• Italia
  • venerdì 29 giugno 2018

Tre carabinieri hanno cercato di incastrare per terrorismo un uomo ghanese

Lo hanno aggredito, gli hanno messo in casa armi e testi in arabo per far credere che appartenesse all'ISIS, ma sono stati scoperti

Tre carabinieri di Giugliano, in provincia di Napoli, sono stati arrestati per aver fabbricato le prove contro un uomo ghanese di 37 anni, accusato ingiustamente di essere un terrorista islamico. Secondo le ricostruzioni dell’accusa, i tre carabinieri avevano messo nella casa dell’uomo alcune armi e un finto piano per compiere un attentato: progettavano di arrestarlo e ricevere così un encomio ufficiale, cosa che avrebbe giovato alla loro carriera. I tre sono stati fermati con le accuse di falso ideologico, calunnia, detenzione e porto illegale di armi clandestine. Secondo alcune intercettazioni citate dai giornali, non sarebbe stata la prima volta che i tre provavano a incastrare qualcuno attribuendogli la volontà di fare un attentato.

Il caso è iniziato il 25 giugno, quando Munkail Kailu Osman, che lavora nei campi alla periferia di Napoli e ha un regolare permesso di soggiorno, è stato aggredito in casa da tre carabinieri, due marescialli e un appuntato. «Sono arrivati nel primo pomeriggio», ha raccontato al Corriere del Mezzogiorno, «mi hanno mostrato delle pistole e un Corano. Io ero con alcuni amici, ho detto subito: non sono miei. Ma mi hanno portato via ugualmente». Parlando con Repubblica, Osman ha raccontato che in quei momenti un carabiniere gli ha anche augurato di morire in carcere, dicendo: «Mò che è arrivato Salvini e Renzi non ci sta, ti dobbiamo fare un culo così».

Non è chiaro quando i carabinieri abbiano piazzato il materiale sospetto in casa di Osman, ma secondo il Corriere del Mezzogiorno avevano messo da parte moltissimi oggetti che avrebbero dovuto provare la sua appartenenza allo Stato Islamico (o ISIS): «un quaderno manoscritto inneggiante ad Allah e ai suoi martiri in inglese, italiano e arabo; cinque fogli manoscritti, sempre nelle tre lingue, inneggianti al sacrificio dei martiri contro i miscredenti; un quaderno raffigurante la Mecca con scritte in arabo; una custodia di colore verde contenente un libretto di preghiere in arabo; otto copie del Corano. Ci dovevano essere, ovviamente, anche le armi: i carabinieri si sono procurati – come e dove lo si sta accertando – un revolver con sei cartucce e una semiautomatica con dodici cartucce». In casa di Osman avevano messo anche dei volantini di un supermercato locale, in cui avevano sottolineato le entrate.

Non è chiaro perché i tre carabinieri avessero preso di mira proprio Osman: il Manifesto scrive che «probabilmente è stato individuato perché non aveva legami forti con il territorio e quindi più vulnerabile, dal punto di vista dei tre carabinieri».

Osman ha passato una notte in carcere ma il gip non ha convalidato il suo arresto: i carabinieri del nucleo investigativo provinciale di Napoli stavano indagando da tempo sui tre carabinieri, e le loro conversazioni erano sotto intercettazioni. Non è ancora chiarissimo quando e come abbiano provato a inscenare altri attentati, e forse se ne saprà di più nelle prossime settimane. Repubblica scrive che nel frattempo i tre carabinieri arrestati «hanno chiesto scusa all’Arma e agli immigrati ingiustamente accusati».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.