(AP Photo/Miriam Karout)
  • Mondo
  • giovedì 16 agosto 2018

A Berlino hanno trovato un altro pezzo di Muro

Alcuni abitanti del distretto di Mitte l'hanno trovato passeggiando per caso; era coperto da piante rampicanti

(AP Photo/Miriam Karout)

All’inizio di giugno alcuni abitanti di Berlino stavano passeggiando nel distretto di Mitte, a nord di Alexanderplatz e dell’isola dei musei, quando hanno trovato un muro di calcestruzzo lungo circa 20 metri, in gran parte coperto da piante rampicanti. Tra loro c’era anche Ephraim Gothe, consigliere comunale nel distretto di Mitte, che si occupa di sviluppo urbano. Gothe ha pensato che potesse essere un pezzo del muro di Berlino, costruito nel 1961 e fatto crollare nel 1989, e aveva ragione: è stato dimostrato che si tratta di un pezzo in gran parte intatto di una parte del muro costruito per dividere Berlino Est da Berlino Ovest durante la Guerra fredda.

Il pezzo di muro faceva parte del perimetro esterno, quello che impediva agli abitanti di Berlino Est di avvicinarsi alla barriera principale (il muro vero e proprio). Il pezzo di muro da poco scoperto – che tra l’altro è vicinissimo alla nuova sede della BND, l’agenzia di intelligence tedesca – non era mai stato trovato perché, semplicemente, era coperto dalle piante.

Il nuovo pezzo di muro è stato aggiunto il 13 agosto a quelli protetti in quanto monumenti storici di Berlino. Si trova su un terreno in cui un’agenzia immobiliare aveva in mente di realizzare un parco, ed è quindi probabile che il pezzo di muro sarà parte di quel parco. Il 13 febbraio a Berlino è stato festeggiato un giorno definito “equinozio”. Era quando i giorno passati dal crollo del muro erano pari a quelli in cui il muro era restato in piedi: 28 anni, 2 mesi e 26 giorni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.