(ANSA / CIRO FUSCO)

Chi è Caio Giulio Cesare Mussolini

Pronipote di Benito Mussolini e cugino di Alessandra, sarà candidato con Fratelli d'Italia alle elezioni europee e dice che «non si vergognerà mai» della sua famiglia

(ANSA / CIRO FUSCO)

Questo fine settimana, nel corso della conferenza programmatica di Fratelli d’Italia, è salito sul palco per rivolgersi ai delegati un personaggio di cui negli ultimi giorni si sono occupate parecchio le cronache politiche italiane e gli articoli di costume di molti giornali stranieri: Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del dittatore Benito Mussolini e alle prossime elezioni europee del 26 maggio candidato nella circoscrizione Sud dal partito guidato da Giorgia Meloni.

Di lui si è parlato negli ultimi giorni anche per via di una breve sospensione del suo account da parte di Facebook, probabilmente scambiato per un account che incitava all’odio e alla discriminazione a causa del suo cognome (negli stessi giorni erano stati sospesi numerosi account di dirigenti e militanti del movimento neofascista CasaPound). «Il mio cognome a volte è stato un peso», ha detto Mussolini durante la conferenza di Fratelli d’Italia: «La mia famiglia è dovuta scappare due volte dall’Italia, la prima volta dopo le fine della guerra, la seconda negli anni di piombo».

Mussolini è figlio di Guido, secondogenito di Vittorio Mussolini, che a sua volta era figlio del dittatore fascista (Caio è quindi cugino di secondo grado di Alessandra Mussolini, figlia del quartogenito di Benito, Romano, noto pianista jazz). Dopo la guerra, il nonno di Caio, Vittorio, che aveva avuto un ruolo importante nella creazione della Repubblica di Salò, lo stato fantoccio nazista costruito dopo la caduta del regime fascista, fece perdere le sue tracce per diversi mesi e poi, nel 1946, scappò in Argentina con un passaporto falso.

Proprio in Argentina nacque suo nipote, Caio Giulio Cesare, vissuto poi a lungo in Venezuela. In Italia è stato per alcuni anni ufficiale di marina, nel corpo dei sommergibilisti. Ha poi lavorato come manager per Oto Melara, per poi trasferirsi negli Emirati Arabi Uniti per conto di un’azienda livornese che produce piccoli sottomarini e camere iperbariche. Dopo molti anni nel settore privato, da qualche tempo Mussolini ha iniziato ad avvicinarsi alla politica.

Nel 2017 ha iniziato a frequentare Fratelli d’Italia e la sua leader Giorgia Meloni e ha rilasciato la sua prima intervista al Corriere della Sera, nella quale si capisce tra l’altro che i rapporti interni tra i discendenti di Mussolini non sono del tutto sereni. Secondo Caio: «Io e Alessandra [Mussolini] abbiamo avuto un percorso diverso. Lei ha fatto l’attrice, poi è stata eletta senza esperienza. Io sono entrato in Marina, ho due lauree, parlo tre lingue». Alessandra Mussolini sarà probabilmente candidata da Forza Italia nella stessa circoscrizione Sud in cui sarà candidato Caio.

Caio Giulio Cesare Mussolini alla conferenza programmatica di Fratelli d’Italia (ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO)

Dopo la guerra, i Mussolini, anche quelli che collaborarono attivamente con il regime e con i nazisti, come Vittorio, non hanno mai mostrato particolare pentimento e hanno mantenuto vive le tradizioni fasciste di famiglia, scrivendo per giornali neofascisti, sostenendo il Movimento Sociale Italiano, mantenendo la cripta di famiglia a Predappio e costruendo un museo dedicato al dittatore fascista nella villa di famiglia vicino a Forlì. Vittorio, il nonno di Caio, ebbe un funerale fascista con tanto di camicie nere e saluti romani, mentre suo zio Romano prima di morire dedicò al dittatore un libro di memorie apologetico. Il padre di Caio, Guido, ha militato nella Fiamma Tricolore ed è stato candidato sindaco di Roma per il movimento neofascista Forza Nuova nel 2001, come ha ricordato AGI.

A proposito del fascismo, Mussolini oggi è piuttosto ambiguo. «Mio nonno – ha spiegato in una recente intervista al Corriere della Sera – diceva che i fascisti erano quelli che avevano combattuto in quel periodo. Io lascerei la storia agli storici. Io penso che continuare a rivangare il passato sia un errore. Dobbiamo pensare che il fascismo è morto con Mussolini». Quando gli domandano un’opinione su movimenti esplicitamente neofascisti come CasaPound e Forza Nuova, con cui si candidò il padre, Mussolini preferisce non rispondere. Quando gli viene chiesto come giudica l’eredità del suo bisnonno, Mussolini risponde: «Non mi vergognerò mai della mia famiglia».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.