Una donna tunisina con una bandiera del suo paese a Tunisi, il 14 gennaio 2016 (FETHI BELAID/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • venerdì 15 settembre 2017

Ora le donne tunisine possono sposare anche uomini non musulmani

È stata abolita una legge del 1973 che lo impediva e che secondo il presidente della Tunisia era diventata incostituzionale

Una donna tunisina con una bandiera del suo paese a Tunisi, il 14 gennaio 2016 (FETHI BELAID/AFP/Getty Images)

La Tunisia ha abolito una legge che impediva alle donne tunisine di sposare uomini non musulmani, a meno che non si convertissero all’Islam e lo dimostrassero con un certificato. La legge che in precedenza poneva dei limiti alla libertà di matrimonio delle donne era in vigore dal 1973 e prevedeva anche che le donne tunisine che sposavano uomini non musulmani all’estero non vedessero riconosciuto il proprio matrimonio nel loro paese. La nuova legge è già entrata in vigore, quindi le coppie composte da una donna tunisina e da un uomo non musulmano possono già sposarsi. Il presidente tunisino Beji Caid Essebsi aveva annunciato l’abolizione della legge il mese scorso, dicendo che era in contrasto con la Costituzione adottata nel 2014.

La Tunisia è considerata uno dei paesi più progressisti riguardo ai diritti delle donne tra quelli a maggioranza musulmana (in Tunisia il 99 per cento della popolazione è musulmana): la poligamia è proibita fin dal 1956 e lo scorso luglio il Parlamento ha anche cancellato una legge sul matrimonio riparatore che consentiva agli uomini colpevoli di stupro di non subire una condanna nel caso in cui sposassero la propria vittima (una legge simile esisteva anche in Italia fino al 1981). Tuttavia esistono ancora numerose forme di discriminazione nei confronti delle donne in Tunisia: ad esempio, in caso di eredità i figli maschi ricevono il doppio rispetto alle figlie femmine. Secondo l’Associazione Tunisina delle Donne Democratiche circa il 70 per cento delle donne tunisine ha subito un abuso almeno una volta nella vita e secondo Amnesty International la situazione delle donne nel paese non è migliorata molto dopo la rivoluzione del 2010.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.