Elon Musk non sta molto bene

Intervistato dal New York Times, ha detto – commuovendosi – che il suo ultimo anno è stato massacrante, che lavora troppo e che «il peggio deve ancora venire»

(Joshua Lott/Getty Images)

Elon Musk, CEO e presidente di Tesla e della società spaziale SpaceX, ha detto, intervistato dal New York Times, che il suo ultimo anno è stato «massacrante». Musk ha detto – commuovendosi più volte – di aver lavorato 120 ore a settimana, di aver passato tutte le 24 ore del suo 47° compleanno lavorando, ha raccontato che gli è capitato di passare tre o quattro giorni consecutivi, giorno e notte, negli uffici di Tesla, e di non aver mai preso più di una settimana di pausa dal lavoro da quando, nel 2001, restò a casa qualche giorno perché aveva la malaria. Ha aggiunto di aver quasi perso il matrimonio del fratello, in cui era testimone. Musk ha anche provato a chiarire alcune delle questioni che l’hanno riguardato negli ultimi mesi, spesso per via del suo istintivo e avventato uso di Twitter; in particolare, ha parlato del suo annuncio, fatto sempre su Twitter, di un possibile ritiro di Tesla da Wall Street.

Il 7 agosto infatti Musk ha scritto in un tweet che voleva ritirate Tesla dalla borsa americana, ricomprando tutte le azioni; Musk aveva aggiunto anche di aver già trovato i soldi necessari e che gli attuali azionisti avrebbero potuto scegliere se diventare azionisti privati o vendere le loro azioni a 420 dollari l’una (un valore più alto di quello che quelle azioni avevano allora e hanno ora). È insolito che una società quotata in borsa decida di ritirarsi dalla borsa (nel 2013 lo fece la società di informatica Dell, che però recentemente ha annunciato che tornerà a quotarsi in borsa) e non è per niente normale (e forse nemmeno legale) che l’annuncio sia fatto su Twitter, in nove parole, a mercati aperti e senza dare ulteriori dettagli.

Tesla, che è in borsa dal 2010, ha un valore più alto di quello di Ford e General Motors: se davvero ogni sua azione venisse venduta a 420 dollari varrebbe 70 miliardi di dollari, e sarebbe la più grande privatizzazione (intesa come uscita dalla borsa) di sempre. Musk deve anche difendersi da accuse di aggiotaggio, il reato che si verifica quando qualcuno diffonde notizie false o esagerate per influenzare l’andamento in borsa di una società. Deve cioè dimostrare che quanto ha scritto nel tweet è vero, e che chi di dovere ne era stato precedentemente informato.

In breve, le cose da sapere su Tesla sono queste: è un’azienda che produce auto elettriche e innovative e potenti “batterie domestiche“. Ha il potenziale per cambiare radicalmente i settori in cui opera, ma c’è chi crede che farà fatica a mantenere le sue promesse. I suoi ricavi sono in crescita, ma tra aprile e giugno la società ha comunque perso 717 milioni di dollari, più del doppio di quanto avesse perso l’anno scorso nello stesso periodo. Tesla è in una fase in cui sta spendendo più di quanto guadagna: semplificando molto, bisogna capire se riuscirà a produrre abbastanza in fretta tutte le auto che pensa di poter vendere. Il principale problema di Musk, dicono i suoi critici, è che spesso fa promesse che difficilmente riesce a mantenere nei tempi previsti.

Dopo il tweet, Musk ha spiegato che la cosa era stata discussa con i più importanti azionisti di Tesla e ha detto che i soldi per la privatizzazione di Tesla sarebbero arrivati dal Fondo Pubblico d’Investimento saudita (FPI). Musk ha anche detto di voler privatizzare Tesla per liberarsi da certi vincoli imposti alle società quotate in borsa (per esempio una dettagliatissima rendicontazione trimestrale) e per liberare la società dalle speculazioni di certi investitori, interessati soprattutto ai risultati nel breve periodo. Musk sostiene che pianificare con un’ottica di tre mesi sia inefficace per Tesla e pensa che la società sia danneggiata dagli short sellers, cioè quegli speculatori che “scommettono contro” una società con operazioni finanziarie che diventano redditizie se il valore di una certa società scende.

Il New York Times ha scritto che Tesla sta cercando un alto dirigente in grado di affiancare Musk, che al momento è sia presidente che amministratore delegato, ed è oberato dal lavoro; lui ha però detto di non aver intenzione di rinunciare a nessuno dei due ruoli, ma ha aggiunto: «Se c’è qualcuno in grado di fare un lavoro migliore, fatemi sapere. Il lavoro è suo».

Parlando al New York Times, Musk ha detto che per addormentarsi prende spesso l’Ambien, un forte farmaco contro l’insonnia: «Spesso mi ritrovo a dover scegliere tra non dormire del tutto o prendere l’Ambien». Ha anche detto che pensava che il peggio fosse passato, ma ha aggiunto, senza entrare granché nei dettagli: «Dal punto di vista operativo, per Tesla, il peggio è passato. Ma per quanto riguarda la mia sofferenza personale, il peggio deve ancora arrivare». Musk ha anche negato di aver scritto il tweet sulla possibile privatizzazione di Tesla dopo aver fumato cannabis; qualcuno aveva visto nel valore di acquisto delle azioni (420 dollari) un riferimento al numero 420, associato – per ragioni non chiarissime – al consumo di marijuana. Ha detto: «Mi sembrava solo che 420 fosse un numero migliore di 419. Ma non avevo fumato. L’erba non aiuta la produttività».

Musk a febbraio fu celebratissimo per aver mandato con successo nello Spazio un razzo molto potente e, insieme al razzo, una Tesla Roadster protagonista di un paio di foto famosissime. Negli ultimi mesi ha però dato del pedofilo a uno dei sub che avevano salvato i ragazzi thailandesi intrappolati nella grotta (chiedendo poi scusa), se l’è presa con i giornalisti che criticavano le sue società ed è stato protagonista di altre controversie, spesso legate al suo uso di Twitter. Di recente è per esempio stato accusato dalla cantante Azealia Banks – che era a casa sua per collaborare con la cantante Grimes, compagna di Musk – di aver usato Twitter, probabilmente per il tweet sulla privatizzazione, dopo aver assunto acidi. Al momento l’ultimo tweet di Musk riguarda una video-recensione molto positiva di una Tesla 3.