo è necessario essere in possesso di un codice PIN (se non lo avete, si richiede qui), oppure avere un’identità SPID, che sta per Sistema Pubblico di Identità Digitale ed è un sistema di riconoscimento con il quale si può accedere a una serie di servizi online della pubblica amministrazione con un unico nome utente e un’unica password.

La novità del 2020: l’ISEE precompilato

Il primo gennaio 2020 entrerà in vigore l’ISEE precompilato. In pratica, la DSU sul sito dell’INPS avrà alcune sezioni già caricate con i dati in possesso e ricavati da diverse banche dati. È un po’ quello che succede con la dichiarazione dei redditi precompilata, che il sito dell’Agenzia delle Entrate fornisce con i dati già caricati, e che si può modificare e inviare al momento della dichiarazione dei redditi.

In questo caso l’INPS fornirà le DSU con i dati caricati degli immobili, dei conti correnti e dei redditi dei familiari, attingendo dalle banche dati del Catasto e dell’Anagrafe tributaria, che contiene i dati di tutti i contribuenti italiani (compresi quelli dei loro conti correnti). Anche l’ISEE precompilato potrà essere richiesto tramite il sito dell’INPS, ma è un’opzione aggiuntiva: tutte le altre modalità tradizionali per richiedere l’ISEE rimarranno attive.

– Leggi anche: Che cos’è lo SPID e come ottenerlo
– Leggi anche: Come chiedere il “Bonus TV”
– Leggi anche: Le “tariffe sociali” dei biglietti aerei per la Sicilia