• Italia
  • mercoledì 6 febbraio 2019

Che cos’è lo SPID e come ottenerlo

È il sistema di identità digitale necessario tra le altre cose per richiedere il “reddito di cittadinanza” online: una guida ai diversi servizi che lo offrono

Lo SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale, ed è un sistema di riconoscimento con il quale si può accedere a una serie di servizi online della pubblica amministrazione con un unico nome utente e un’unica password. Se ne sta riparlando perché lo SPID sarà necessario per richiedere il cosiddetto “reddito di cittadinanza” sull’apposito sito presentato questa settimana dal ministro del Lavoro Luigi Di Maio.

Cos’è
Concretamente, lo SPID è una credenziale digitale – nome utente più password – che identifica un cittadino italiano o uno straniero con permesso di soggiorno e residente in Italia. È riconosciuta su diversi siti della pubblica amministrazione, da quelli dei comuni – dove, per esempio si possono pagare multe o presentare le denunce di occupazione per pagare la TARI – a quelli dedicati ad apposite misure, come il buono di 500 euro per i docenti o quello per i 18enni.

Cosa serve per ottenerlo
Un documento d’identità valido – carta d’identità, passaporto, patente o permesso di soggiorno – e la tessera sanitaria con il codice fiscale. Serve poi anche un indirizzo email e un numero di telefono cellulare (va bene anche se non si è intestatari del contrato). Per richiedere lo SPID bisogna avere compiuto 18 anni.

Dove si chiede
Questa è la parte un po’ più articolata: esistono infatti nove “identity provider”, cioè siti che offrono la possibilità di registrare uno SPID. Anche se forniscono tutti la stessa cosa, funzionano in modi un po’ diversi e alcuni hanno alcune funzioni a pagamento. I provider sono: Aruba, InfoCert, Intesa, Lepida, Namirial, Poste, Sielte, Register.it, Tim.

Cos’è il riconoscimento
Il passaggio più macchinoso – anche se non lo è davvero – della registrazione allo SPID è il riconoscimento. È l’ultimo passaggio, in cui il provider scelto riconosce l’utente. Si può fare di persona, oppure attraverso webcam, con un lettore di smart card da collegare al computer o con la “firma digitale”. Nel primo caso, si prende un appuntamento e si va in un posto (può essere molto scomodo o molto comodo, dipende dal provider scelto e da dove vivete); nel secondo, si accende la webcam del computer e si fa tutto alla scrivania (molto comodo, se avete la webcam); nel terzo, bisogna avere un aggeggio specifico, il lettore di smart card; la firma digitale è invece un sistema di autenticazione della firma, che avviene con una tessera speciale o una chiavetta USB (come il lettore di smart card, si tratta di un dispositivo specifico di cui bisogna già essere in possesso).

Cos’è il codice OTP
È un secondo livello di sicurezza, oltre alla normale password: una seconda password usa e getta, che vi arriva per messaggio sul telefono quando accedete a un servizio tramite SPID. Lo offrono quasi tutti i provider. Esiste anche un terzo livello di sicurezza, che consiste in un supporto fisico, ma lo offrono pochi provider.

E quindi quale provider conviene scegliere?
Dipende. Abbiamo messo insieme vantaggi e svantaggi di ciascuno. In breve, i criteri da prendere in considerazione sono: se non siete cittadini italiani, controllate quali provider offrono il servizio per cittadini comunitari ed extracomunitari; se avete una webcam, ci sono due provider che offrono questo tipo di riconoscimento gratuitamente, Sielte e Tim (quest’ultimo solo fino al 31 marzo); se volete fare il riconoscimento di persona, alcuni provider offrono molti uffici, altri nessuno o soltanto uno: i più comodi sono probabilmente gli uffici postali del provider Poste.

Cliccando sul nome, si accede direttamente alla pagina per registrarsi. In tutti i casi tranne quelli segnalati il riconoscimento si può fare tramite lettori di smart card e firma digitale, gratuitamente; sempre in tutti casi tranne quando è indicato diversamente, i provider sono disponibili per i cittadini stranieri e non offrono il terzo livello di sicurezza. Per tutti i servizi, lo SPID è gratuito, almeno per ora: è possibile che alcuni comincino poi a richiedere una quota annuale di iscrizione al servizio.

– Aruba: gli sportelli abilitati per fare il riconoscimento di persona sono molti, ma si possono consultare solo nella fase avanzata di registrazione; riconoscersi via webcam ha un prezzo che parte da 14,90 € + IVA; offre il terzo livello di sicurezza.
– InfoCert: gli sportelli convenzionati sono oltre 4000: poco più di un centinaio offrono il riconoscimento gratuito, mentre per gli altri si va dai 3,50€ ai 19,90€ (la mappa dei centri si può consultare qui, cliccando su Di persona presso un InfoCert Point); riconoscersi via webcam costa 19.90 € (9,90€ per i 18enni).
– Intesa: il riconoscimento di persona si può fare solo presso la sede a Torino; per verificare i prezzi del riconoscimento di persona e via webcam bisogna procedere con la registrazione; non è disponibile il riconoscimento con la firma digitale, né il codice OTP.
– Lepida: il sito dello SPID dice che, al momento, l’implementazione del riconoscimento dello SPID registrato tramite questo provider “è in corso”; per ora, poi, il riconoscimento si può fare solo con un lettore di smart card o con la firma digitale (il riconoscimento di persona, gratuito, e quello via webcam, a pagamento, saranno attivati “a breve”).
– Namirial: il riconoscimento di persona si può fare solo presso gli uffici di Senigallia, in provincia di Ancona; quello via webcam non è attivo.
– Poste: il riconoscimento di persona è gratuito, presso gli uffici postali e tramite appuntamento; si può anche richiedere il riconoscimento di persona a domicilio, al prezzo di 14,50 €; non ci si può riconoscere via webcam, ma soltanto tramite SMS su un numero di cellulare certificato da Poste in precedenza; offre il terzo livello di sicurezza; è disponibile solo per cittadini italiani.
– Sielte: il riconoscimento di persona si può fare negli uffici, che si possono consultare durante la registrazione; il riconoscimento via webcam è gratuito.
– Register.it: non c’è il riconoscimento di persona; il riconoscimento via webcam parte da 15 € + IVA; non è disponibile per cittadini di paesi extracomunitari.
– Tim: il riconoscimento di persona si può fare solo negli uffici di Roma; il riconoscimento via webcam è gratuito fino al 31 marzo 2019.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.