(ANSA/ PALAZZO CHIGI/ FILIPPO ATTILI)

Il Movimento 5 Stelle si è impuntato su Conte

Di Maio ha cambiato linea e chiede che Conte resti capo del governo, ma Zingaretti non vuole saperne: le trattative tra PD e M5S continuano

(ANSA/ PALAZZO CHIGI/ FILIPPO ATTILI)

Secondo i giornali le trattative tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle per la formazione di una nuova maggioranza sono bloccate sul nome di Giuseppe Conte. Per il Movimento 5 Stelle accettare l’ex presidente del Consiglio come nuovo presidente del Consiglio è la condizione necessaria per formare un nuovo governo con il Partito Democratico, ma sembra che il segretario del PD, Nicola Zingaretti, non voglia saperne, chiedendo «discontinuità» rispetto al passato.

Non rimane più molto tempo per trattare: entro questa sera alle 19, scrivono giornali e agenzie, il presidente della Repubblica ha chiesto ai partiti di fargli sapere quali sono le loro intenzioni. Nel frattempo ha annunciato il calendario delle consultazioni: inizieranno domani alle 16 con i presidenti di Camera e Senato e proseguiranno mercoledì fino alle 19, quando il presidente incontrerà la delegazione del Movimento 5 Stelle (qui gli orari di tutti gli incontri).

Se i partiti dovssero comunicargli che una maggioranza alternativa è impossibile, Mattarella probabilmente nominerà un governo di “garanzia” e scioglierà le camere, mandando il paese a elezioni probabilmente il prossimo novembre. A quanto si sa, i leader del Movimento 5 Stelle dovrebbe essere riuniti proprio in queste per decidere come rispondere al Partito Democratico (oltre ai capigruppo di Camera e Senato alla riunione dovrebbe essere presente Davide Casaleggio e i senatori Nicola Morra e Vito Crimi).

Le trattative tra i due partiti erano cominciate la scorsa settimana, durante le consultazioni con il presidente della Repubblica, ed erano sembrate partire con il piede giusto. Il PD aveva presentato cinque punti molto generici intorno a cui costruire l’accordo (dalla vicinanza all’Europa al cambio nelle politiche migratiorie) e il Movimento 5 Stelle aveva risposto con altri dieci punti apparentemente altrettanto flessibili.

All’inizio il Movimento aveva detto che la condizione per fare un accordo era l’approvazione del taglio dei parlamentari, verso il quale Zingaretti era abbastanza freddo. Dopo i primi incontri però è sembrato che il Movimento fosse disposto ad accettare che il taglio non avvenisse subito ma nel corso della legislatura, e che venisse approvato solo insieme a una più ampia riforma elettorale.

Il principale ostacolo sembrava superato già nel primo giorno di trattativa, ma venerdì il fondatore del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, è entrato in campo con un post sul suo blog che ha rimesso in dubbio l’esito della trattativa. Grillo ha pubblicato un elogio del presidente Conte che si concludeva con queste parole: «Qualsiasi cosa che preveda di scambiare lui, come facesse parte di un mazzo di figurine del circo mediatico-politico, sarebbe una disgrazia».

In risposta al post di Grillo, la leadership del Movimento ha subito cambiato atteggiamento e la scelta di Conte come capo del futuro governo è diventata una condizione necessaria all’accordo, lasciando molti sorpresi nel PD. Zingaretti, infatti, aveva chiarito di essere contrario a un ritorno di Conte prima ancora delle sue dimissioni. Di Maio ha comunicato la nuova condizione al segretario del PD venerdì sera, nel corso dell’unico incontro diretto che i due hanno avuto fino a questo momento. Il giorno dopo il vicesegretario del PD Andrea Orlando aveva riassunto così lo stato delle trattative.

Da quel momento, anche se i contatti informali tra i due partiti sono continuati, quelli ufficiali si sono bloccati. Il PD ha organizzato sei gruppi di lavoro per preparare il programma del futuro governo, ma il Movimento non ha partecipato agli incontri e non risulta che stia lavorando a una sua versione del programma. Nel finesettimana Di Maio ha lasciato Roma ed è andato al mare a Palinuro, in provincia di Salerno. A rendere ancora più complicate le trattative c’è il fatto che Di Maio ha sempre rifiutato di dichiarare concluse le trattative con la Lega, e proprio oggi ha fatto sapere ai giornali in maniera informale che potrebbe esserci un incontro tra lui e Matteo Salvini.

Nel frattempo lo stesso Conte ha cercato in qualche modo di migliorare le sue chance di tornare al governo. Da Biarritz, in Francia, dove si trovava per partecipare al G7, ha fatto sapere di considerare ufficialmente chiusa l’esperienza con la Lega e ha fatto filtrare ai giornali di essere disposto a rivedere i decreti sicurezza, se sarà nuovamente nominato capo del governo. Le sue dichiarazioni, però, non hanno fatto molto per smuovere la trattativa (che Conte non potesse tornare a far parte di un governo con la Lega era chiaro fin dal suo durissimo discorso contro Salvini, mentre la cancellazione dei decreti sicurezza era una condizione posta dal PD sin dall’inizio delle trattative).

È difficile dire se una delle due forze cederà o se l’accordo non andrà in porto a causa di Conte. Sono in diversi all’interno del PD a fare pressione su Zingaretti affinché ceda su Conte, sia tra i membri della sua opposizione interna, guidati da Matteo Renzi (che dopo aver a lungo criticato il Movimento sono diventati i più forti sostenitori di un nuovo accordo, anche se non hanno intenzione di far parte del nuovo governo) sia tra i suoi alleati, come l’ex ministro della Cultura Dario Franceschini. Ma d’altro canto, come molti hanno sottolineato, il fallimento degli accordi non è uno scenario così terribile per Zingaretti: se si andasse al voto, infatti, avrebbe modo di ricambiare i gruppi parlamentari, al momento formati in gran parte da deputati e senatori scelti dal suo rivale Renzi, e prenderebbe con ogni probabilità più voti di quanti ne ottenne il PD alle politiche del 2018.

Anche il Movimento 5 Stelle è diviso tra chi vorrebbe un accordo con il PD e chi preferirebbe tornare ad allearsi alla Lega, mentre sono in pochi quelli che vorrebbero tornare a votare. Il Movimento uscirebbe molto ridimensionato dal voto e c’è il rischio che, a meno di un radicale cambio di statuto, tutti i dirigenti principali del Movimento, tra cui lo stesso Di Maio, si vedano sbarrata la possibilità di una ricandidatura a causa del limite imposto dalla regola dei due mandati.

Anche per questa ragione i giornali scrivono che il Movimento 5 Stelle avrebbe fatto grosse offerte al PD in cambio dell’accettazione di Conte. Diversi giornali scrivono oggi che gli inviati di Di Maio avrebbero proposto al PD il controllo su tre dei ministeri più importanti, Economia, Interno e Giustizia, oltre che l’unica vicepresidenza del Consiglio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.