Le cose che non tornano nel curriculum di Giuseppe Conte

La New York University non ha tracce degli studi dichiarati dal futuro capo del governo, e ci sono dubbi anche su altre affermazioni

Giuseppe Conte, il 1 marzo 2018 (Fabio Cimaglia/LaPresse)

Ci sono diverse cose che non tornano nel curriculum di Giuseppe Conte, il 53enne avvocato civilista e insegnante di diritto che è stato indicato da Movimento 5 Stelle e Lega come presidente del Consiglio del futuro governo dopo gli incontri di lunedì pomeriggio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Di Giuseppe Conte non si sanno molte cose, e buona parte delle informazioni messe in fila dai giornali, sulle sue esperienze di studio e professionali, vengono da due curriculum disponibili online: il primo è stato redatto dallo stesso Conte e si trova sul sito dell’Associazione civilisti italiani, mentre il secondo è disponibile sul sito della Camera dei deputati ed è stato caricato nel 2013.

Sul curriculum consegnato all’Associazione civilisti italiani si legge che Giuseppe Conte avrebbe “perfezionato” i suoi studi da giurista alla New York University nel 2008 e nel 2009. Un portavoce dell’università, Michelle Tsai, ha però detto al New York Times di non avere trovato traccia della presenza di Conte né come insegnante né ricercatore né come studente. Tsai ha escluso che Conte possa aver frequentato dei veri corsi offerti dalla New York University, e ha detto che al massimo potrebbe aver frequentato dei corsi di uno o due giorni, per i quali l’università non conserva documenti.

Sul curriculum disponibile sul sito della Camera – presentato da Conte stesso nel 2013, quando fu scelto dal Parlamento come membro del Consiglio di presidenza della Giustizia Amministrativa – c’è scritto che «dall’anno 2008 all’anno 2012 ha soggiornato, ogni estate e per periodi non inferiori a un mese, presso la New York University, per perfezionare e aggiornare i suoi studi», una formulazione che sembra in contraddizione con quanto dichiarato dalla New York University.

In uno dei due curriculum, Conte dice di aver “perfezionato” i suoi studi di Diritto, oltre che alla New York University, anche a Yale (dove sarebbe stato nel 1992), alla Duquesne University di Pittsburgh (sempre nel 1992), alla Sorbona di Parigi (nel 2000) e al Girton College dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito (nel settembre 2001). L’università di Cambridge ha fatto sapere che per policy non interviene in casi del genere, ma una fonte interna dell’agenzia internazionale Reuters ha detto di non aver trovato alcuna traccia di studi di Conte, che al massimo potrebbe aver frequentato un corso tenuto da personale esterno (anche perché l’ateneo a settembre è chiuso). Il Messaggero e Repubblica hanno raccolto alcune iniziali smentite sul fatto che Conte abbia frequentato dei corsi a Pittsburgh e alla Sorbona. In generale non è chiaro cosa Conte intenda concretamente per “perfezionamento degli studi”.

La direttrice dell’ufficio marketing e comunicazione della Duquesne University, Bridget Fare, ha confermato al Post che Conte non abbia mai seguito corsi presso l’università. Nei primi anni Novanta, ha detto Fare, Conte era tuttavia coinvolto nella gestione di un programma che permetteva a studenti italiani di seguire dei corsi della Duquesne University e “si è occupato di ricerca in ambito giuridico e di migliorare la collaborazione con Villa Nazareth”, l’organizzazione italiana che finanziava il programma di studi all’estero. Il lavoro di Conte come coordinatore dei progetti di studio di Villa Nazareth è comunque indicato a un’altra voce del suo curriculum.

Il curriculum di Conte indica anche un periodo di “perfezionamento degli studi di Diritto” all’Internationales Kulturinstitut di Vienna, che pero è una scuola di tedesco. Nel secondo curriculum il periodo di studi a Vienna non è indicato come un periodo di “perfezionamento” degli studi di diritto, ma più genericamente come un soggiorno studio di tre mesi presso l’Internationales Kulturinstitut. Il Post ha contattato Giuseppe Conte per avere chiarimenti, e lo stesso ha fatto per le altre università indicate nei suoi curriculum: questo articolo sarà aggiornato man mano che arriveranno risposte e conferme.

Un comunicato diffuso martedì dal Movimento 5 Stelle dice che «nel suo curriculum Giuseppe Conte ha scritto con chiarezza che alla New York University ha perfezionato e aggiornato i suoi studi. Non ha mai citato corsi o master frequentati presso quella università» e, più avanti, aggiunge che «Conte, come ogni studioso, ha soggiornato all’estero per studiare, arricchire le sue conoscenze, perfezionare il suo inglese giuridico». Questa precisazione aggiunge poco a quanto già si sapesse e non chiarisce i dubbi sulle cose che non tornano: in particolare, continua a non essere chiaro che tipo di corsi abbia seguito Conte alla New York University. In cosa consista, insomma, questo «perfezionamento» (lo stesso vale per una e-mail pubblicata da Adnkronos, che dimostra che una volta Conte ebbe un appuntamento con un docente universitario, peraltro solo nel 2014).

Nel curriculum disponibile sul sito della Camera, inoltre, Conte scrive di essere stato «designato» a far parte del Social Justice Group istituito presso l’Unione Europea. L’Unione Europea però non ha nessun organo che si chiama in questo modo. Nei primi anni Duemila era invece attivo un collettivo di professori di varie università europee chiamato “Social Justice in European Private Law” e definito con quel nome, che aveva pubblicato un Manifesto nel 2004. Martijn Hesselink, capo dei professori che ha coordinato la stesura del documento, ha detto al Post che Conte «non è stato membro del Social Justice Group che ha scritto, firmato e pubblicato il manifesto». Hesselink contesta anche la formula «designato» con cui Conte ha presentato la sua presunta collaborazione: «Il collettivo si è auto-costituito, nessuno è stato designato a farne parte». Da un libro universitario pubblicato nel 2009 sembra che Conte si sia limitato a firmare il manifesto un anno dopo la sua pubblicazione, assieme a una ventina di altri esperti.

In altre parti i curriculum di Conte riportano informazioni non completamente false ma imprecise e “gonfiate”. Nella versione del suo curriculum disponibile sul sito della Camera, per esempio, Conte scrive – al presente – di essere «consulente legale della Camera di Commercio, dell’Industria e dell’Artigianato di Roma». Dagli archivi online della Camera di Commercio risulta che negli ultimi dieci anni Conte ha svolto una sola consulenza, nel 2008, ricevendo un compenso di 1.920 euro per la sua partecipazione alla “commissione per la Regolazione del Mercato”. Contattato dal Post, l’ufficio stampa della Camera di Commercio ha detto che tutte le collaborazioni sono disponibili sul sito, e non ne esistono altre che non sono state registrate.

Conte sostiene anche di essere membro della commissione cultura di Confindustria. Raggiunto dal Post, un portavoce di Confindustria sostiene che Conte lo sia effettivamente stato, ma fino al 2012. Conte dice anche di essere membro dell’Association Henri Capitant des amis de la culture juridique française, un’importante associazione francese di studi di diritto a cui può aderire chiunque pagando la quota associativa. Sul sito dell’associazione non è indicato che Conte abbia qualche tipo di incarico, o uno status più prestigioso di quello degli altri membri. Il Foglio, inoltre, ha contattato lo studio legale che Conte sostiene di aver fondato nel 2002; secondo alcune loro fonti Conte ne sarebbe un semplice collaboratore.

Leggi anche: Giuseppe Conte e il caso Stamina

Mostra commenti ( )